1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle(1 voti, voto medio: 5,00)
Loading...

Alloro: che cos’è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

Alloro: che cos'è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

L’Alloro Laurus nobilis, è un albero sempreverde appartenente alla famiglia delle Lauraceae. Si presenta come un valido alleato contro disturbi allo stomaco e coliche, ma anche in caso di febbre e tosse.

Che cos’è l’Alloro?

L’alloro è un albero sempre verde, ma anche un arbusto cespuglioso, dal fusto dritto e della corteccia verde tendente al nero, che nasce rigoglioso e spontaneo nell’area Mediterranea. Essendo una pianta dioica, permette la crescita sia ad esemplari maschili, sia ad esemplari femminili.

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Le sue foglie, dalla forma ovata, si presentano di colore verde scuro, molto resistenti e dall’intensa profumazione: la parte superiore delle stesse si presenta lucida e verde scuro, mentre quella sottostante si presenta opaca.
I suoi fiori dal colore giallino, crescono ad “ombrella”, e nascono in primavera.
I suoi frutti, infine, non sono altro che delle drupe che una volta mature, diventano nere e lucide, e al loro interno presentano un unico seme.

Come già accennato, la pianta dell’alloro nasce spontanea sulle coste settentrionali del Mediterraneo, e in particolare in Spagna, Grecia ed Asia Minore.
Qui in Italia prolifera in maniera spontanea in particolare nelle zone centro-meridionali e sulle coste. Nelle regioni settentrionali viene in genere coltivato.

Alcuni Cenni Storici sull’Alloro

Gli antichi Greci attribuivano grande importanza all’Alloro: credevano infatti che le sue foglie potessero favorire la divinazione e permettevano inoltre di scacciare la sfortuna e le malattie contagiose. 

Nell’antica Delfi, ovvero il luogo in cui si trovava l’oracolo di Apollo, tutti i sacerdoti e la pizia, solevano masticare oppure bruciare le foglie al fine di riuscire a comunicare con gli Dei, mentre preferivano dormire su giacigli fatti di soli fuscelli di alloro, poiché pensavano che aiutassero a fare dei sogni premonitori.

Ovidio nelle sue Metamorfosi racconta il mito della ninfa Dafne, il quale nome intende per l’appunto il “lauro” o alloro, della quale si era innamorato il dio Apollo. La fanciulla poiché non corrispondeva l’amore, fuggì e preferì farsi tramutare dalla madre Gea in pianta di alloro. Dinanzi a ciò Apollo non poté fare più nulla se non rendere onore alla pianta tramutandola in un sempreverde sacro. Da questo momento tutti gli uomini dovevano renderla simbolo di gloria, e quindi degna di essere adagiata sul capo di eroi, geni e saggi, capaci di imprese epiche.

Roma l’alloro era simbolo di trionfo, tant’è vero che veniva posta sul capo dei generali vittoriosi nel momento in cui venivano onorati sul Campidoglio. Secondo la leggenda, lo stesso Giove ne fece dono a Cesare al fine di festeggiare le sue epiche vittorie.

Per anni l’alloro è stato utilizzato per curare la peste. Nell’antico Medioevo le sue foglie venivano invece adoperate come rimedio naturale atto a regolarizzare le mestruazioni. In Siria, e in particolare ad Aleppo, dall’oleo-lito di alloro si crea il sapone di Aleppo, molto efficace su pelli delicate, su soggetti allergici intolleranti a profumi ed additivi; è facilmente reperibile anche all’interno dei detergenti per l’igiene intima.

In Sicilia invece si è largamente diffuso l’utilizzo dell’alloro in cucina, tant’è vero che la pianta è entrata a far parte dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T), ed è stato denominato come prodotto tipico della Sicilia dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf).

Proprietà e Benefici dell’Alloro

All’interno delle foglie di alloro è possibile trovare dall’1 al 3% di olio essenziale, mentre nelle bacche anche il 10%. In quest’olio essenziale è possibile trovare geraniolocineoloeugenoloterpineolofellandreneeucaliptolopinene, dalle importanti proprietà aperitive, che stimolano cioè l’appetito, digestive e carminative.
E’ questo il motivo per cui l’alloro si dimostra essere uno degli alleati numero uno nel lenire coliche, disturbi dello stomaco, permettere una migliore digestione, per espellere i gas in eccesso soprattutto in caso di meteorismo od aerofagia.

Foglie bacche di alloro hanno azione diaforetica, permettono cioè di favorire la sudorazione in presenza di febbre ed influenza, ma anche un’azione espettorante, che permette l’espulsione del catarro bronchiale e l’eliminazione della tosse.

Dalle bacche di alloro è possibile estrarre l’oleolito od olio laurinato, che funge da antinfiammatorioemostatico e astringente, utile contro reumatismi, artrite, dolori muscolari e permette una più veloce ripresa in seguito ad ingessature, vari traumi, ecchimosi od ematomi.

All’interno delle sue foglie è inoltre possibile trovare l’acido laurico, dalle importanti proprietà repellenti, che permettono di allontanare insetti e parassiti.

Utilizzi dell’Alloro

Ad USO INTERNO è possibile utilizzare l’alloro sotto forma di:

  • Polvere di alloro: 1/2 cucchiaino di polvere in 1 cucchiaino di miele.
    Utilizzando un mortaio in pietra o in legno, pestare un pugno di bacche di alloro essiccate, polverizzandole del tutto. Adagiare la polvere in un barattolo in vetro con chiusura ermetica. Questa polvere risulta molto efficace per combattere l’influenza, la tosse il raffreddore, febbre.
  • Infuso: 3 o 5 foglie di alloro e 1 tazza d’acqua.
    Lasciare in infusione le foglie di alloro in acqua bollente per almeno 10 minuti. Dopo di che filtrare l’infuso e berlo. Questo permette la digestione soprattutto in caso di fermentazione, aiuta contro la mancanza d’appetito, utile contro i dolori allo stomaco e l’influenza.

Ad USO ESTERNO è possibile utilizzare l’alloro sotto forma di:

  • Olio di alloro: 50 g di polvere di bacche d’alloro e 250 ml di olio di oliva.
     Versare l’olio di oliva sulla polvere precedentemente posta in un barattolo di vetro a chiusura ermetica. Porre il barattolo in un posto caldo, al lato di una stufa o di un termosifone per almeno 30 giorni facendo attenzione ad agitarlo tutti i giorni. Nel momento dell’utilizzo, filtrare solo il quantitativo che serve, lasciando il restante nel barattolo al fine di non far disperdere i principi attivi.
    L’olio di alloro risulta molto indicato in massaggi benefici ma anche per impacchi per contusioni, slogature, dolori reumatici, articolari e muscolari. Spalmato su petto e schiena, agisce contro la bronchite acuta e tosse.

Per un bagno profumato e rivitalizzante, molto utile per stanchezza nervosa e mal di testabasta immergere qualche goccia di olio di alloro e qualche foglia in acqua.

Controindicazioni dell’Alloro

Ad oggi non sono state riconosciute rivelanti controindicazioni in seguito all’utilizzo di alloro od olio essenziale. Un utilizzo prolungato nel tempo può però generare dermatiti da contatto, in particolare nelle persone con predisposizione.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.