1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Olio essenziale di Salvia: che cos’è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

L’olio essenziale di salvia è ricavato dalla pianta di salvia.
Le sue proprietà sono conosciute sin dall’antichità, tant’è che il suo nome deriva dal latino e vuol dire letteralmente “salvare”, proprio perché si credeva che la pianta di salvia potesse guarire da ogni male.

Anticamente veniva utilizzato principalmente per problemi digestivi, per l’ansia, il panico, l’insonnia e le ulcere.

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di salvia

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Sicuramente l’olio essenziale di salva, se usato nei giusti modi, può portare numerosi benefici al nostro organismo.

Una delle principali azioni dell’olio essenziale di salvia è quella rilassante: allevia lo stress, il nervosismo, le condizioni di angoscia, le sensazioni di paura e le paranoie. Proprio per questo, potrebbe essere utile nell’affrontare le crisi di mezza età e la menopausa.
In questo caso l’olio punta alla riattivazione della creatività e della voglia di fare.

Sicuramente, poi, non da meno è l’equilibrio che apporta al sistema ormonale femminile. Esso agisce su ristagni di liquido linfatico; cellulite; dolori e gonfiore della sindrome premestruale; vampate della menopausa; amenorrea o ciclo mestruale abbondante; alopecia. Per beneficiare al meglio di questa azione potrebbe essere utile diluirlo con dell’olio di mandorle, e massaggiare il composto ottenuto sulle zone interessate da problemi ormonali.

L’olio essenziale di salvia svolge anche una funzione espettorante: un vero toccasana per la guarigione di bronchite cronica, asma o tosse influenzale.

Sicuramente conosciuto è anche il forte odore della salvia, tanto pungente quanto delicato. Grazie ad esso, l’olio essenziale è anche un ottimo deodorante, tanto per il corpo quanto per gli ambienti.

Due gocce di olio essenziale di salvia mescolate con un po’ di miele hanno un effetto depurativo e disintossicate sul fegato, sui reni; per la guarigione de febbre, infezioni intestinali, diarrea e intossicazioni.

Infine, l’olio essenziale di salvia ha anche una funzione cicatrizzante in caso di afta, dermatite, piaghe, punture di insetto, acne, funghi, micosi e candidosi.

Descrizione della pianta

Il nome scientifico della salvia è Salvia sclarea, ed appartiene alla famiglia delle Labiatae. 

E’ una pianta perenne e sempreverde, la sua forma somiglia a quella di un cespuglio con fiori e fogliame decorativo.
La sua massima altezza è di un metro.
Il fusto è eretto con un diametro massimo di 9 mm, ricoperto da una peluria crespa di spessore di 2mm.
Le sue foglie sono grandi e di colore verde, con delle sfumature di color porpora, anch’esse ricoperte da peluria.

I fiori sono di colore violaceo, ad infiorescenza aperta, mentre i frutti sono degli acheni.

Per la realizzazione dell’olio essenziale vengono utilizzati i fiori e le foglie. Essi vengono distillati in corrente di vapore.

Come utilizzare l’olio essenziale di salvia

L’olio essenziale di salvia può essere destinato ad uso interno o esterno.

Ad uso esterno può essere utilizzato sicuramente come profumatore per l’ambiente, attraverso un bruciatore di oli essenziali o gli umidificatori dei termosifoni.

Ne possono essere anche aggiunte alcune gocce in un bel bagno caldo, con diversi scopi: per infezioni urogenitali; per cicatrizzare ferite; per rilassarsi o per il profumo.

Inoltre, può essere un ottima lozione per capelli per la pulizia del cuoio capelluto o contrastare l’alopecia. Per poterlo usare in questo modo, però, lo si deve diluire con il 15% d’acqua oppure aggiungere direttamente ad uno shampoo neutro, oppure ancora ad olio di cocco o d’oliva. Questo utilizzo è utile anche per regolarizzare la produzione di sebo del cuoio capelluto e se si desidera scurire il colore naturale di capelli.

Per uso interno, invece, è principalmente destinato ai gargarismi contro afte, gengive sensibili, nelle stomatiti e nelle laringiti

Controindicazioni dell’olio essenziale

Essendo un prodotto completamente naturale, l’olio essenziale di mandorla non irrita e non intossica la pelle.
Tendenzialmente, quindi, non comporta alcuna controindicazione, a meno che non si sia allergici ad uno dei suoi componenti. In tal caso potrebbero verificarsi degli effetti collaterali anche gravi, tra cui comparsa di bolle e prurito.
Per questo si consiglia di provare il prodotto sempre su di un piccolo lembo di pelle prima di utilizzarlo.

Inoltre, è controindicato l’uso dell’olio essenziale di salvia durante la gravidanza e l’allattamento; in concomitanza all’assunzione di ferro o sostanze alcoliche.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.