1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Farina Gialla Bramata: che cos’è, proprietà, valori nutrizionali ed utilizzi

Farina Gialla Bramata: che cos’è, proprietà, valori nutrizionali ed utilizzi

La farina gialla bramata è un derivato dei cereali, in particolare di semi di amido della pianta erbacea annuale Zea mays, appartenente alla famiglia delle graminacee.

In poche parole è conosciuta più comunemente come farina di mais, anche se, secondo il disciplinare italiano, non può essere definita come una vera farina perché non è frutto della macinatura del grano tenero.

Proprietà e valori nutrizionali della Farina Gialla Bramata

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

La farina gialla bramata è ricca di:

  • amido, quindi calorie. Le calorie sono maggiori nella farina gialla bramata a crudo, mentre in cottura assorbe il 400% del peso e le calorie diminuiscono di oltre la metà. Proprio per questo la farina bramata è consigliata nelle diete ipocaloriche, per il diabete mellito di tipo 2 e per l’ipertrigliceridemia
  • vitamine del gruppo B (Niacina, B5 e PP), che svolgono la funzione di fattori e cofattori che contribuiscono ai processi metabolici cellulari
  • carotenoidi, che svolgono una funzione antiossidante
  • acido pantotenico e acido folico
  • retinolo e pro-vitamina A per il miglioramento della vista
  • minerali, tra cui potassio, manganese, magnesio, zinco. Il potassio controlla la trasmissione dei segnali neuro-muscolari e riequilibra le quantità di sodio. E’ coinvolto nell’espulsione di urine, sudore e feci, per questo è un ottimo antipertensivo
  • carboidrati
  • lipidi, che sono principalmente grassi polinsaturi, come: acido alfa-linolenico (ALA) e linoleico (LA), omega 3, omega 6. Tutti questi grassi favoriscono il mantenimento degli organi e delle funzioni biologiche
  • proteine, che però sono a medio valore biologico, per cui non sono ideali per l’apporto di amminoacidi essenziali e devono essere integrate con proteine di origine animale o vegetale
  • fibre alimentari insolubili, le quali aumentano il senso di sazietà e moderano l’assorbimento nutrizionale, abbassando i livelli di glicemia, colesterolo, sali biliari. Inoltre, preservano l’integrità della flora batterica intestinale prevenendo fenomeni di stipsi, stitichezza, diverticolosi, diverticolite, ragadi anali; favoriscono l’espulsione di sostanze tossiche e cancerogene dall’intestino.
    Le fibre contenute nella farina gialla bramata possono contribuire anche al controllo dell’ipercolesterolemia, migliorando la concentrazione lipidica

Siccome non contiene glutine, la farina gialla bramata può essere usata anche dai soggetti affetti da celiachia e da intolleranza al lattosio.

Ecco qui di seguito i valori nutrizionali per 100 g di farina gialla bramata.

  • Energia 375,0 kcal
  • Carboidrati totali 82,75 g
  • Amido 0 g
  • Zuccheri Semplici 0,64 g
  • Fibre 1,9 g
  • Grassi totali 1,39 g (di cui Saturi 0,171 g; Monoinsaturi 0,274 g; Polinsaturi 0,0695 g)
  • Colesterolo 0,0 mg
  • Proteine 5,59 g
  • Acqua 9,81 g
  • Vitamina A RAE 11,0µg
  • Luteina Zexantina 0 µg
  • Vitamina A 214 IU
  • Tiamina o vit B1 0,074 mg
  • Riboflavina o vit B2 0,058 mg
  • Niacina o vit PP o vit B3 2,656 mg
  • Acido Pantotenico o vit B5 0 mg
  • Piridossina o vit B6 0,097 mg
  • Folati 48,0µg
  • Vitamina B12 o cobalamina 0,0µg
  • Colina 0 mg
  • Vitamina C 6,6 mg
  • Vitamina D 0,0µg
  • Vitamina E 0,15 mg
  • Vitamina K 0,3µg
  • Calcio 2,0 mg
  • Ferro 0,91 mg
  • Magnesio 18,0 mg
  • Manganese 0 mg
  • Fosforo 60,0 mg
  • Potassio 90,0 mg
  • Sodio 1,0 mg
  • Zinco 0,37 mg
  • Floruro 0 µg

Utilizzi della Farina gialla bramata

La quantità media consigliata da consumare in un pasto di farina gialla bramata è di 80 g.
Viene utilizzata principalmente nella cucina settentrionale, tipica della polenta bergamasca. Il procedimento per fare la polenta non è difficile ma è noioso: si fa bollire una quantità d’acqua che deve essere il quadruplo del peso della farina; si devono mettere 10 grammi di sale ogni litro d’acqua e la cottura deve durare circa 40 minuti.

La polenta può essere servita con sugo, formaggi, pesce, selvaggina o carne.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.