1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Maggiorana: che cos’è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

La Maggiorana Origanum Majorana, è un’erba aromatica appartenente alla famiglia delle Labiate, la stessa di origano, timo, cumino, anice e finocchio. A questa sono attribuite molteplici proprietà, benefici, nonché utilizzi sia in cucina che in campo cosmetico. Scopriamola meglio!

Che cos’è la Maggiorana?

Il fusto della maggiorana è eretto, dal colore rossastro, e la sua altezza non supera i 60/80 centimetri. Le sue foglie sono piccole, hanno forma ovale e al tatto si presentano pelose, mentre i fiori, uniti in spighe, possono essere sia di colore bianco che rosa.
All’olfatto, la maggiorana si presenta fortemente aromatica, mentre le foglie, utilizzate sia essiccate che fresche, sono una delle spezie maggiormente utilizzate nella cucina mediterranea tradizionale.

Garcinia Cambogia

La culla della maggiorana si trova sia in Africa nord-orientale che in Asia orientale, luoghi dove prolifera spontaneamente. In Europa, viste le difficoltà di crescita spontanea, si è costretti a coltivarla.

La maggiorana, come appena accennato appartiene alla famiglia delle Labiate, e quindi anche a quella dell’origano. Infatti con quest’ultimo, la maggiorana ha in comune anche l’appartenenza (da questo Origanum), l’aspetto somigliante e il sapore. A differenza dell’origano però, il sapore della maggiorana risulta essere di gran lunga più delicato.

Proprietà e Benefici della Maggiorana

Nella maggiorana è possibile trovare numerosi minerali e vitamine, quali:

fitonutrienti ivi contenuti, rappresentano un ottimo alleato per la salute del corpo umano. Tra i più importanti ricordiamo: acido rosmarinico, tannini e flavonoidi.

Viste le proprietà benefiche, le foglie e i fiori della maggiorana, vengono largamente utilizzate in campo erboristico, omeopatico, aromaterapico, cosmetico e culinario.
Tra le proprietà più importanti della maggiorana ricordiamo:

  • antinfiammatorie,
  • antibatteriche,
  • digestive,
  • antispastiche,
  • carminative (contro i gas di stomaco e intestino),
  • antispasmodiche,
  • emmenagoghe (favoriscono il flusso mestruale),
  • toniche,
  • espettoranti,
  • sedative,
  • balsamiche,
  • rilassanti.

Visto che la maggiorana risulta efficiente in vari campi, possiamo dire che i benefici più importanti, ad essa riconosciuti, agiscono su:

  • pelle,
  • apparato digerente,
  • sistema nervoso,
  • tessuto osteoarticolare,
  • vie aeree,
  • apparato genitale femminile.

Utilizzi della Maggiorana

Come già detto, spesso e volentieri si suole adoperare le foglie e i fiori della maggiorana, essiccati o no, per donare sapore ai più svariati piatti. Le parti aeree, invece, vengono spesso usate per produrre degli infusi. Dall’olio essenziale e dalla tintura madre è possibile ricavare tutte le sue proprietà benefiche, e possono essere adoperati sia ad uso interno che ad uso esterno.

INFUSO DI MAGGIORANA

Molto utilizzato in fitoterapia, l’infuso di maggiorana si ha dalla macerazione di 50 g di droga in 1 litro di acqua, con un quantitativo di maggiorana del 5%.
Questo si ottiene sbriciolando le infiorescenze nell’acqua bollente, dopodiché bisognerà lasciare in infusione per almeno 10 minuti. L’infuso dovrà essere infine filtrato e poi bevuto tiepido, al fine di combattere molteplici patologie, tra le quali abbiamo:

→ DISTURBI GASTROINTESTINALI. La bevanda risulta un ottimo rimedio naturale contro i disturbi gastrointestinali come diarrea, meteorismo e flatulenza. Combatte il mal di pancia e permette la creazione dei succhi gastrici, permettendo così una buona digestione. In questi casi, l’infuso dovrà essere assunto dopo i pasti e per almeno 2 o 3 volte al giorno.
→ TOSSE E RAFFREDDORE. Viste le proprietà antiinfiammatorie, battericide ed espettoranti, la bevanda risulta un ottimo rimedio naturale per tosse e raffreddore. Funge da calmante e da sedativo e combatte inoltre, i fastidi da essi provocati. Per queste problematiche, sono previsti dei suffumigi dall’infuso bollente,che vedranno un’inalazione di 20 minuti almeno.
→ MAL DI GOLA. I gargarismi effettuati con l’infuso, sono in grado di alleviare tutte le infiammazioni alla gola e al cavo orale.
→ STRESS ED INSONNIA. Bevendo un infuso caldo ogni sera prima di coricarsi, facilita il sonno e libera dallo stress. La bevanda riesce infatti a calmare il sistema nervoso, così come l’ansia permettendo un maggiore relax.
→  DOLORI MUSCOLARI. Unendo l’infuso di maggiorana nell’acqua bollente, è possibile fare un bel bagno tonificante e profumato. Si dovrà stare in ammollo per 10 minuti, facendo dei massaggi delicati su tutti i muscoli.

OLIO ESSENZIALE DI MAGGIORANA

Distillando in corrente di vapore i fiori essiccati della maggiorana, è possibile ricavare l’olio essenziale, che ha un colore giallo chiaro. Utilizzato in fitoterapia e in omeopatia, l’olio essenziale agisce contro molteplici disturbi, tra cui:

→ DOLORI MUSCOLARI E REUMATICI. Adoperato ad uso topico, l’olio essenziale aiuta a combattere dolori muscolari e reumatici, sciogliendo 15 o 20 gocce in un dito di alcool, e massaggiandolo sulle zone in interesse.
→ MACCHIE CUTANEE. Ad uso esterno, è possibile applicare l’olio essenziale sulla cute, per combattere tutte le macchie cutanee. Basta soltanto qualche goccia, frizionando sulla zona in interesse.
→ TOSSE E RAFFREDDORE. L’olio essenziale di maggiorana può essere inalato tramite suffumigi e/o aerosol, per combattere gli acciacchi di stagione. Poche gocce dello stesso agiscono contro raffreddore, tosse, catarro bronchiale e liberano il naso chiuso.
→ MAL DI TESTA. Sciogliendo 3 o 4 gocce di olio essenziale in un cucchiaino di zucchero, garantiscono un rimedio per il mal di testa. Massaggiando invece 1 o 2 gocce di olio essenziale sulla fronte, possono eliminare il mal di testa prima ancora che nasca.
→  SISTEMA NERVOSO E SONNO. 15 gocce di olio essenziale messe nell’acqua da bagno, facilitano il rilassamento, distendendo i nervi e permettendo così un facile sonno.
→ ANSIA ED AGITAZIONE. Versando 1 o 2 gocce di olio essenziale su di un fazzoletto, ed aspirandone poi l’aroma, combatte l’ansia e funge da calmante contro l’agitazione.
→ INSONNIA. Assumendo 4 o 6 gocce di olio essenziale, sciolte con un poco di zucchero, prima di mettersi a letto, aiuta a combattere l’insonnia e a dormire meglio.
→ PURIFICATORE DELL’ARIA. Versando qualche goccia di olio essenziale di maggiorana nella vaschetta dell’acqua del termosifone, funge da antisettico e disinfettante, purificando così tutto l’ambiente.
→ AROMATERAPIA. L’olio essenziale di maggiorana, viene spesso usato come decongestionante delle vie respiratorie; versando infatti 6 o 15 gocce nel diffusore ad ultrasuoni, permette di espandere l’aroma per tutto l’ambiente, combattendo tosse, raffreddore e aprendo così le vie respiratorie.
→ INDUSTRIA ALIMENTARE. Non tutti sanno che l’olio essenziale di maggiorana viene spesso adoperato nella produzione di superalcolici come il vermouth, ma anche alcolici, salumi, salse e gelatine.
→ COSMESI. L’olio essenziale di maggiorana viene infine adoperato per produrre saponi e profumi.

TINTURA MADRE DI MAGGIORANA

Estraendo la parte alcolica dalle parti della pianta fresca, è possibile ottenere la tintura madre, dall’azione antispasmodica, antifungina e antibatterica. E’ prevista un’assunzione di almeno 40 gocce, per 3 volte al giorno, e risulta utile contro:

→ METEORISMO E CATTIVA DIGESTIONE. La tintura madre di maggiorana funge da calmante delle pareti dello stomaco.
→ DISMENORREA. L’azione antispasmodica si allunga anche sull’utero, andando a diminuire i dolori provocati dalle mestruazioni.
→ SISTEMA NERVOSO. In campo omeopatico, la tintura madre aiuta contro i disturbi dell’umore nel caso in cui vi sia troppa eccitazione sessuale.
→ HERPEX SIMPLEX. Applicando qualche goccia di tintura madre sulla zona di interesse (in genere sulle labbra), aiuta a combattere il disturbo di origine virale, causato in genere da stress o da tensione.

IN CUCINA

La maggiorana è una spezia che presenta un sapore intenso ma delicato, e viene spesso adoperata nella cucina mediterranea e nella cucina di tradizione rivierasca. 
Accompagna in genere piatti di carne o pesce, primi piatti, legumi, pizza, funghi, formaggi o noci.

Nella cucina di alcune regioni, la maggiorana viene adoperata al posto dell’origanoed in particolare sui pomodori o sulla pizzaiola. Adoperata sia fresca che essiccata, è da utilizzarsi solo a fine cottura, al fine di mantenere inalterate tutte le sue proprietà organolettiche.

Così come avviene con le altre spezie, la maggiorana può essere utilizzata in sostituzione del sale. Viste le sue 272 calorie per ogni 100 grammi di prodotto, può essere adoperata da tutti coloro che intendono perdere peso. 

Controindicazioni della Maggiorana

L’utilizzo della maggiorana può comportare la comparsa di controindicazioni od effetti collaterali. In particolare si parla di ipersensibilità ai principi attivi, in quanto si potrebbero avere delle allergie o reazioni cutanee.
Consumare le foglie, non apporta invece precise controindicazioni.

L’utilizzo della tintura madre e dell’olio essenziale di maggiorana, è infine sconsigliato in caso di gravidanza, allattamento e ai bambini inferiori di 12 anni.

Lo sapevi?

La maggiorana è da molti nota anche sotto i nomi di Amaracus majorana Origanum amaracus, e si pensa che questi appellativi abbiano addirittura origini nella mitologia greca.

A casa di Ciniro, il re di Cipro, dimorava Amaraco, che era un giovane ufficiale quale compito era quello di proteggere i profumi di corte; per sua sfortuna, un giorno venne rotta l’otre che conteneva un’importante fragranza. Il dispiacere per il giovane fu tale, che pensò bene di lasciarsi morire. Gli Dei restarono impietositi da ciò, ragion per cui a unanime decisione, venne tramutato in pianta di maggiorana.

In passato, prima ancora della scoperta del luppolo, le piante di maggiorana, venivano adoperate come ingrediente base per la creazione della birra. Ai tempi dei 2 conflitti mondiali, invece, quando vigeva la miseria e quindi la mancanza di tabacco da fumare, si Voleva adoperare la maggiorana che fungeva quindi da sostituto.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.