Rughe: che cosa sono, cause, tipologie e possibili cure

Rughe: che cosa sono, cause, tipologie e possibili cure

Le rughe consistono in una crepature e/o incisioni, le rughe il più delle volte tendono a non essere apprezzate poichè si plasmano sulla zona cutanea secche e aventi minor duttilità causato dall’avanzamento degli anni. Causali sono inoltre procedimenti inerenti al logoramento che comportano la fuoriuscita di crepature dovute ad agenti congeniti e naturalistici.

Causa conosciuta è anche fattore fumo ed alcool, eccessiva tensione, esporsi ai raggi solari (non solo legati a fattori naturalistici, ma anche innaturali) nonché fattori allo stato chimico (come possono essere prodotti di detersione eccessivamente irruenti). Inoltre ulteriore causale è l’evidenziata espressività facciale, che comporta un ulteriore fattori di logoramento della cute.

Cause della formazione delle Rughe

Garcinia Cambogia

Risaputo, è che la formazione di crepature comporti il logoramento che il più delle volte è dovuto a componenti connaturati (tra cui logoramento connaturato), nonchè dovuto a componenti esteriori e naturalistici (che comportano logoramento superficiale e/o componenti naturalistici).

Il più delle volte, tali fattori connaturali inerenti al logoramento cutaneo comportano in aggiunta fastidievoli imperfezioni tra cui le crepature.
Responsabile causale per quanto concerne la formazione di crepature è strettamente connesso al detrimento della conformazione dei tessuti. Questo perchè, col passare degli anni e successivamente all’esporsi a componenti naturalistici, i tessuti cellulari tendono a ridurre l’esercizio e vengono sottoposti a danneggiamento e mutamenti che comportano disfatta di flessibilità, azione emolliente, tonificazione e consistenza dei tessuti cutanei.

Con maggior precisione, è possibile dire che successivamente al logoramento, le fibroblasti poste livellamente al tessuto dermoide tendono a ridurre poco a poco e implacabilmente il corrispettivo esercizio, comportando la diminuzione delle fibre flessibili, fibre collagene e glicosamminoglicani (e dunque fattori di rilevante importando in quando tendono a conferire sostegno e difendono i tessuti mediante la produzione della cosiddetta intelaiatura).

Tali fibre flessibili e fibre collagene successivamente alla formazione tendono contrariamente a ridursi di dimensione avendo di conseguenza una complessione che tende ad irritarsi, comportando un decadimento dei tessuti. Contemporaneamente, con l’avanzamento degli anni si nota una diminuzione per quanto concerne la formazione di sebo, sottoposta successivamente a riduzione della struttura idro-lipidica che copre il tessuto cutaneo e ad intensificazione di secchezza della cute.
Gli stessi melanociti tendono a ridurre il proprio esercizio, andando a produrre in quantità ridotte melanina e pertanto conferendo ai tessuti maggior percettibilità ai raggi solari e dunque al logoramento istantaneo.

Logoramento cutaneo

Il logoramento istantaneo è ritenuto una elementare dimostrazione di logoramento esteriore. Questo perchè, ciò è dovuto all’elevata e non tenuta sotto controllo azione inerente all’esporsi ai raggi solari (che essi sia ambientali o innaturali).
Tale tipologia di raggi tende a comportare la produzione di elevate quantità di fattori attivi di ossigeno (cosiddetti radicali liberi), andando a comportate l’eccessivo logoramento che tende ad aggravarsi con maggior velocità contrariamente al logoramento esteriore.

Le stesse imperfezioni dovute al decorrere degli anni, e dunque crespature e imperfezioni della pelle, tendono a formarsi in maniera frettolosa nei soggetti che tendono ad esporsi eccessive ore ai raggi elettromagnetici.

Diverse tipologie di crespature

Molteplici e diversificate sono le tipologie di crespature che tendono a formarsi sul tessuto facciale successivamente a procedimento inerenti al logoramento della cute.
Diversificate però risultano essere le peculiarità di tali tipologie di imperfezioni col passare degli anni.

Crespature di comunicazione

Primario tipo di crespatura, il più delle volte presente su cute anche giovanile, è meglio nota col denominativo di “crespatura di comunicazione”. Non piacevoli per quanto concerne le donne, seppur il più delle volte gradite dagli uomini e presenti data il continuo raggrinzamento del muscolo facciale, adoperato, il più delle volte senza rifletterci, al fine di esternare quelli che sono gli stati emotivi.

Aree maggiormente colpite dalla fuoriuscita di crespature sono la fronte e gli occhi (dove sono conosciute col denominativo di zampe di gallina). Spesso però, tale tipologia di crespature tende ad aggravare e/o arretrare successivamente alla conclusione dell’azione psicologica; generalmente, esse si aggravano con l’avanzare degli anni, date la contrattura dei muscoli facciali. In passato infatti si diceva alle donne, le quali avevano come obiettivo il prolungamento della giovane età, di non esternare molteplici stati spensieratezza e/o di sofferenza.

Crespature da stanchezza

Specifica conseguente inerente all’assumere determinati portamenti specialmente di notte, sono le crespature da stanchezza. Tendono nelle prime fasi a scomparire successivamente al rialzarsi, seppur col passare degli anni diventano persistenti.

Crespature da gravitazione

Conseguenti di esercizi svolti sui tessuti successivamente alla forza di attrazione, che conferisce la decadenza sulla cute inferiore, sono le crespature da gravitazione. Conseguente di tale crespatura è l’ipotrofia della cute grassa sottostante e delle adulterazioni del film osseo strettamente connesso al logoramento, nonchè al calare di rigore, di densità e di flessibilità caratteristica del susseguirsi degli anni.

Crespature da radiazioni ultraviolette

Conseguenti delle crespature da radiazioni ultraviolette, ma non uniche, sono esporsi ai raggi UV, i quali comportano il logoramento istantaneo. Tale tipologia di crespatura comporta una facciata cutanea nota col denominativo di “a pergamena”.

Cure nell’ambito della medicina e dell’estetica

Ad oggi, i trattamenti al fine di combattere le crespature e dunque tardarne la formazione sono diversificati e molteplici, non solo per quanto concerne l’ambito dell’estetica ma anche nell’ambito della medicina. In tali settori, studi di ricerca si sono evoluti al fine di combattere tale patologia inerente alle crespature andando a svolgere azione su qualsiasi coefficiente causale, comportando la produzione di trattamenti per quanto concerne la cosmesi e per quanto concerne cure nell’ambito dell’estetica e della chirurgia al fine di combattere, in maniera quasi del tutto effettiva, tale tipologia di imperfezioni.

Esempio, al fine di combattere crespature di comunicazione, studi scientifici hanno attuato ricerche inerenti ad essenze la cui funzione è quella di restringere il responso dei muscoli. Si prende in considerazione, la sostanza tossica a base di botulino, adoperata data la funzione di “immobilizzare” i tessuti muscolari conferendo una completa sensazione rilassante.

L’ambito della cosmesi, tende a attuare continue ricerche inerenti ad elementi sconosciuti seppur efficienti poichè aventi la funzione di riprovocare la funzionalità con più sicurezza, dolcezza e reversibilità.

In tale gruppo contenuti sono prodotti di cosmesi che hanno la capacità di decifrare problematiche legate a crespature di comunicazione, favorendo una cute maggiormente flessibile e idratata, ed andando pertanto a incentivare la rigenerazione delle cellule arrecando elementi efficienti al fine di operare procedimenti di rinnovamento (quali acqua, tessuti adiposi, acido ialuronico ecc..)

In aggiunta, trattamenti al fine di contrastare il logoramento cutaneo tendono a dotare la pelle di elevati quantitativi di fattori contro l’ossidazione (di rilevante importanza al fine di combattere la funzione svolta dai radicali liberi) e fattori nutrizionali, al fine di conferire alla cute gli elementi necessari opportuni in modo tale da difenderla da trattamenti di logoramento. Contrariamente, per quanto concerne il logoramento istantaneo, funzione primaria è data dalla protezione, e dunque è opportuno salvaguardare la cute adoperando indicati prodotti.

Ugualmente si può dire dei trattamenti adoperati in campo medico e chirurgico-estetico al fine di decifrare eventuali patologie designando risoluzioni le quali, seppur costose ed invasive, tendono a conferire una maggiore efficacia. Rientrano in tale ambito cure poste nelle più importanti divisioni strettamente connesse alla cosmesi.

Alcune sono strutturate su diversificati procedimenti (che vedono l’adoperazione di fattori chimici, diversificate tipologie di laser, microcristalli e radiofrequenze) al fine di incoraggiare la formazione di eventuali fibre a base di collagene ed elastina e cellule; altre invece adoperate al fine di saturare data l’inoculazione internamente alle crespature di elementi tossici a base di collagene, acido ialuronico e sostanze adipose. Nel campo chirurgico-estetico, è possibile interporsi mediante basilari trattamenti di chirurgia estetica (come possono essere lifting piccoli, lifting) al fine di eliminare l’eccedenza di tessuti, andando a rabberciare la pinguedine e la grossezza della cute inferiore.

LASCIA UN COMMENTO