1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Melone (o Cucumis melo): proprietà, benefici, valori nutrizionali, utilizzi e controindicazioni

Melone (o Cucumis melo): proprietà, benefici, valori nutrizionali, utilizzi e controindicazioni

Il melone, il cui nome scientifico è Cucumis melo, è un frutto estivo appartenente al gruppo delle Cucurbitaceae, nel quale rientra anche l’Anguria.

Probabilmente i luoghi originari di nascita del melone sono l’Asia o L’Africa, anche se al giorno d’oggi i maggiori produttori di questo frutto a livello mondiale sono l’Asia e l’Europa, in particolare la Francia la Spagna e l’Italia (nella quale il melone fu introdotto in epoca cristiana). Questo avviene perché la pianta di tale frutto per crescere e maturare necessita di un clima caldo.

Descrizione della pianta e tipologie

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

La pianta di melone non è altro che un fusto rampicante, il cui frutto (per l’appunto il melone) ha una forma pressapoco rotonda. Tale frutto può avere la buccia gialla e la polpa bianca, o la buccia retata e la polpa arancione . In entrambi i casi si contraddistinguerà per il sapore dolce ed intenso e per la propria succosità.

Esistono tre principali tipologie di melone:

  • Il melone retato, il quale è caratterizzato da un profumo forte ed avvolgente. Ha un forma ovale e la sua buccia è retata, di un colore a metà tra il grigio ed il marrone e attraversata da lunghe righe verdi
  • Il melone di Cantalupo è anch’esso caratterizzato da un profumo forte e da una forma ovale. Tuttavia la sua buccia è generalmente rugosa, di un colore tra il grigio ed il verde, e racchiude una polpa di colore arancione. Secondo diverse storie, il nome di questa tipologia deriva da una piccola città, in provincia di Rieti, che è dove sarebbe giunto il melone per la prima volta dall’Asia
  • Il melone d’inverno, invece, si contraddistingue per la propria buccia gialla e la polpa bianca, che racchiude un sapore dolce e succoso. Tale melone cresce e matura nel periodo compreso tra Settembre e Dicembre, e proprio da questo ne deriva il nome

Calorie e valori nutrizionali del melone

Come si può vedere dai valori riportati qui di seguito, il melone contiene poche calorie ed è quindi molto indicato per coloro che seguono diete ipocaloriche. Dona un’immediata sensazione di sazietà ed, essendo ricco di acqua, svolge una forte azione diuretica, e depurativa dei reni.

Valori nutrizionali per 100g di melone:

Proprietà nutrizionali del melone

Grazie ai numerosi nutrienti che contiene, il melone ha altrettanto numerose proprietà nutrizionali. Ecco elencati qui di seguito i principali nutrienti in esso contenuti.

  • Beta-carotene: il beta-carotene è un pigmento vegetale di un colore tra il giallo e l’arancione, conferendo tale colore ai vegetali che lo contengono. In particolare, il beta-carotene combatte i processi di invecchiamento cellulare causati dai radicali liberi e svolge una forte azione antiossidanti. Inoltre, bisogna ricordare che il beta-carotene è il precursore della Vitamina A ed è importante per: stimolare la crescita delle cellule e la loro differenziazione; per proteggere gli occhi e la vista.
  • Potassio: il potassio è coinvolto in svariati processi importanti per il nostro organismo, tra cui sicuramente: l’equilibrio acido/base, la contrazione dei muscoli, l’invio degli impulsi al sistema nervoso, la riduzione della pressione arteriosa e il controllo del battito cardiaco.
  • Niacina: la niacina è una vitamina che svolge un’azione vasodilatatrice; riduce i livelli di colesterolo LDL (cattivo) nel nostro organismo; è impiegata, insieme ad altri due coenzimi in importanti processi metabolici.
  • Vitamina C: la Vitamina C svolge una forte azione antiossidante, combattendo i danni che vengono causati dai radicali liberi in eccesso. Inoltre, è fondamentale per la stimolazione e la protezione dello stato immunitario, per cui può tornare molto utile quando si è influenzati o raffreddati. Se si dovesse verificare una carenza di Vitamina C nell’organismo umano, potrebbero verificarsi sintomi come stanchezza, infezioni frequenti, dolori ai muscoli e mancanza di appetito.
  • Folati: i folati sono i precursori dell’acido folico, anche conosciuto come Vitamina B). I folati sono importanti nei processi di regolazione della crescita; di sintesi dell’emoglobina (la proteina incaricata di portare ossigeno ai tessuti del nostro corpo) e degli amminoacidi; nella salvaguardia di una corretta funzionalità cerebrale.

Il melone e le sue proprietà benefiche

Il melone ha numerose proprietà che risultano benefiche per il nostro organismo, proprio grazie ai principi contenuti in esso elencati precedentemente. Vediamo quindi, quali solo le principali proprietà benefiche del melone.

Azione antiossidante ed antitumorale: Il melone riesce a svolgere un’azione sia antiossidante quanto tumorale grazie alle elevante quantità di beta-carotene che contiene. Esso riesce a controllare e prevenire i danni dell’invecchiamento cellulare e dei tumori causato dai radicali liberi.

Riduzione della pressione arteriosa: Grazie al potassio contenuto in esso, il melone stimola i processi di diuresi e, di conseguenza, eliminando i liquidi in eccesso, favorisce anche l’abbassamento della pressione arteriosa.

Protezione della vista: Grazie alla presenza di Vitamina A, il melone, se assunto regolarmente, riesce a preservare gli occhi e la vista, proteggendoli dalla degenerazione maculare, ossia una patologia che in serge in seguito ad i processi di invecchiamento dell’occhio.

Protezione del sistema immunitario: Grazie alla Vitamina C contenuta in esso, il melone protegge e rafforza il sistema immunitario contro l’attacco di virus e batteri.

Lotta alla ritenzione idrica ed alla cellulite: Essendo ricco di acqua e potassio e stimolando la diuresi, il melone è ottimo per contrastare tanto la ritenzione idrica quanto la cellulite. Inoltre, in tal modo, il melone garantisce anche la costante salute dei reni.

Prevenzione di infarti ed ictus: L’assunzione di melone può essere utile per prevenire la comparsa di infarti ed ictus, grazie all’adenosina contenuto in esso. L’adenosina, infatti, rende il sangue più fluido e previene la formazione di coaguli.

Azione cicatrizzante: Il melone, inoltre, è molto utile per accelerare i processi di guarigione e di cicatrizzazione delle ferite. Tale proprietà è da attribuirsi al contenuto di vitamina C, che incrementa la produzione di collagene.

Stimolazione dell’abbronzatura: Essendo ricco di beta-carotene che stimola la produzione di melanina, il melone, così come tutti i frutti di colore arancione, garantisce una corretta abbronzatura senza il rischio di scottature e previene i possibili danni dei raggi UV.

Come consumare ed utilizzare il melone

Se destinato ad un semplice uso alimentare, il melone deve essere necessariamente fresco e biologico, con la buccia soda, che poi andrà eliminata insieme ai semi. Naturalmente può essere consumato in qualsiasi momento della giornata, intero oppure sotto forma di succhi e frullati. In particolare, è ottimo il mix tra melone e fragole, pesche, limone, cetrioli, sedano o albicocche.

Tuttavia un altro utilizzo del melone può essere quello cosmetico. Ad esempio, si potrebbe stendere il succo di melone sulla pelle del viso esposta al sole, di modo tale da poter beneficare del suo effetto rinfrescante e decongestionante.
Oppure, la polpa potrebbe impiegata per creare una maschera per volto, che possa rendere la nostra pelle morbida e luminosa. Ancora meglio se la polpa viene mescolata ad un po’ di miele e di latte di mandorla non zuccherato.

Controindicazioni del melone

Nonostante le sue numerose azioni e proprietà benefiche, se assunto in quantità eccessive, anche il melone potrebbe presentare degli effetti indesiderati. Infatti, tale frutto ha un alto indice glicemico ed elevate dosi di potassio, che potrebbero portare crampi muscolari e disturbi gastrici. Naturalmente l’assunzione di melone è sconsigliata a coloro che soffrono di diabete.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.