1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Punture di Insetti: cosa sono, sintomi e possibili cure

Punture di Insetti: cosa sono, sintomi e possibili cure

Rientranti nei disturbi estivi sono i morsi di animali che tendono a colpire le caviglie, sugli arti superiori ed inferiori al fine di piantare una chiazza gonfia nota col nome di ponfo.

Sintomi punture insetti

Quest’ultimo risulta essere un gonfiore avente conformazione imprecisa e tonda, di tonalità rossa che causa prurigine e che seppur si forma rapidamente tende a dissolversi ugualmente in maniera rapida. Solitamente il ponfo tende ad essere causa della salivazione della zanzara.

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Questo perché la salivazione opera azione anticoagulante causa della fuoriuscita del sangue. Solitamente tali zanzare tendono ad essere attratte dalla temperatura del corpo e dal vestiario che lo stesso soggetto ha addosso.

Possibili cure

Regime alimentare

In caso di puntura da zanzare risulta opportuno sfregare sull’area l’erba limoncina oppure del basilico fresco per poi sciacquare la zona con dell’olio di oliva. Al fine di allontanare le zanzare, spesso si tende a preparare dei ramoscelli di fogliame di pomodoro. Alfine, si sostiene che i soggetti tolleranti al lievito e coloro che sono soliti mangiare alimenti fermentati siano maggiormente esposti alle punture di zanzare.

Fitoterapia

Il trattamento principale si differenzia in una duplice tipologia: di prevenzione oppure analgesiche. Risulta possibile cogliere piante aromatiche aventi all’interno le medesime sostanze acquistabili sul mercato al fine di salvaguardare la propria abitazione da eventuali animali. Un esempio risulta essere il gel di aloe vera oppure l’oleolito di calendula adoperato sul morso e capace di placare la prurigine e l’irritazione.

Fiori di Bach

Tale rimedio favorisce non soltanto il corpo ma anche l’animo. Un esempio è dato dal Rescue Remedy ottimale al fine di curare lesioni, tensioni ed esaurimenti.

Olio essenziale

Sul mercato risulta possibile reperire delle sostanze analgesiche a base di oli essenziali ed aventi caratteristiche benefiche antisettiche ed antibiotiche. Non risultano essere oleose e svolgono funzione analgesica e di salvaguardia. Solitamente tendono ad essere consigliati l’olio di citronella, di basilico e di geranio. Ugualmente l’olio di lavanda risulta essere ottimale. Basta difatti utilizzare 1/2 gocce sull’area per stare subito meglio.

Omeopatia

Nel campo omeopatico rientra la concentrazione di 5 CH oppure 7 CH ottimale per i morsi di insetto. Per quanto concerne le dosi, solitamente si consiglia di prendere 3-4 granuli in caso di sintomatologia acuta, abbassandone i dosaggi di volta in volta. Laddove lo stesso morso dovesse essere di tonalità rosastra e rigonfiata, si consiglia di applicare l’apis mellifica. In caso invece di morso biancastro con bordatura rossastra ottimale è il Ledum palustre. Le temperature gelide accrescono l’infiammazione pertanto ottimale è l’uso dell’urtica urens.

Attività

Risulta consigliabile resistere alla prurigine, svolgendo un attività mentale zen che accresce la resistenza.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.