1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle(1 voti, voto medio: 5,00)
Loading...

Fagiolo Mungo: che cos’è, proprietà, benefici, valori nutrizionali e controindicazioni

Fagiolo Mungo: che cos'è, proprietà, benefici, valori nutrizionali e controindicazioni

Il fagiolo mungo, da molti conosciuto anche come soia verde, è un legume adoperato prevalentemente per la sua ricchezza in proteine, vitamine e sali minerali. Viene per lo più utilizzato nella cucina orientale per produrne germoglimolto versatili in molteplici piatti.

Che cos’è il Fagiolo mungo?

Il fagiolo mungo fa parte della famiglia delle Fabaceae, e nasce, con molte probabilità, in India, dove si suole adoperare maggiormente i suoi germogli. Il fagiolo nasce da una pianta appartenente al genere Vigna, che ha “parentele” con i normali fagioli e con la soia.

Pubblicità
Garcinia Cambogia

La gastronomia orientale lo usa moltissimo viste le grandi proprietà benefiche ad esso attribuite.

Caratteristiche del fagiolo mungo

Come già visto, del fagiolo mungo si suole adoperare i suoi germogli. Così come avviene per i germogli di soia, anche i suoi vengono utilizzati in molteplici ricette, in quanto molto versatili.

Si preferisce mangiarli però a crudo, in quanto così non si va a disperderne le importanti proprietà nutrizionali. Inseriti nelle insalate danno quel tocco di croccantezza, oppure nelle zuppe risultano essere una bellissima guarnizione.

Come si cucina il fagiolo mungo?

La cucina asiatica, soprattutto quella cinese, utilizza il fagiolo mungo all’interno di insalate, zuppe, minestre ma anche creme, ovviamente sempre a crudo. C’è chi preferisce però anche cuocerli al vapore in quanto contorno con riso o verdure, oppure aromatizzati e stufati vanno a sostituire i comuni legumi.

Così come avviene per la maggior parte dei legumi, anche il fagiolo mungo può essere messo in ammollo, così da ridurre i tempi di cottura. Basta semplicemente metterli in una ciotola con acqua e sale per reidratarli e cuocerli più velocemente.

Benefici e proprietà del Fagiolo mungo

Il fagiolo mungo contiene sì grandi concentrazioni di vitamine, sali minerali ed aminoacidi, ma è altrettanto vero che è un alimento ipocalorico. Questo lo rende quindi ideale per tutti gli sportivi che devono assumere un gran numero di proteine, e per tutti coloro che seguono una dieta vegana o vegetariana.

All’interno del fagiolo mungo è possibile trovare buoni quantitativi di ferro, insieme a zinco, rame, manganese e potassio. Hanno un ruolo fondamentale anche per cura e prevenzione di alcune patologie tipo il diabete. Con ceci ed altre tipologie di fagioli, fanno infine parte della categoria di leguminose a basso indice glicemico. 

Valori nutrizionali del Fagiolo mungo

Come appena visto, il fagiolo mungo è un alimento ipocalorico, molto ricco in vitamine, sali minerali ed aminoacidi.
In 100 g di prodotto è infatti possibile contare ben 347 calorie e:

  • 23,86 g di Proteine
  • 62,62 g di Carboidrati, di cui
    zuccheri 6,6 g
  • 1,15 g di Grassi, di cui
    saturi 0,348 g
    monoinsaturi 0,161 g
    polinsaturi 0,384 g
    colesterolo 0 mg
  • 16,3 g di Fibra alimentare
  • 15 mg di Sodio
  • 9 g di Alcool

Controindicazioni del Fagiolo mungo

Anche se il fagiolo mungo presenta importati proprietà benefiche, è altresì vero che conta anche delle controindicazioni se assunti da alcuni soggetti.
La fibra alimentare rende il fagiolo mungo ideale per tutti coloro che devono controllare il livello di colesterolo cattivo nel sangue.

I suoi germogli, che si hanno dalla soia verde, sono privi di glutineper cui ideali per tutti coloro che soffrono di celiachia. Sono ideali anche per chi soffre di favismo, a differenza delle comuni fave.

E’ invece differente il discorso per le donne in gravidanza, le quali devono prestare particolare attenzione alla loro alimentazione, per così esser in salute sia loro che il feto. Questi germogli mangiati a crudo rappresentano un alimento a cui prestare attenzione, in quanto al loro interno è possibile trovare batteri pericolosi che possono indurre a patologie.

Mangiati invece cotti non rappresentano un potenziale pericolo, nonostante assunti in questo modo vadano a perdere la maggioranza di nutrienti importanti che contengono.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.