1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Insetti Commestibili: cosa sono, proprietà, benefici, valori nutrizionali ed utilizzi

Insetti Commestibili: cosa sono, proprietà, benefici, valori nutrizionali ed utilizzi

Gli Insetti Commestibili sono una particolare categoria di insetti che formano l’ingrediente fondamentale di numerose pietanze e regimi alimentarsi diffusi soprattutto in Asia Sud America.

Per molte persone l’idea di mangiare insetto come primo piatto o come snack pomeridiano al posto di pasta e merendine potrebbe risultare un’idea stravagante ed in molti casi rivoltante ma in numerose culture è considerato assolutamente normale.

Potrete trovare i “piccoli amici” cotti e preparati al forno, oppure impanati e fritti, semplicemente arrostiti e salati, insomma pronti a soddisfare tutte le vostre fantasie.

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Negli ultimi decenni numerose imprese dell’e-commerce si sono gradualmente attivate per portare nel mondo occidentale prodotti considerati atipici al fine di sensibilizzare i consumatori a conoscere nuovi gusti e nuovi sapori.

Nonostante l’aspetto poco invitante potrete trovare dolci, torte, paste artigianali, snack a base di piccoli invertebrati che come vedremo successivamente presentano anche un elevata concentrazione di proteine.

Leggendo questo breve articolo scoprirete tutto quello che c’è da sapere circa gli Insetti Commestibili, che cosa sono ed in cosa consistono, quali sono le loro proprietà e quali sono i loro valori nutrizionali, in che modo possono essere utilizzati e quali sono se esistono le possibili controindicazioni.

Scopriamo ora insieme qualcosa in più!

Che cosa sono ed in cosa consistono gli Insetti Commestibili?

Come già accennato in precedenza gli Insetti Commestibili sono una categoria di insetti che possono essere adoperati in cucina per la preparazione di numerosi piatti e ricette senza rischi per la salute.

Ricordiamo che per insetto si intende una categoria di animale appartenente alla famiglia degli Arthropoda ed una delle tipologie più diffuse al mondo contando circa 1 milione di specie e vengono classificati per:

  • dominio
  • regno
  • sottoregno
  • ramo
  • phylum
  • sybphylum
  • superclasse
  • classe
  • sottoclasse
  • genere
  • specie

A differenza di altri esseri viventi come cani e gatti da sempre amati dalla maggioranza della popolazione, gli insetti suscitano sentimenti ambivalenti di paura, ribrezzo, semplice tolleranza o particolare interesse.

In alcuni casi bisogna fare molta attenzione poichè possono essere pericolosi e mortali, basti pensare che essere punti da una vespa, da un calabrone o da una tarantola può comportare uno shock anafilattico e nei casi peggiori anche la cancrena o la morte.

La cultura occidentale non è abituata a considerare gli invertebrati come ingredienti cardine di un regime alimentare anche se non tutti sanno che gli insetti vengono già adoperati in ambito industriale per la preparazione dell’additivo E120 definito anche rosso cocciniglia, ossia un colorante che viene estrapolate dalle cocciniglie rosse che permette di pigmentare bevande, dolci, cioccolate e caramelle.

Per entomofagia si intende l’abitudine nel consumare insetti ed è diffusa principalmente in:

  • regioni asiatiche
  • Africa
  • America Latina e centrale

Ecco a voi una lista dei principali “amichetti” che vengono consumati e in che modo potrete trovarli e gustarli:

  • cimici: diffuse in Messico e Sud Africa, dopo essere state spurgate nell’acqua vengono cotte in acqua bollente per poi essere lasciate ad essiccare al sole;
  • tarantole: diffuse in Cambogia e Venezuela, potrete trovarle su pratici spiedini caramellate ed arrostite;
  • termiti: tipiche del Nord Africa, Australia, Sud America sono generalmente arrostite alla brace;
  • larve di vespa: snack Giapponese sono cotte una volta imbevute nella salsa di soia;
  • larve di punteruolo rosso:  vengono semplicemente arrostite in Malesia e Nuova Guinea;
  • formiche e uova di formiche: possono essere mangiate crude, oppure bollite e tostate col burro e sono considerate una prelibatezza in Australia, Messico, Colombia e Thailandia.

Proprietà e Benefici degli Insetti Commestibili

Sicuramente il lettore si starà domandando perché dover mangiare degli insetti e la risposta è molto semplice:

  1. perché sono ingredienti ricchi di proteine, vitamine e sali minerali per cui possono essere facilmente paragonati a prodotti che hanno conosciuto un Boom nella domanda come la soia, i cereali, il frumento negli ultimi decenni;
  2. perché gli invertebrati consentono, grazie alla loro versatilità, di produrre una gamma molto vasta ed eterogenea di prodotti spaziando dalle farine, agli snack, ai dolci, alle paste, agli oli.

Inoltre una delle vere novità riguarda l’impatto ambientale di tale industria che richiede un utilizzo di materie prime e risorse energetiche nettamente inferiore rispetto ad altri settori; in futuro non si esclude che l’intero processo produttivo possa essere svolto utilizzando esclusivamente la forza lavoro, tecnologie all’avanguardia e risorse energetiche rinnovabili in un momento in cui il rispetto dell’ambiente è di fondamentale importanza.

Tuttavia il primo passo è sicuramente quello di dover sensibilizzare la mentalità e le culture che da sempre hanno considerato gli insetti esclusivamente come qualcosa che non potesse assolutamente entrare nelle nostre cucine.

Rinunciare ad una merendina al cioccolato e preferire una tarantola arrostita sarà una sfida che le generazione future dovranno affrontare anche se non sarà facile modificare secoli di abitudini culinarie.

Valori nutrizionali degli Insetti Commestibili

Ecco a voi un esempio di una tabella nutrizionale per 100 gr di Termiti:

Nutrizionali (su 100gr):

Composizione di vitamine:

Composizione minerale (su 100 gr):

Utilizzi degli insetti commestibili

Negli ultimi anni, il campo industriale dell’alimentazione si è focalizzato sulle sorgenti di alternanza delle proteine ad elevato valore biologico oppure costituite da un livello di amminoacidi che permetta di sostituire l’apporto di cibi dal ridotto prezzo e dall’elevata consumazione, quali frumento oppure riso piuttosto che mais.

Gli alimenti ritenuti maggiormente d’innovazione risulta essere la soia, le alghe, la canola, determinati pseudo cereali e gli insetti.

Oggi giorno, vi sono differenti aziende che si focalizzano sulla produzione, vendita e utilizzo di insetti per l’essere umano. Le proteine non risultano essere il solo nutriente rintracciabile in quantità elevate all’interno delle carni. Sembra che sia abbondante di sali minerali e vitamine che portano gli stessi ad essere comparati con ulteriori cibi. Risulta pertanto possibile ipotizzare che nei prossimi anni può essere rappresenti un cibo giornaliero e di tradizione ulteriormente per i paesi occidentali.

La consumazione degli insetti, ossia l’entomofagia, risulta essere alquanto proliferata in differenti zone del mondo. Si presenta alquanto utilizzato specialmente in Ansia, nell’America centro-meridionale e nel continente Africano, luoghi all’interno del quale gli insetti, gli aracnidi e le larve rappresentano un piatto prelibato per i popoli indigeni. Quelli maggiormente utilizzati risultano essere:

  • larve di punteruolo rosso: e dunque la conformazione che non ha subito evoluzioni dell’insetto, conosciuto ulteriormente in Italia per la potenzialità di annientare le palem. Risultano somministrati arrostiti oppure fritti, specialmente nella Nuova Guinea e in Malesia
  • formiche e uova di formica, aventi la capacità di accrescere notevolmente il nettare nella zona dell’addome e tendono ad essere consumati senza cottura sotto forma di dessert. Contrariamente, le formiche colombiane, risultano ottimali da consumare tostate contrariamente alla Thailandia, laddove codesti insetti tendono ad essere sottoposti a cottura in padella assieme alle uova. Nel Messico, le uova di formica vengono portati ad ebollizione oppure cotti in padella assieme al burro al fine di farcire i tacos
  • cimici, cotti in acqua tiepida per rimuovere l’odore sgradevole, contrariamente al continente Africano, laddove viene decapitato e sottoposto a spremitura, successivamente al quale viene sottoposto ad ebollizione e essiccazione
  • tarantole, consumate fritte oppure caramellate, sebbene solitamente somministrate anche arrostite
  • termiti, consumate crude, arrostite sulla brace oppure fritte
  • larve Huhu grubs, somministrante nella Nuova Zelanda dopo essere cotte in padella
  • larve di vespa oppure Hachinoko, somministrate in Giappone dopo essere state sottoposte a cozione nella salsa di soia e nello zucchero.
Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.