1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Spelta: che cos’è, proprietà, utilizzi e valori nutrizionali

Spelta: che cos’è, proprietà, utilizzi e valori nutrizionali

La spelta, Tricticum spelta, è una tipologia di frumento all’interno del quale è possibile trovare il glutine.

Cenni storici

La spelta è comparsa per la prima volta tra Asia occidentale ed Africa, almeno 8.000 anni fa. La spelta, denominata anche farro-spelta, pare sia un incrocio tra due differenti specie di graminacee, ovvero il Tricticum dicoccum e l’Aegilops squarrosa.

Aloe Ferox Bioness

Attraverso gli scambi commerciali avvenuti tra l’Impero e l’Egitto, la spelta cominciò ad essere consumata dai romani: ragion per cui da alcuni ritrovamenti archeologici austriaci sono venuti fuori dei semi di spelta risalenti almeno al 14.000 a.C.

Già dal Medioevo, la spelta era molto sviluppata nell’Europa continentale ed in Italia; qui veniva coltivata in tutta la val Padana. All’inizio del XX secolo la spelta veniva adoperata anche in altra zone quali Svizzera, Germania e Francia; qui veniva fermentata per produrre la birra, oppure come mero alimento per gli animali.

Oggi spelta e farro vengono coltivati raramente. Le uniche zone dove ancora è possibile trovarne tracce è nella Lunigiana, area tra Liguria e Toscana, e fra Pisa e Lucca.

Proprietà della spelta

Scientificamente, si suole fare la distinzione fra 3 differenti tipologie di farro:

  1. farro piccolo o monococco
  2. farro medio o dicocco
  3. farro grande o spelta

All’interno del farro è possibile trovare molteplici benefici importanti per il nostro corpo, tra cui sali minerali come potassio, fosforo, magnesio e vitamine A e B, alleati per la bellezza della cute. E’ molto ricco anche in proteine vegetali, valida alternativa alle proteine animali.

Il cereale viene molto consigliato ai soggetti che soffrono di stitichezzaviste le proprietà lassative, ma anche ai soggetti portatori di diabete, in quanto l’indice glicemico è addirittura inferiore a quello di riso e pane bianco. Molto consigliato anche a tutti coloro che intendono perdere peso, visto che sazia e contiene il senso di appetenza.

Utilizzi della spelta

La spelta risulta essere un cereale molto versatile, visto che può essere adoperato in molteplici preparazioni; i suoi valori nutrizionali poi sono addirittura superiori a quelli del frumento.

La spelta può essere assunta sia in chicchi e quindi in minestre brodose, sia sfarinata per produrre pasta e pani in generale. Così come monococco e dicocco, anche la spelta risulta differente dal comune frumento visto che qui ci sono degli involucri che non possono essere mangiati, e che aderiscono alla cariosside dello stesso; queste sono le glumelle.

Valori Nutrizionali della spelta

La spelta risulta essere uno dei cereali con minor numero calorico, infatti in ogni 100 grammi di prodotto edibile vi sono soltanto 340 calorie ed aminoacido essenziale metionina, che manca quasi in tutti gli altri cereali. Chimicamente, però, la composizione nutrizionale della spelta risulta essere molto somigliante a quella del frumento.

All’interno di 100 g di spelta è inoltre possibile trovare:

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.