1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Dieta Vegana: come funziona, quanti chili si perdono e menu di esempio

Dieta Vegana: come funziona, quanti chili si perdono e menu di esempio

La dieta vegana è una tipologia di alimentazione molto in voga negli ultimi periodi, il cui principio è la completa assenza nell’alimentazione di carne, pesce e derivati animali. I motivi alla base della dieta vegana sono generalmente etici, chi la pratica infatti vuole evitare le violenze sugli animali o vuole semplicemente distaccarsi da un’alimentazione troppo ricca di grassi. Questa tipologia di dieta ha suscitato tantissime controversie, perchè ritenuta causa di carenze nutrizionali. In realtà, seguire un’alimentazione vegana non è per forza causa di scompensi, basta seguire le giuste regole.

Quali alimenti sono contemplati nella dieta vegana?

La dieta vegana è un’alimentazione che non contempla il consumo di carne, pesce e tutti i derivati animali, come ad esempio formaggi, uova, grassi animali, latte e simili. I vegani, si nutrono di tutto il resto degli alimenti, ma in alcuni casi evitano anche cibi inscatolati e junk food.

Aloe Ferox Bioness

Tra gli alimenti maggiormente consumati oltre a verdure, frutta, ortaggi e cereali, vi sono la soia e i derivati di questa ed il seitan. Per far si che la dieta sia equilibrata è necessario che questa sia molto varia, con l’introduzione giornaliera di un’abbondante quota di carboidrati, circa 85%, il 5 – 15% di proteine ed il 5-10% di lipidi.

E’ possibile dimagrire con la dieta vegana?

Sono in molti a credere che la dieta vegana sia ideale per dimagrire, dato che sono quasi completamente assenti i grassi di origine animali. In realtà, se teniamo conto delle calorie assimilate con l’alimentazione vegana, questa non è sempre adatta al dimagrimento, anzi, se questo è il fine, bisogna scegliere con cura gli alimenti da consumare o farsi seguire da uno specialista dell’alimentazione. Qui di seguito vi proponiamo qualche menù di esempio da cui prendere spunto.

Menù 1

Colazione: un bicchiere di latte di soia con biscotti integrali biologici e senza latte e uova, frutta secca.
Spuntino: un panino con zucchine alla griglia o affettato vegano di seitan.
Pranzo: pasta integrale al pomodoro, insalata di broccoli, verdure grigliate e bistecca di seitan.
Merenda: uno yogurt di soia e della frutta secca.
Cena: zuppa di cereali e funghi, alghe alla piastra e insalata di germogli.

Menù 2

Colazione: latte di riso, due fette biscottate integrali e marmellata bio.
Spuntino: un panino con tofu e verdure alla griglia o crude.
Pranzo: un minestrone di legumi e ortaggi, un frutto fresco di stagione.
Merenda: frutta.
Cena: insalata mista con patate lesse e germogli di soia.

Menù 3

Colazione: un frutto e latte di mandorla.
Spuntino: due fette biscottate con marmellata bio.
Pranzo: cous cous di legume e verdure al vapore, condito con limone e spezie.
Merenda: yogurt di soia o un frutto.
Cena: seitan alla piastra, insalata di pomodori o broccoli.

Menù 4

Colazione: un centrifugato o una spremuta di frutta, due fette biscottate o biscotti.
Spuntino: frutta secca.
Pranzo: minestra con pasta integrale e legumi e insalata mista.
Merenda: un panino integrale con verdure o affettato vegetale.
Cena: tofu alla griglia con contorno di verdure ed un frutto.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della dieta vegana?

Nonostante le tante controversie, l’alimentazione vegana ha dei pro. Secondo degli studi infatti, un’alimentazione priva di carne e derivati riduca il rischio di sviluppare alcuni tumori. La dieta vegana è adatta a chi ha problemi di ipercolesterolemia, riduce infatti il colesterolo e previene l’insorgenza di malattie cardiovascolari. Infine, sembra essere particolarmente adatta a chi vuole purificare il proprio organismo da scorie e tossine.

Problematiche legate all’alimentazione vegana sono invece la possibile insorgenza di anemia o osteoporosi, a causa del basso contenuto di ferro e calcio nella dieta. Proprio per evitare l’insorgenza di problematiche del genere, è necessario almeno inizialmente farsi consigliare da un nutrizionista ed occasionalmente fare degli esami di routine ed eventualmente ricorrere all’assunzione di integratori alimentari.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.