1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle(1 voti, voto medio: 1,00)
Loading...

Acqua di rose: che cos’è, utilizzi e come prepararla in casa

Acqua di rose: che cos'è, utilizzi e come prepararla in casa

L’acqua di rose si ricava dalla propria distillazione dei petali di rosa con un olio essenziale e l’applicazione di questo prodotto sulla pelle si è dimostrata veramente efficace e terapeutica.

Quest’acqua profumata è un ottimo rimedio naturale per la cura della pelle, rendendola più luminosa, morbida e liscia. Inoltre l’acqua di rose dispone anche di diverse virtù nascoste capaci di venire in soccorso del vostro benessere. Questo elisir di bellezza è facile da preparare anche in casa!

Utilizzi, benefici e proprietà dell’acqua di rose

Garcinia Cambogia

L’acqua di rose è un ottimo antibatterico e cicatrizzante , riesce a curare le piccole ferite cutanee, ma è anche un potente antinfiammatorio e possiede larghe proprietà astringenti.

  • Ha grandi proprietà cosmetiche, che la presentano ideale per pelli sensibili, pelle secca, per chi ha problemi di acne, risulta utile anche per chi cerca un efficace effetto anti-age perché contrasta gli effetti dei radicali liberi ritardando la comparsa delle rughe.
  • Possiede proprietà digestive: unire i petali delle rose nei pasti (ad esempio insalate o preparare un the alle rose), aiuta a pulire l’intestino e ad alleviare la stitichezza.
  • L’acqua di rose ha un alto contenuto di vitamina A, B, C ed E, che esercitano un’azione antiossidante e tonificante della pelle. Infatti questo rimedio è perfetto in caso di pelle grassa perché è capace di ridurre l’eccesso di sebo ( può essere utilizzata come tonico).
  • E’ utilizzata per ridurre il mal di testa: immergendo per esempio, bende o panni da applicare sulla fronte. L’acqua di rose è efficace anche contro i dolori gengivali che possono causare male e fastidio ai denti. Per alleviare le infiammazioni gengivali  è necessario applicare l’acqua di rose sulla parte interessata usando un batuffolo di cotone oppure fare degli sciacqui con l’acqua di rose riscaldata.
  • Previene la caduta dei capelli, migliorando il flusso sanguigno e rafforzando i follicoli piliferi. Per ottenere un buon risultato occorre applicare sul cuoio capelluto e sulle lunghezze l’acqua di rose prima dello shampoo, avendo cura di massaggiare la cute e lasciando agire per circa 20 minuti.
  • Ha proprietà rilassante  grazie al  potere del suo profumo. Procura anche un effetto antistress,  usufruendo di un bagno tonificante e sfruttando le neurotoniche capace di rendere più attivo il sistema nervoso e di donare quella dose di energia che conferisce il giusto equilibrio psico -fisico.

Ricetta per preparare l’acqua di rose in casa

Ecco due ricette semplici per prendervi cura della vostra pelle in maniera completamente naturale, il procedimento è semplice. E’ necessario raccogliere fiori freschi dai roseti quando la stagione lo permette. Le rose da preferire sono più profumate, tipo bulgara o damascena. Usare soltanto i petali di rosa freschi, puliti, integri, privi di ogni impurità e acqua distillata.

Occorrente:

  • 1 tazza di petali di rosa
  • 2 tazze di acqua distillata (circa 500 ml)
  • Una ciotola di vetro con coperchio resistente al calore, oppure un barattolo di vetro pulito e sterilizzato, con chiusura ermetica (a seconda della quantità che produrrete)
  • Una garza di cotone oppure linO
  • Un barattolo di vetro con coperchio ermetico

Procedimento per infusione:

Lavare accuratamente i petali appena raccolti, cercando di eliminare qualsiasi forma di impurità. Nel frattempo fare bollire 2 tazze d’acqua da versare sopra i petali di rosa nella ciotola di vetro resistente al calore e ricoprire con un coperchio per una trentina di minuti. Lasciare raffreddare e poi filtrare l’acqua da un setaccio o una garza fine. Inserire l’acqua di rose pura in un barattolo di vetro con coperchio. Distribuire i petali filtrati nei vasi o nella compostiera. In questo modo, l’acqua di rose avrà la durata di circa 10 giorni, se invece volete conservarla più a lungo occorre aggiungere 1 cucchiaio di alcool.

Procedimento per bollitura

Con questo secondo procedimento, si ottiene la vera e propria acqua di rose. Non ci sono quantità precise, dipende dalla quantità di petali e da quanta acqua di rose volete produrre.

Occorre coprire i petali con acqua distillata fino all’orlo in una pentola smaltata, mettere sul fuoco finché non comincia a bollire e successivamente spegnere. Lasciare macerare fino a quando i petali non perdono il loro colore (dopo circa 60 minuti). Fare raffreddare e filtrare con un colino. Infine imbottigliare.

Consiglio: se volete usarla più a lungo, basta utilizzare le formine per i cubetti di ghiaccio, realizzando così cubetti di ghiaccio di acqua di rose. Si tratta delle pratiche monoporzioni surgelate che durano sicuramente più a lungo!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.