1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Tirosina: che cos’è, proprietà, benefici e controindicazioni

Tirosina: che cos'è, proprietà, benefici e controindicazioni

La Tirosina è un amino acido essenziale del corpo umano. L’apporto di calorie non risulta essere di rilevante importanza seppur possa esserlo nel momento in cui debba esserci una minor quantità di fenilalalina.

Essa non viene solo estratta dai prodotti alimentari, ma può essere condensata prendendo in considerazione dapprima la fenilalanina, dato il supplemento del complesso OH (Ossidrilico) al corrispettivo cerchio odoroso.

Dato che quest’ultimo si presenta come un amino acido importantissimo, si tende a porre internamente alla classe di amino acidi non del tutto importanti la cosiddetta tirosina.

Attività e proprietà benefiche della tirosina

Amino acido primario al fine di riassumere essenziali neurotrasmettitori (tra cui dopomina, adrenalina e noradrenalina), è la tirosina. Tali sostanze vengono reputate essenziali per quanto concerne il procedimento di adeguamento a eventuali sovraffatica-menti fisico-mentali vigorosi e inaspettati.

Dato ciò, si ascrivono alla tirosina fattori adattogeni, efficienti al fine di ristabilire il responso del corpo nei confronti di sovraffatica-menti quotidiani. È opportuno precisare che tale amino acido era somministrato in dosaggi innalzati da conducenti della fortezza volante cui prestavano servizio in guerre (come la guerra delle Falkland), al fine di restare desti ulteriormente ed innalzare il limite concentrazione.

Dato che tale amminoacido risulta essere un precursore di dopammina e di noradrenalina, poiché quest’ultime si presentano particolarmente deboli specialmente in soggetti aventi problemi di sconforto, la collaborazione della tirosina viene consigliata essendo un farmaco ottime per la cura di patologie di depressione.

Tale amminoacido risulta essere di rilevante importante specialmente per la ricapitolazione della melanina, e dunque una sostanza colorata dei tessuti della cute, che tende a favorire la tintarella e il colorito bruno della cute, nonché il colorito dei bulbi oculari e del cuoio capelluto.

In aggiunta, favorisce la ricapitolazione di diversificati ormoni (tra cui quelli della ghiandola tiroidea) che oltre ad interporsi nella ricapitolazione delle proteine rientra nei gruppo proteici del corpo umano.

Il dosaggio da adoperare in una terapia o da supplementare è pari ai 500-1000 mg di L-tirosina, da somministrare circa 3 volte al dì precedentemente al consumo del pasto quotidiano. Al fine di agevolare la condizione notturna, andando a diminuire la necessità da parte del corpo di assopirsi, è consigliato somministrare una dose pari ai 150 mg in base al peso del corpo.

Tirosina: mancanza

Una mancanza di tirosina è alquanto inconsueta e affiliata a patologie come cattiva alimentazione per quanto concerne l’apporto di calorie e proteine. Un quantitativo ridotto di tale tirosina è dovuto anche a problemi di ipotensione, carente condizione termica del corpo e ipotiroidismo.

Disavanzo di tale amminoacido si può verificare specialmente in soggetti fenilchetonuretici, data l’esigenza di discostare quelle che sono le sorgenti nutrienti della fenilalanina dall’eventuale personale programma di alimentazione. Un disavanzo pertanto tende ad essere retribuito con la tirosina nella maggiorazione degli amino acidi che determinati soggetti sono indotti a somministrare giornalmente in dosaggi considerevoli.

Tirosina: Sovrabbondanza

La sovrabbondanza di tirosina assunta spesso viene consigliata in caso di fenditura del globo oculare, differimenti dello sviluppo e mancata appetenza. Nonostante ciò, tale amminoacido tende ad essere interdetto e solamente un ridotto numero di soggetti ha avuto complicazione inerenti a ripugnanza, cefalea, spossatezza, infiammazioni e supplizi agli arti successivamente alla somministrazione.

Tirosina internamente ai prodotti alimentari

Prodotti alimentari che tendono ad apportare tale amminoacido sono cibi a base di soia, varietà di pesce, pollo, tacchino, frutta secca tra cui mandorle, frutti come banane e avocado, latte e corrispettivi e semi di sesamo e zucca.

Controindicazioni sulla tirosina

É consigliabile somministrare integratori a base di tale amminoacido con cautela nel caso in cui si debbano avere eventuali problemi di cefalgia ed mal di testa, poiché la tirosina tende ad aggravare tali problemi andando ad accrescere il riassunto di tiramina.

Ugualmente si può dire della somministrazione nel caso in cui il soggetto stia contemporaneamente somministrando prodotti farmaceutici MAO-inibitori (poichè ciò comporterebbe recessioni di ipertensione con eventuali rischio di arresto cardiaco). Tali prodotti farmaceutici sono l’isocarbossazide, la fenelzina, selegilina, moclobemide e tranilcipromina.

Devono prestare maggiormente attenzione persone che soffrono di problemi di ipertiroide, morbo di Basedow e che somministrano prodotti farmaceutici al fine di contrastare ipotiroidismo (come tiroxina). Inoltre è assolutamente sconsigliata la somministrazione per chi segue cure di levodopa (e dunque un prodotto farmaceutico contro il morbo di parkinson), poiché il contrasto comporterebbe danni intestinali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.