1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle(1 voti, voto medio: 5,00)
Loading...

Pediluvio: che cos’è, a cosa serve e come effettuarlo in casa

Pediluvio: che cos’è, a cosa serve e come effettuarlo in casa

Che sia effettuato con bicarbonato, acqua e sale, aceto di mele oppure candeggina, il pediluvio è un ottimo rimedio che, con un mix di differenti ricette fai da te, può apportare molteplici benefici ai piedi, andando non solo a disinfettarli, ma anche a contrastare infiammazioni, gonfiore e calli. Scopriamo qualcosa in più!

Che cos’è e a cosa serve il pediluvio?

Il pediluvio risulta essere uno dei migliori rimedi utili a contrastare gonfiore ai piedi calli. Grazie al suo potere aiuta a rilassare, disinfettare e contrastare le infiammazioni dai piedi, così da conferirgli benessere, migliorie estetiche e salute.

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Il pediluvio può essere effettuato sia in centri appositi, ma anche comodamente in casa, semplicemente adoperando ricette naturali fai da te, così da potersi godere ogni qual volta si vuole un attimo di relax e tranquillità. Grazie al pediluvio potrete finalmente sfoggiare i vostri piedi in tutta la loro bellezza, senza più provare imbarazzo per il loro aspetto.

Ad oggi, il pediluvio è il migliore rimedio naturale per contrastare stanchezza, calli e gonfiore, il tutto accarezzando dolcemente il sistema linfatico dei piedi, i quali, anche se non ce ne rendiamo sempre conto, vengono affaticati dal nostro andirivieni. Come accennato, il pediluvio può essere sì effettuato in centri specializzati, ma anche in casa, e le ricette tra cui si può scegliere sono molteplici.

Tra questi ritroviamo l’aggiunta di bicarbonato, aceto di mele, acqua e sale ed addirittura candeggina, la quale aiuta a contrastare problematiche come la micosi. 

Come effettuare un pediluvio in casa?

Il pediluvio risulta essere un trattamento il quale vanta antichissime origini, e lo si è da sempre adoperato per contrastare la stanchezza e tensione dai piedi. Per chi non ne fosse a conoscenza, questo consiste soltanto nell’andare ad immergere i piedi all’interno di una bacinella colma di acqua tiepida, dove di potrà poi andare a diluire differenti sostanze, basandosi essenzialmente sulla problematica che si vuole trattare.

Effettuarlo è molto semplice, basterà soltanto seguire 3 fasi, ovvero:

  1. Mettere i piedi in ammollo, ponendoli proprio nell’acqua sita nella bacinella, già arricchita con le sostanze predilette. La durata di questa fase è di almeno 15\20 minuti. 
  2. Effettuare uno scrubanche se in realtà non è propriamente fondamentale, anche se aiuta a rendere la cute molto liscia e morbida. Qui si dovrà andare a massaggiare qualsiasi prodotto adatto allo scrub, come zucchero di canna o residui di caffè, nelle zone che si è notato essere più dure, prevalentemente se si posseggono calli duroni. 
  3. Effettuare il risciacquo dei piedi, per poi essere asciugati per bene ed idratati mediante crema nutriente ed emolliente a piacere.

Affinché si ottengano i benefici e risultati sperati, è importante evitare di porre l’acqua bollente, la quale potrebbe apportare danni oppure seccare la pelle dei piedi. All’interno della bacinella, in aggiunta all’acqua, è possibile porre anche olio essenziale di lavanda oppure camomilla, al fine di godere di un effetto relax.

E’ possibile scegliere anche delle pietre per il fondo della bacinella, sulle quali si dovranno porre i piedi in ammollo, grazie alle quali si potrà godere di un massaggio, soltanto facendovi pressione. Per aiutare la circolazione, invece, potrebbe essere utile una semplice pallina, sopra la quale si dovrà fare scivolare i piedi sempre in fase di ammollo.

Pediluvio in casa con acqua e sale

Se si vuole contrastare i piedi gonfi, allora ciò che fa per voi è un naturale mix di acqua e sale. Sono molte infatti le donne che in fase di gravidanza scelgono questa tipologia di pediluvio, al fine di donare un immediato sollievo ai piedi affaticati dalle tensioni giornaliere.

La preparazione è alquanto semplice, e tutto ciò che dovrete fare è soltanto munirvi di una bacinella riempita con acqua tiepida. Si dovrà poi andare a diluire 2 cucchiai di sale marino iodato, ponendo poi i piedi in ammollo per almeno 20 minuti. Per rendere il potere ancora più forte, è possibile anche inserire poche gocce di olio essenziale di eucalipto oppure jojoba.

Pediluvio in casa con aceto di mele

L’aceto è ben conosciuto per la sua azione disinfettante, per cui può risultare davvero utile se inserito come ingrediente principale del pediluvio, al fine di donare maggiore sollievo. Grazie a questo si potrà non solo disinfettare la cute, ma anche ridurre le screpolature ai piedi, contrastando al contempo infezioni varie e micosiInsieme a questi citati, consente anche di donare relax ai piedi ed alle gambe doloranti.

Anche qui la preparazione è molto semplice, e si ci dovrà ovviamente munire della bacinella con acqua tiepida, inserendo circa 250 ml di aceto di mele, 200 g di sale marino e, per rilassare ulteriormente i piedi, 30 g di fiori essiccati di lavanda oppure poche gocce di olio essenziale di lavanda. 

L’ammollo dovrà durare almeno 15 minuti, dopodiché il sollievo sarà immediato. Grazie a questo i piedi risulteranno più riposati, sani, privi di cattivi odori ed infezioni batteriche.

Pediluvio in casa con bicarbonato e sale

Nel caso in cui si noti ai piedi la presenza di calli, il pediluvio che di solito si suole effettuare è quello composto da bicarbonato e sale, con l’aggiunta magari di olio di mandorleutile per addolcire ed idratare la cute.

Si prepara munendosi di una bacinella con solita acqua tiepida, all’interno della quale si dovranno poi porre 2 cucchiai di bicarbonato per 1 litro di acqua, una manciata di sale grosso e qualche goccia di olio di mandorle. L’ammollo dovrà durare almeno 15 minuti, effettuando anche uno scrub nel caso in cui vi siano calli persistenti. Al termine del pediluvio sarà poi bene adoperare una crema idratante.

Pediluvio in casa con candeggina

Ultimo ma non tanto strano è il pediluvio effettuato servendosi della candeggina. Avete capito proprio bene, la candeggina, in quanto risulta essere uno dei componenti più indicati per problematiche come il “piede dell’atleta”, oppure, per meglio dire, quando successivamente ad una giornata in piscina, si noterà un fastidioso prurito alle dita.

Grazie a questo pediluvio è possibile contrastare le infezioni, combattendo i funghi. La preparazione richiede l’uso di una bacinella con acqua tiepida, che vedrà l’aggiunta di 1 cucchiaio di candeggina per 4 litri di acqua. L’ammollo dovrà qui durare soltanto 10 minuti. 

E’ importante prestare attenzione a non incrementare i quantitativi di candeggina, in quanto potrebbe poi rivelarsi anche dannoso. La ripetizione giornaliera del trattamento potrebbero in poco tempo aiutarvi a combattere il fungo alquanto fastidioso.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.