1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Vitamina B8 (biotina): a cosa serve, proprietà, controindicazioni e dove trovarla negli alimenti

Vitamina B8 (biotina): a cosa serve, proprietà, controindicazioni e dove trovarla negli alimenti

Vitamina B8: che cos’è

La vitamina B8 (o B7 che dir si voglia), chiamata anche biotina o vitamina H o vitamina I, è un elemento particolarmente importante per la salute del corpo. Essa fa parte delle vitamine idrosolubili, contribuisce alla formazione degli acidi grassi, interviene nel metabolismo di carboidrati e amminoacidi.

La vitamina B8 è necessaria al nostro corpo perché le cellule possano funzionare normalmente, sviluppandosi e crescendo. Dal punto di vista della struttura questa vitamina è formata da un anello imidazolico e da un anello tetraidrotiofenico portatore di una catena laterale di acido valerico. In natura si presenta sotto forma di una polvere di cristalli, bianca.

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

La biotina viene assunta dall’alimentazione e sintetizzata dalla flora batterica intestinale (anche se quest’ultimo ruolo non è chiaro). Il ruolo di questa vitamina è particolarmente importante, soprattutto per il suo ruolo di coenzima che la rende necessaria al funzionamento di diversi enzimi, per la salute di pelle e capelli, per il funzionamento del midollo osseo, per il metabolismo di grassi e di zuccheri. Vediamo quindi quali sono le caratteristiche della biotina e dove si può trovare nell’alimentazione.

Vitamina B8: benefici e proprietà

La vitamina B8 è un coenzima. Questo significa che essa è fondamentale per far funzionare alcuni enzimi, specialmente quelli che vengono coinvolti nel metabolismo di glucidi e lipidi.

Questa vitamina viene anche impiegata nel trattamento delle dermatiti seborroiche, specie nei confronti dei neonati, nei casi di alopecia e di acne. Infatti la biotina è particolarmente importante per la salute dei capelli e della pelle. La biotina si concentra soprattutto nel fegato, in forma libera nel plasma, ed in genere in tutto il corpo.

Vitamina B8: dove si trova

La vitamina B8 si trova negli alimenti di origine animale: escludendo l’apporto di questi ultimi si rischia di andare incontro ad uno stato di carenza. La biotina viene prodotta ma in minima parte anche dai batteri intestinali; ha comunque bisogno di essere assunta esternamente. I cibi che contengono la maggior parte della vitamina B8 sono il lievito, il fegato di vitello, il tuorlo dell’uovo, il formaggio vaccino, il riso integrale, i legumi, i funghi, i cavolfiori, la lattuga, i piselli, le carote, il grano e la frutta secca.

In genere un’alimentazione completa ed equilibrata permette di assumere il fabbisogno quotidiano di vitamina B8.
La biotina si lega ad una proteina, che si chiama avidina, che è presente nell’albume dell’uovo. Il consumo eccessivo di uova crude potrebbe quindi rendere la biotina indisponibile.

Fabbisogno di Vitamina B8

Il fabbisogno quotidiano di vitamina B8 si attesta, sopra gli 11 anni di età, sugli 0,1 mg al giorno. Il fabbisogno di biotina è, infatti, molto ridotto. Per il lattanti si ritiene esso sia di 7 μg al giorno, per ragazzi fra 1 e 3 anni è di 10, per ragazzi fra 4 e 6 anni è di 15 e per ragazzi fra 7 e 10 anni è di 20 μg al giorno.

Il dosaggio, in ogni caso, non dipende solamente dall’età ma anche dalle condizioni di salute. Per esempio durante la gravidanza il fabbisogno sale a 35 μg al giorno.Per questo è sempre bene sapere quanta vitamina B8 si assuma in un giorno ed eventualmente chiedere dei chiarimenti al medico quando si assumono integratori. Nei soggetti che praticano sport a livello agonistico e professionale, il fabbisogno aumenta talora fino a raddoppiare.

Vitamina B8: carenza ed eccesso

Raramente si può vedere carenza di vitamina B8, in quanto essa viene prodotta dalla flora intestinale e comunque assunta con una normale alimentazione. La carenza di vitamina B8, come abbiamo già accennato, può verificarsi laddove si consumino troppe uova crude al giorno, in questo caso l’antagonista della biotina può eliminare quest’ultima. I sintomi della carenza di biotina sono depressione, senso di fatica generalizzato, nausea, alterazioni della cute.

In ogni caso a parte questi sintomi non sembra che la carenza di biotina causi problematiche molto spiccate purché non sia prolungata. La vitamina B8 non presenta effetti tossici anche se assunta in sovradosaggio. Non sono noti per ora effetti collaterali da eccesso di assunzione di B8.

Vitamina B8 e farmaci

La vitamina B8 può interagire con farmaci, integratori ed alimenti: come abbiamo visto viene eliminata dall’uovo crudo, ma anche la vitamina B5 può subire una riduzione dell’assorbimento a causa della biotina.
La biotina può anche rallentare la velocità alla quale il fegato degrada dei farmaci e può aumentare il rischio di effetti collaterali.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.