1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Sambuco: che cos’è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

Sambuco: che cos'è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

Risultante essere un arbusto adoperato nel campo della fitoterapia è il Sambuco, date le caratteristiche diuretiche, diaforetica, lassative, emetiche ed antinevralgiche.

Pianta del Sambuco

Tale arbusto rientra nel gruppo delle Caprifoliaceae e risulta essere minuto ma spesso è capace di giungere anche ad alture che vanno dai 5 ai 10 mt. Il fogliame risulta essere antistante a due a due e con gambi allargati lungo il basamento. Il bocciolo è minuto ed emana un ottimo profumo. Ha una tonalità biancastra o tendente al crema.

Aloe Ferox Bioness

Il prodotto risulta essere la drupa nera. Bisogna pertanto raccogliere tale frutto fra il mese di Maggio e Giugno. Al fine di raccogliere il prodotto vengono usati i frutti e le infiorescenze secche. Il bocciolo si secca nel momento in cui viene posto ai raggi UV e alle temperature aree ottenendo una tonalità gialla ed un profumo particolare. Fra i principi attivi vi è la sambucina, la sambunigrina, la rutina, l’isoquercitina, l’astragalina, il campferolo, l’olio essenziale, gli acidi grassi, il tannino (presente all’interno del tegumento), l’emulsina, l’invertina, la benaldeide (presente all’interno del fogliame), il tannino, la colina, il mucillagine, il malato, l’acido valerianico, l’acido tartarico (presente all’interno dei boccioli) e l’antocianine, la cera, la gomma, l’acetato, il malato, l’acido tartatico e l’acido citrico (presente all’interno del prodotto).

Tale pianta è particolare diffusa nello Stato Italiano e in molte aree europee dove si stanzia principalmente lungo i rilievi, nei ruderi e nei boschi radi. Dalla filtrazione dei boccioli di tale pianta, con aggiunta di anice, finocchio, menta, liquirizia ed ulteriori spezie si ricava un saporito liquore digestivo, noto col denominativo di Sambuca, facilmente reperibile in commercio.

Caratteristiche del Sambuco

Peculiari caratteristiche terapeutiche di tale pianta risultano essere: proprietà diuretiche, diaforetiche, antinevralgiche, emollienti, lassative, antifibrillanti, emetiche, antireumatiche, antinfiammatorie, stimolanti e purificanti. L’allucinogeno risulta essere particolarmente prescritto per contrastare raffreddori, infezioni al sistema respiratorio, tosse, faringite, bronchite, rinite, stiticheria, emorroidi, aritmie, infezioni ed infiammazioni alle vie urogenitali.

É capace inoltre di contrastare cistiti, uretriti, litiasi urinarie, edemi, reuma, gotte, fastidi epidermidali, dermatosi, eruzioni cutanee, nevralgie, epilessie e bisogno di purificare il corpo. Opera su diversificati organi come il muscolo cardiaco, il cavo orale, l’intestino, lo stomaco, i reni, l’apparato urinario, il fegato e le difese immunitarie.

Utilizzi

L’allucinogeno ricavato dalla Sambuca risulta ottimale da usare, specialismo l’estratto, la tintura madre o sotto forma di precotti e tisane. Risulta probabile la preparazione di infusi purga o che favoriscano la diuresi mediante l’uso del tegumento, il bocciolo ed il fogliame secco con aggiunta di un dolcificante.

Controindicazioni

Tale pianta risulta pertanto essere un allucinogeno alquanto affidabile, laddove viene adoperato in dosi prescritte. Risulta sconsigliata la consumazione del fogliame e della sementa di tal pianta in quanto tossica data la compresenza di sambunigrina, ossia un glicoside dannoso. Fogliame e boccioli appena colti, se posti sulla pelle, comportano dispotiche infiammazioni ed eritemi.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.