1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Clorofilla: che cos’è, proprietà, benefici e controindicazioni

Clorofilla: che cos'è, proprietà, benefici e controindicazioni

La clorofilla risulta essere una sostanza vegetale particolarmente utile per l’interno benessere dell’organismo. Viene sovente adoperata in quanto integratore alimentare, visti i numerosi benefici.

Che cos’è la clorofilla?

La clorofilla altro non è che una molecola presente in piante ed alghe, e ne genera proprio il particolare colorito verde. La sua funzione, oltre quella appena enunciata, è quella di attrarre i raggi del sole, e di conseguenza la loro energia, adoperata, grazie ad acqua e biossido di carbonio, per avere il glucosio, quale fonte di nutrimento e l’ossigeno, che verrà poi liberato all’interno dell’aria.

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Anche noi assumiamo naturalmente clorofilla nel momento in cui ci cibiamo di ortaggi. Le fonti più ricche in clorofilla sono sicuramente gli spinaciil prezzemolo ed il crescioneA seguire abbiamo: rucola, fagiolini verdi, broccoli, asparagi, lattuga ed alga spirulina.

Sovente si assume la clorofilla sotto forma di integratore alimentare, estraendola direttamente dalle piante appena citate. Questa non si diluisce in acqua, per cui la si deve estrarre mediante solventi organici, tipo alcool etilico, acetone oppure olio d’oliva.

Quando si estrae la clorofilla, questa diviene successivamente instabile, per cui perde il suo naturale colorito divenendo più scura con la luce. Dato ciò molto comune risulta essere il derivato, ovvero la clorofillina. Questa è una soluzione diluibile in acqua, fatta di sali di sodio oppure potassio, che ne va a modificare la struttura.

Proprietà e benefici della clorofilla

La clorofilla presenta particolari proprietà benefiche per l’interno organismo. Vediamone qualcuna.

Previene lo sviluppo di tumori

In seguito a numerosi studi, è venuto fuori che la clorofilla potrebbe essere molto utile nella prevenzione dei tumori. Clorofilla e clorofillina potrebbero infatti manifestare importanza per:

  • Attività chemio-preventiva, la quale fa sì che non proliferi alcun tumore, operando proprio su quegli agenti che consentono la nascita alle neoplasie.
  • Potenziale terapeutico.

I composti possono anche sviluppare dei complessi con cancerogeni, dove l’assorbimento a livello intestinale non viene effettuato, così da diminuire l’azione tramutante per queste cellule. Le molecole principalmente implicate in questa operazione sono:

  • Aflatossina-B1, la quale va a sintetizzare dei ceppi di Aspergillus flavus, ovvero un fungo invisibile ad occhio nudo.
  • Idrocarburi aromatici policiclici, che si trovano all’interno del fumo emanato dalle sigarette ed in tutti quei prodotti con cui si fanno le affumicature.
  • Ammine eterocicliche, le quali si generano all’interno della carne quando cotta ad alta temperatura.
  • Eme presente all’interno della carne, o per meglio dire, un prodotto del metabolismo dello stesso.

Proprietà antiossidanti e contrastanti dei radicali liberi

Degli studi hanno dimostrato che grazie alla clorofilla è possibile bloccare l’operato dei radicali liberi, insieme anche alla sua proprietà antiossidante, capace dunque di bloccare gli ossidanti.

Rallenta l’invecchiamento della pelle

Anche la clorofilla fa sì che l’invecchiamento cutaneo venga rallentato. Infatti, in seguito a degli esperimenti effettuati su soggetti al di sopra dei 45 anni, i quali hanno assunto la clorofilla per ben 90 giorni, è venuto fuori:

  • un incremento della sintesi di procollagene.
  • una diminuzione dello sviluppo di dimeri di timina, quale danno nei confronti del DNA generato dai raggi UV.
  • una diminuzione dell’apoptosi dei cheratinociti, generata anche questa dai raggi UV.
  • diminuzione del danneggiamento dovuto dalle tipologie reattive dell’ossigeno, o ROS, generata anch’essa dai raggi UV.

Consente di perdere peso

Assumendo la clorofilla è possibile combattere la problematica dell’obesità, visto che consente di diminuire le infiammazioni intestinali, apportando migliorie sulla flora intestinale che meglio permette di digerire.

Grazie alla clorofilla è anche possibile tenere sotto controllo gli zuccheri presenti all’interno del sangue, insieme al senso di inappetenza, facilitando dunque il dimagrimento.

Controindicazioni della clorofilla

Prima si iniziare qualsiasi assunzione della clorofilla e derivati, o se la si sta già assumendo, è bene chiedere prima un consulto medico. La clorofilla contiene sì importanti proprietà benefiche, ma al contempo anche delle sostanze che potrebbero risultare controindicate in fase di gravidanza ed allattamento; si fa per lo più riferimento agli integratori alimentari.

Dopo aver assunto la clorofilla, può succedere si notare un diverso colorito delle urine e delle feci, le quali potrebbero essere verdi, mentre la lingua di colore giallo o nero. In alcuni casi sono stati manifestati anche stati di diarrea

Assumere la clorofilla potrebbe apportare anche problematiche di ipersensibilità alle radiazioni del sole, visto che nel corpo verrà tramutata in differenti metaboliti, come filloeritrina. Tenendo conto di questa possibilità, bisogna dunque utilizzare sempre una buona protezione con filtri solari, ed evitare di assumerla con ulteriori agenti fotosensibilizzanti, come:

  • antibiotici, tipo tetracicline e fluorochinoloni
  • soluzioni fitoterapiche con iperico, ovvero l’erba di San Giovanni.
Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.