1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Dieta Fat Flush: che cos’è, come funziona, cosa mangiare e controindicazioni

Dieta Fat Flush: che cos'è, come funziona, cosa mangiare e controindicazioni

La dieta fat flush può definirsi un regime alimentare che mira alla perdita di peso e alla depurazione dell’organismo. Qui in Italia non vanta una grande notorietà, a differenza di ulteriori paesi.

La dieta fat flush è stata ideata e perfezionata dalla nutrizionista statunitense Ann Louise Gittleman, la quale ha conseguito un dottorato in nutrizione presso il Pritikin Longevity Center. Qui la dottoressa ha potuto osservare come i pazienti, assumendo pochi grassi, portassero al termine con successo la dieta. Da qui è nata la dieta fat flush, povera di carboidrati e di calorie.

Come funziona la Dieta Fat Flush

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

La dieta fat flush mira principalmente a:

Come precedentemente visto, la dieta prevede una povera assunzione di carboidrati e quindi di calorie, così da disintossicare l’intero organismo. La teoria della nutrizionista è quella di far bruciare maggiori grassi e più velocemente dal fegato.

La dieta fat flush si suddivide in 3 differenti fasi:

  1. Fase 1. Fase della disintossicazione. Bisogna bere 8 bicchieri di succo di mirtillo ed acqua al giorno, così da diminuire la ritenzione idrica. Le calorie sono 1.100\1.200, e grano e latticini sono assolutamente vietati.
  2. Fase 2. Fase della perdita del peso. Le calorie aumentano leggermente così come qualche carboidrato.
  3. Fase 3. Fase del “Piano di alimentazione Lifestyle”, che prevede il controllo duraturo del peso perso. Anche qui aumentano leggermente le calorie con il 40% di carboidrati, il 30% di proteine ed il 30% di grassi. I latticini possono essere consumati con moderazione.

E’ importante associare alla dieta fat flush dell’attività fisica. Infatti risultano ottimi 20 o 30 minuti di camminata per 5 volte a settimana e 100 jumping jack ogni giorno, così da bruciare i grassi. Nella terza fase della dieta si dovrà aumentare con lo sport aggiungendo dei pesi all’allenamento; alla dieta bisogna anche associare un diario alimentare giornaliero.

A detta della nutrizionista Ann Louise Gittleman, tutti coloro che seguono passo passo la dieta fat flush sono destinati a perdere grasso e cellulite da vita, fianchi e cosce. Il regime alimentare promette inoltre maggiore energia ed un metabolismo più efficiente, oltre a stabilizzare l’umore ed il sonno. La maggior parte delle persone che si affidano alla dieta ne sono attratti perché il peso si perde velocemente, soprattutto nella prima fase dalla durata di 2 settimane.

Cosa mangiare nella Dieta Fat Flush

E’ bene informare tutti coloro che sono interessati a questa dieta, che è possibile trovare in vendita degli appositi kit i quali contengono tutti i cibi già pronti e i necessari integratori.
Per chi volesse invece evitarli e fare da sé, deve tenere sempre bene a mente quali alimenti vanno bene e quali no.

La dieta fat flush  prevede comunque l’assunzione di:

  • Proteine magre derivanti da carne, pesce ed uova, per un totale di 225 grammi al giorno
  • Frutta per 2 volte al giorno
  • Verdura sia cotta che cruda, a volontà
  • Spezie brucia grassi
  • Olio di semi di lino
  • Olio di enotera

I cibi che devono essere assunti con un certo criterio sono invece:

  • Un solo alimento proteico ad ogni pasto, escludendo le uova
  • Frutta e verdura vanno mangiate separatamente
  • Carne e latte vanno mangiati separatamente
  • Si beve acqua solo fuori dai pasti

Al mattino si deve mangiare per ogni 3 ore e la prima cosa da fare è quella di bere acqua e limone. All’interno della prima fase della dieta fat flush  è necessario consumare un “cocktail long-life”, che si realizza unendo un cucchiaino di bucce di psillio oppure un cucchiaio di semi di lino tritati nel succo di mirtilli rossi, diluito in 4 parti di acqua precedentemente filtrata.

Assolutamente vietati nella prima fase sono:

Nella seconda fase è possibile aggiungere alcuni carboidrati, scegliendone uno a settimana fra:

  • riso integrale
  • piselli
  • zucca
  • carote
  • patate dolci

La terza fase vede infine un aumento dei carboidrati.

Controindicazioni della Dieta Fat Flush

In quanto molto restrittiva, prevalentemente nelle prime due fasi, la dieta fat flush necessita di grande costanza, a volte dura da mantenere. E’ sempre sconsigliato passare al fai da te rimuovendo intere categorie di alimenti, scegliendo da subito una dieta equilibrata e di farsi seguire da un nutrizionista.

Qualora si volesse provare soltanto la dieta fat flush, è importante trovarsi in condizioni di salute adatte, consultandosi ovviamente prima con il medico curante.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.