1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Granadilla: che cos’è, benefici, valori nutrizionali ed utilizzi

Granadilla: che cos'è, benefici, valori nutrizionali ed utilizzi

Risultante essere un frutteto tropicale denominato ugualmente col denominativo di maracuja gialla è la granadilla. Quest’ultima tende ad essere deglutita con l’utilizzo di un cucchiaio piccolo e si presenta come un gustoso frutteto esotico avente al suo interno un elevato quantitativo di sostanze nutritive e minerali fondamentali per salvaguardare la salute della mente e del corpo.

Che cos’è la Granadilla?

Si presenta similare al melograno, non soltanto per quanto concerne l’esteriorità ma anche il gusto e presenta al suo interno un elevato quantitativo di principi nutrizionali. Tale frutteto tende ad essere deglutito senza l’aggiunta di altro al fine di giovare del gusto totale. Inoltre, spesso tende ad essere utilizzato sotto forma di ingrediente al fine di dare vita a cocktail e dolciumi tipici dei paesi tropicali.

Garcinia Cambogia

Tende ad essere noto anche col denominativo di frutteto del sole, denominativo connesso ad esso dai conquistatori spagnoli che trovano la granadilla. Risulta essere un frutteto della Passiflora ligularis, un arbusto erbaceo rientrante nel complesso delle Passifloraceae che si propaga nelle aree tropicali dell’America del Sud. Ha una conformazione tonda ed un odore forte dalla grandezza similare alla pesca.

La buccia si presenta tosta e di tonalità giallognola aranciata, con una sementa coperta dalla superficie gelatinosa. Il gusto risulta essere dolciastro ed ha una preponderante vena acidognola. Proviene dalle Ande, principalmente nelle aree fra la Bolivia ed il Venezuela. Tale tipologia della passiflora si propaga nelle regioni subtropicali e tende ad essere colta nelle aree aventi temperature climatiche mediterranee oppure temperate. Tale pianta tende ad essere colta non soltanto per estrarre il frutteto ma anche per decorare gli ambienti poichè i boccioli presentano tonalità sgargianti ed adatte alla scena.

Predilige temperature fra i 18° ed i 27° durante la stagione estiva mentre nella stagione invernale non devono essere inferiori ai 5°. Laddove si voglia cogliere tale frutteto, risulta consigliabile porre la stessa all’interno di aree lontane dal vento, privilegiando le aree esposte ai raggi solari. Necessita di annaffiatura contigua specialmente nel corso della stagione estiva, contrariamente alla stagione invernale laddove bisogna prestare attenzione a quante volte la si annaffia ovviando l’accumulazione di acqua. Al fine di produrla bisogna prendere della torba, della terra fertile e della sabbia.

Nel corso della primavera bisogna porla inferiormente al terreno preparandola precedentemente con l’utilizzo di potassio ed un ridotto quantitativo di azoto. Tende, ad oggi, ad essere colta anche nello stato Italiano, laddove la si pone all’interno di un vaso oppure all’interno di terreni. Quest’ultima procedura tende ad essere prescelta specialmente dalle regioni meridionali e dalle zone costiere aventi una temperaturaclimatica mite.

Distinzione fra maracuja gialla e viola

Risultati essere tipologie di ciò che prende il nome di frutteto della passione è la maracuja giallognola e la maracuja violacea. La prima risulta essere un frutteto della passiflora edulis flavicarpa contrariamente alla seconda che risulta essere il frutteto della passiflora edulis. Tali frutteti si presentano differenti non soltanto per quanto concerne la tonalità del tegumento (il quale nella prima varietà si presenta giallognola aranciata mentre nella seconda varietà si presenta violacea) ma anche per la grandezza ed il gusto. Difatti, la maracuja gialla risulta avere dimensioni maggiori rispetto a quella violacea ed un gusto acidognolo.

Benefici e valori nutrizionali della Granadilla

La granadilla vanta di svariate caratteristiche benefiche che agevolano la funzione e lo stato salutare psico-fisico. Tale frutteto data l’elevata quantità di fibre e di pectina risulta ottimale per coloro che soffrono di stitichezza agevolando pertanto l’appetenza, peculiarità ottimale specialmente per coloro che stanno seguendo un regime alimentare con un ridotto quantitativo di calorie.

Congiuntamente, presenta un elevato quantitativo di ferro, fondamentale al fine di salvaguardare i fastidi connessi all’anemia di cui sono soggetti solitamente le donne di età giovanile aventi mestruazioni generose oppure nel corso della gestazione.

L’elevato quantitativo di vitamina C agevola l’assimilazione del ferro, accrescendo le difese immunitarie, dunque, tale frutteto diviene un fondamentale cooperante avente la capacità di contrastare i malanni invernali. L’elevato quantitativo di antiossidanti naturali salvaguarda il deterioramento cutaneo e cellulare combattendo la funzione dei radicali liberi.

L’utilizzo contiguo di tale frutteto agevola la riduzione dei quantitativo di colesterolo all’interno del flusso sanguigno salvaguardando il soggetto dalle malattie connesse al sistema cardiocircolatorio. Ulteriore caratteristica benefica connessa a tale frutteto risulta la distensione e l’azione sedativa che opera in maniera positiva sui fastidi connessi all’ansia contrastando l’insonnia ed agevolando l’assopimento.

Tale frutto difatti al suo interno si compone di:

nonché

Utilizzi della granadilla

Tale frutteto non soltanto tende ad essere deglutito senza l’aggiunta di alcun ingrediente, ma spesso risulta essere ottimale al fine di produrre cocktail, creme e yogurt. Solitamente si tende a consumare la polpa con l’utilizzo di un cucchiaio piccolo.

Tale polpa spesso tende ad essere posta all’interno di frullatori ed adoperata al fine di insaporire centrifugati e frullati e per dare vita a salse da accostare a dolciumi oppure da inserire all’interno di yogurt 0% zuccheri.

Data la presenza di un epidermide ispessito similare al melagrano, tende ad essere conservata per lunghe tempistiche. Posta all’interno di ambienti lontano da fonti di calore e luce, tale frutteto desiste sino ai 3 giorni sebbene sia possibile porre il frutteto all’interno del frigo per 10 giorni.

In aggiunta, risulta probabile porre il frutteto all’interno del congelatore oppure all’interno del freezer ponendo la polpa internamente ad una bustina ermetica.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.