1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Teff: che cos’è, proprietà, valori nutrizionali ed utilizzi

Teff: che cos'è, proprietà, valori nutrizionali ed utilizzi

Risultante essere un arbusto rientrante nel complesso delle Poaceae è il Teff. Tale vegetale erbaceo risulta proveniente dall’Africa, propriamente dall’Etiopia e dall’Eritrea. Così come ulteriori tipologie di cereali, di questo tende ad essere adoperata la sementa.

Il denominativo è connesso alla radica ethio-semita che viene tradotta come perduto. Tale termine risulta connesso alla fattibilità col quale risulta possibile disseminare la sementa minuta dello stesso.

Proprietà e valori nutrizionali del Teff

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

All’interno del teff non vi è alcuna presenza di glutine e per tale motivazione risulta ottimale al fine di contrastare le patologie celiache. Conferisce a ciascun soggetto un apporto proteico ottimale dato l’elevato quantitativo di lisina. Risulta tuttavia importante ricordare che gli aminoacidi presenti al suo interno presentano una valenza biologica nella norma. Non vi è alcuna presenza di colesterolo e dato l’elevato quantitativo di fibre risulta ottimale da utilizzare nei regimi alimentari contrastanti la stipsi e la glicemia.

Tende ad essere consigliato l’uso del Teff ugualmente nei soggetti obesi, affetti da diabete mellito di tipo 2 ed ipertrigliceridemia. Ciò nonostante, dato l’elevato quantitativo glicemico, risulta consigliabile non eccedere coi dosaggi. Fra i sali minerali rientrano il calcio ed il ferro seppur con quantitativi limitati.

Presenti sono quantitativi medi di fosforo, magnesio, alluminio, rame, zinco, boro e bario. Per quanto concerne il quantitativo vitaminico, all’interno del teff risulta possibile rintracciare un elevato quantitativo di vitamina B1 e PP. Non vi è alcuna presenza di lattosio e per tale motivazione risulta ottimale per i soggetti celiaci, vegetariani e vegani.

Tuttavia si consiglia di somministrarlo congiuntamente ad ulteriori cereali con dosaggi regolari specialmente se si tratta di soggetti obesi, affetti da iperglicemia ed ipertrigliceridemia. Si consiglia di somministrare il teff con quantitativi pari agli 80-90 gr. apportando all’incirca 295-330 Kcal.

Utilizzi del Teff

Tale prodotto risulta rientrabile all’interno dei prodotti alimentari gluten-free. Per quanto concerne la cozione, la sementa può essere cotta similmente al miglio ed alla quinoa. Ciò nonostante, data la grandezza ridotta, bisogna utilizzare un grado di calore ed una tempistica ridotta. Necessita di aree secche e paludose.

Data l’elevata ipersensibilità ai raggi UV tende a germogliare susseguentemente alle 12 ore d’esposizione. Risulta essere un cereale alquanto fondamentale per il popolo dell’Etiopia e dell’Eritrea, laddove tende ad essere adoperato al fine di imballaren il keyta. Risulta ottimale da adoperare per la preparazione della birra sprovvista di glutine. Inoltre, risulta possibile rintracciare il teff anche negli stati Indiani ed Australiani seppur con un’entità ridotta mentre negli Idaho e Kansas risulta quasi totalmente inutilizzabile oggi giorno.

Data la ridotta grandezza della sementa, risulta bastevole un ridotto quantitativo al fine di seminare un terreno ampio. Negli USA è considerato un prodotto alimentare ottimale al fine di agevolare il nutrimento e la salute alimentare. In aggiunta risulta bendisposto per l’ampliamento rurale e la sostenibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.