1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Golden Milk: che cos’è, a cosa serve, benefici, come si realizza, tipologie, utilizzi e controindicazioni

Golden Milk: che cos'è, a cosa serve, benefici, come si realizza, tipologie, utilizzi e controindicazioni

Risultante essere una bibita ayurvedica contenente curcuma e latte è il Golden Milk. Quest’ultimo non soltanto risulta essere ottimale per lo stato salutare del soggetto che ne fa utilizzo bensì alquanto gustosa.

Tradotto letteralmente come latte d’oro, il Golden Milk risulta essere una bibita alquanto utilizzata da svariati soggetti che ne fanno utilizzo durante i regimi alimentari giornalieri, non soltanto perché squisita altre sì per le proprietà benefiche che conferisce a coloro che ne fanno utilizzo giornalmente.

Codesto latte a base di curcuma vanta di una colorazione dorata e proviene dalle zone dell’India. Risulta difatti essere alquanto antica seppur nota ed approvata da molteplici soggetti, tra cui coloro che svolgono lo yoga kundali. Essa difatti tende ad essere prescritta da Yogi Bhajan, maestro dello yoga kundali, al fine di avvantaggiare la flessuosità articolare e lo svolgimento dell’attività.

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Presenta un ridotto quantitativo di ingredienti e risulta preparabile in modo esemplificato e rapido.

Benefici del Golden Milk

Le caratteristiche benefiche del Golden Milk risultano connessi alla compresenza di curcuma. Codesta spezia risulta avere svariati benefici e diversificati risultano essere gli studi che hanno attestato le proprietà benefiche per la salute corporea.

Le ricerche risultano basate sugli elevati quantitativi di principi attivi, come la curcumina. Tuttavia, assimilata all’interno di un regime alimentare giornaliero, la curcuma vanta di proprietà benefiche seppur in dosaggi ridotti. Alquanto essenziale da conoscere risulta essere il fatto che la curcumina vanta di una problematicità di biodisponibilità, e dunque il corpo tende ad avere problemi ad anabolizzarla.

Al fine di eliminare codesto disturbo, risulta opportuno usare la curcuma nell’ambito culinario congiuntamente ad un ridotto quantitativo di pepe nero oppure ad ingredienti grassi, ad esempio l’olio. In tal modo, l’organismo permette un uso migliore. Pertanto, codesta bevanda dorata permette di:

  • Avvantaggiare lo stato salutare articolare, dunque ottimale per coloro affetti da problematicità articolari, come ginocchia e gomiti, poiché operante funzione antinfiammatoria;
  • Antidolorifico biologico, ottimale al fine di curare malessere alla testa e dolenza causa mestruazioni, poiché operante azione antispasmodica ed antidolorifica;
  • Disintossicante naturale, ottimale specialmente per il fegato, al fine di deurarlo e rimuovere le sostanze tossiche;
  • Incentivante la funzione digestiva ed avvantaggiante la funzione intestinale. Risulta pertanto ottimale al fine di curare problematicità come ulcere e colite;
  • Ottimale al fine di trattare catarro, malessere alla gola e raffreddore, poiché operante azione antinfiammatoria, antibatterica ed antivirale;
  • Incentivante il sistema immunitario;
  • Ottimale per la perdita del peso corporeo;
  • Ottimale per il diabete nonchè la glicemia;
  • Ridurre il colsterolo cattivo;

Come si realizza il Golden Milk

La preparazione principale consiste nell’uso di un ridotto quantitativo di sostanze ed una ridotta tempistica.

Pasta di curcuma

Al fine di preparare la pasta di curcuma, ottimale per la preparazione del Golden Milk e di ulteriori ricette bisogna avere:

  • ¼ di tazza di polvere di curcuma;
  • ½ cucchiaio di pepe nero (tritato);
  • ½ tazza di acqua sottoposta a filtraggio;

Procedimento

Bisogna portare ad ebollizione la curcuma congiuntamente all’acqua, amalgamando il tutto in maniera lenta sino a che non si ottiene una crema similare ad una pasta. Far raffreddare il composto ottenuto e porre il tutto all’interno di un contenitore in vetro con tappo. Codesto composto risulta ottimale al fine di preparare il Golden Milk.

Questo composto deve essere posto in frigo internamente ad un contenitore di vetro. Si consiglia di consumare il prodotto entro e non oltre un mese. Laddove però si voglia bere la bibita dorata pur non volendo preparare la pasta di curcuma, risulta possibile comprare il composto già pronto sul mercato.

Golden Milk

Successivamente alla preparazione della pasta di curcuma, risulta possibile preparare il latte dorato. Gli ingredienti di cui si ha bisogno risultano essere:

  • ¼ di cucchiaino di Pasta di curcuma;
  • 1 tazza di latte vaccino oppure vegetale;
  • olio vegetale;
  • un pizzico di pepe;
  • miele;

Procedimento

Ciascuna tazza di latte dorato richiede ¼ di cucchiaino di pasta di curcuma all’interno di una tazza di latte caldo. Risulta poi possibile porre un cucchiaino di olio di mandorle dolci, un poco di pepe e miele, al fine di addolcire il tutto.

Tipologie di Golden Milk

Svariate risultano essere le tipologie di Golden Milk, il quale si presenta ottimale anche per chi ha voglia di una bevanda vegan oppure di una bevanda contenente curcuma e zenzero.

Golden Milk vegan

Quest’ultima risulta essere alquanto consigliata dai soggetti vegani, poichè tende a supplementare il latte vaccino con la bibita vegetale (come riso, soia, avena, cocco, miglio, ecc). Tuttavia, data la mancata presenza di sostanze grasse, di rilevante importante, al fine di accrescere la biodisponibilità della curcuma, si consiglia di utilizzare un pizzico di pepe.

Golden Milk allo zenzero

Al fine di accrescere la gustosità speziata, risulta opportuno grattare dello zenzero in polvere oppure dello zenzero fresco che deve poi essere filtrato.

Golden Milk con miele

Al fine di addolcire il Golden Milk risulta consigliabile porre all’interno della bevanda 1/2 cucchiaini di miele bio, ottimale al fine di affievolire il malessere alla gorga.

Golden Milk con olio di lino

Ottimale al fine di sostituire l’olio di mandorle dolci, risulta essere l’olio di lino, efficiente in quanto avente un elevato quantitativo di Omega 3. Quest’ultimo deve essere posto al suo interno soltanto nel momento in cui la bibita si presenta tiepida. La gustosità tuttavia tende a cambiare e ciò la porta ad essere non favorita da un’elevata percentuale di persone.

Golden Milk con cannella

Ottimale da congiungere al latte dorato è la cannella. Quest’ultima consiste nello spolverare un ridotto quantitativo di cannella successivamente all’aver posto nel frullatore il latte d’oro al fine di donare allo stesso una schiuma particolare.

Utilizzi del Golden Milk

Al fine di beneficiare totalmente del prodotto risulta opportuno somministrare il latte dorato di sera precedentemente al coricarsi. Tuttavia, si consiglia di somministrare la bevanda per circa 40 giorni, specialmente laddove si voglia sperimentare codesto prodotto al fine di alleviare infiammazioni al corpo e dolenza alla muscolatura ed alle articolazioni.

Risultato essere una bibita squisita e gustosa da bere, risulta consigliabile somministrare il prodotto anche oltre i 40 giorni. Tuttavia, risulta consigliabile non abbeverarsi del prodotto per lunghe tempistiche ovviando intervalli, in quanto ciò comporterebbe l’assuefazione dei principi attivi con conseguenza inefficienza del prodotto. Il dosaggio consigliato prevede 1/2 tazze al dì ovviando il sovradosaggio.

Controindicazioni del Golden Milk

Le avvertenze riguardanti il prodotto risultano legate alla compresenza della curcuma, la quale svantaggia i soggetti che sono soliti consumare prodotti farmacologici e sono affetti da malattie preponderanti. Riguardo devono avere i soggetti affetti da calcoli alla colecisti e problematicità alle vie biliari.

Per quanto concerne i prodotti farmacologici che prevedono il mancato consumo di curcuma risultano essere i prodotti anticoagulanti. Vi sono problematicità ugualmente nel caso di somministrazione di antiacidi, anti-istaminici e prodotti farmacologici per i soggetti diabetici. Sconsigliato è il consumo della Golden Milk nei soggetti in fase di gestazione e nutrimento del neonato, poiché non ci sono ricerche che ne attestino i benefici.

Per quanto concerne gli effetti collaterali, laddove si somministri il latte dorato, risulta possibile evidenziare voltastomaco, dissenteria e rigurgito. In tal caso si consiglia la mancata somministrazione.

La contigua somministrazione della curcuma tende a scurire la dentatura poichè usata anche nei paesi dell’India al fine di colorare svariati oggetti. Pertanto, al fine di abbassare tali risultati, risulta consigliabile abbeverarsi della bibita mediante utilizzo di cannucce.

Prescritta è la bevanda a soggetti di età superiore ai 3 anni, sebbene si consigli sempre di tenere sotto controllo l’eventuale subentro di patologie e l’assunzione congiuntamente alla mancata somministrazione di prodotti farmacologici.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.