1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Pimento: che cos’è, proprietà, benefici e utilizzi in cucina

Pimento: che cos’è, proprietà, benefici e utilizzi in cucina

Il Pimento, o meglio le bacche di pimento, non sono altro che il frutto raccolto e poi essiccato, dalla pianta della Pimenta dioica, facente parte della famiglia delle Myrtaceae, che predominano prevalentemente la Jamaica.

Che cos’è il Pimento?

Il termine pimento di origine spagnola, ha come significato il “pepe”; questo perchè in principio le sue bacche vennero confuse con quelle del pepe, all’occhio molto somiglianti, anche se c’è però da dire che le bacche di pimento si presentano di gran lunga più grandi.

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Qui in Europa, il pimento viene riconosciuto sotto i nomi di pepe giamaicano pepe garofanato, per il semplice fatto che viene spesso e volentieri scambiato per i chiodi di garofano.

Quella del pimento è una spezia molto apprezzata non solo come condimento per piatti a base di carne grigliata, ma anche per le sue importanti proprietà digestive, carminative e antisettiche. 

Proprietà e Benefici del Pimento

Il pimento deve le sue proprietà digestive, carminative, analgesiche e antisettiche, alla ricca presenza dell’olio di eugenolo, molto efficace nel combattere coliche addominali, gonfiori mal di denti.

Le capacità vasodilatatrici legate alle bacche di pimento, permettono l’incremento del flusso di sangue, generando a sua volta un’efficacia riscaldante: ragion per cui gli impacchi a base di pimento permettono di lenire dolori muscolari e artriti.
L’infuso di bacche, inoltre, non solo riscalda, ma agisce positivamente contro le infezioni delle vie respiratorie.

Il pimento veniva utilizzato come valido rimedio naturale già dai nostri avi sudamericani che, esperti nella medicina popolare, ne facevano un ottimo rimedio per i dolori allo stomaco. Già nel 1812, i soldati impegnati nella Campagna di Russia, volevano introdurre delle bacche di pimento all’interno dei loro stivaloni, affinché queste non solo riscaldassero i loro piedi, ma ne eliminassero anche la puzza. Ad oggi le bacche di pimento vengono ancora utilizzate nella realizzazione di molteplici prodotti da bagno maschili, quali bagnoschiuma e sapone.

Valori Nutrizionali del Pimento

Nelle sue 263 calorie per ogni 100 grammi di prodotto, possiamo trovare:

Utilizzi in cucina del Pimento

Il pimento, in cucina, può essere utilizzato nelle forme più svariate; questo perché al loro interno, le bacche racchiudono sentori appartenenti a più spezie, anche se il sapore resta ugualmente delicato e non troppo piccante.

Il popolo degli Aztechi soleva introdurre la bacca all’interno del cioccolato, al fine di conferire maggiore speziatura e piccantezza; tutt’oggi è possibile rintracciare la spezia all’interno di vari piatti messicani, ovvero i moles che non sono altro che le salse più note del posto.

Nei Caraibi la spezia viene utilizzata come mero condimento di carni grigliate. 
Il pimento è molto diffuso anche nelle cucina del Medio Oriente, e in particolare quella palestinese, e nella cucina Africana, soprattutto per quanto riguarda la preparazione del berberé, che non è altro che un miscuglio di spezie etiopi.

Nelle zone Europee il pimento viene utilizzato in maniera molto meno eccessiva; tra i piatti più noti dove è possibile rintracciare la spezia possiamo ricordare: le torte salate e le aringhe marinate scandinave, gli smorrebrod che non sono altro che delle tartine danesi, e i pancakes, i sottaceti e i dolci di Natale di origine inglese.

Per quanto riguarda l’America e in particolare gli Stati Uniti, la spezia trova un posto fondamentale nella preparazione della torta di zucca, dolce tipico consumato prevalentemente nel Giorno del Ringraziamento.

Come già accennato, il pimento trova utilizzo nelle più svariate ricette, partendo dai dolci a base di frutta, arrivando ai brodi vegetali e carne di maiale e agnello.
Può utilizzarsi come semplice aromatizzante sui piatti della tradizione come purè di patate, passati di verdure e uova al tegamino.

Consigli Utili

È bene conservare le bacche di pimento in un luogo fresco e asciutto, preferendo la macinazione al momento dell’uso, al fine di conservare tutte le proprietà organolettiche.
Al fine di intensificare il sapore e il profumo del pimento, è possibile adagiare le bacche su di una teglia da riporre poi in forno per almeno 10 minuti.

Lo Sapevi?

Come più volte ripetuto, le bacche di pimento ricordano il sapore di molte altre spezie; è questo il motivo per cui molte volte gli vengono affibbiati ulteriori nomi, ovvero:

  • allspice per gli anglosassoni, che vuol significare “ tutte le spezie ”;
  • quatre-épice per i francesi, che vuol significare “ quattro spezie  ”, ovvero chiodi di garofano, zenzero, cannella e noce moscata, sapori principali del pimento.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.