1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Folati: cosa sono, a cosa servono, dove si trovano e valori

Folati: cosa sono, a cosa servono, dove si trovano e valori

folati altro non sono che vitamine appartenenti al gruppo B, che consentono al nostro organismo di meglio assorbire tutti i nutrienti.

Essi dovrebbero avere dei valori di riferimenti ben precisi, in quanto una carenza potrebbe generare anche alcune problematiche.

Cosa sono i folati?

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Il termine folati deriva dal latino “folium” visto che i primi sono stati trovati all’interno delle foglie di spinaci, e risultano essere delle vitamine facenti parte del gruppo B, altresì definite vitamine B9

Generalmente si dice folato anche per intendere l’acido folico anche se i folati sono delle sostante presenti naturalmente all’interno degli alimenti, mentre l’acido folico altro non è che una molecola di sintesi assorbita direttamente dall’intestino. Assimilati mediante alimentazione, i folati vengono tramutati mediante procedure chimiche in acido folico.

Per cui la differenziazione tra folati ed acido folico non risiede nella struttura chimica, ma bensì nella rapidità con cui vengono assorbiti dall’organismo e nella stabilità della molecola stessa.

A cosa servono i folati?

Come visto, i folati rivestono importante funzione per l’intero corpo umano, visto che permettono di assorbire in maniera più efficiente tutti i nutrienti, concorrendo anche in alcuni processi vitali fondamentali, quali:

  • sintesi del DNA, ovvero quel processo che prevede lo sdoppiamento del materiale genetico delle cellule; questi risultano necessari affinché il feto si sviluppi e cresca correttamente.
  • sviluppo dei globuli rossi ad opera del midollo osseo.
  • consentono il buon assorbimento di zuccheri proteinenonché le corrette funzioni del metabolismo.
  • consentono di diminuire i livelli ematici di omocisteina, quale amminoacido che in valori alti può consentire un incremento dei rischi di contrarre patologie al sistema cardiovascolare.

Dove si trovano i folati?

I folati non sono generati dal corpo umano, nonostante ridotti quantitativi vengano conservati all’interno dell’intestino, in quanto, essendo vitamine B, e quindi molecole idrosolubili, vengono espulsi facilmente dal corpo mediante urina, per cui, per averne in buoni quantitativi, richiedono di essere assunti mediante l’alimentazione. 

I folati si trovano in grandi quantitativi all’interno degli ortaggi aventi foglia scura, tipo spinaci, asparagi, broccoli o cavoli, oppure cereali integrali, frattaglie, lievito, agrumi frutta seccaIl quantitativo è ovviamente minore se gli alimenti vengono cotti, visto che i folati sono molecole termolabili eliminati cioè durante la cottura.

Valori dei folati

Un adulto dovrebbe possedere quotidianamente 0,2 mg di folati, nonostante il quantitativo potrebbe incrementare per:

  • donne incinte, in quanto il bambino si serve delle vitamine materne
  • bambini dai 3 ai 18 anni, in quanto ne necessitano di più per il loro sviluppo
  • anemie gravi, visto che la dose dovrebbe essere di 15 mg, senza causare alcun danno.

Valori bassi

Dato che l’organismo non produce folati, potrebbe andare incontro ad una carenza. Tra le principali cause che possono indurre a questo fattore troviamo:

  • Abitudini alimentari sbagliate
  • Malattie che generano cattivo assorbimento, tipo una mancanza di vitamina B12 od interazione con farmaci
  • Patologie renali
  • Farmaci, come antidepressivi od anticonvulsionanti
  • Gravidanze, visto che il feto ne richiede di più.

Carenze di folati possono essere associate anche a dei rischi, tra i quali abbiamo:

  • Rischio di incorrere in patologie cardio-vascolari.
  • Rischio di presentare malformazioni del feto, insieme ad un distacco precoce della placenta ed aborto spontaneo.

Valori alti

Può succedere che avvenga anche il contrario di quanto appena enunciato, con incremento dei valori di folati, dove l’acido folico non genera tossicità. Le cause di questi valori alti possono essere:

  • dieta vegetariana
  • trasfusioni di sangue
  • elevati dosaggi di integratori a base di acido folico.

Visto che l’acido folico in alt quantitativi non genera tossicità, i folati vengono facilmente eliminati mediante l’urina. Nonostante ciò, valori alti di folati possono comunque comportare degli effetti collaterali, tra cui troviamo:

  • alopecia
  • eruzioni cutanee
  • diarrea
  • nausea
  • irritabilità
  • convulsioni
  • lesioni ai nervi nei soggetti con mancanza di vitamina B12.

I folati vanno anche ad interagire se si assumono determinati medicinali, per cui se ne sconsiglia l’uso a:

  • Diabetici, che stanno assumendo medicinali per controllare la glicemia
  • Ipertesi, che stanno assumendo medicinali per tenere sotto controllo la pressione.
Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.