1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Semi di Melone: cosa sono, proprietà, benefici ed utilizzi

Semi di Melone: cosa sono, proprietà, benefici ed utilizzi

Solitamente rappresentanti un rifiuto alimentare, sebbene siano un alimento dall’elevato quantitativo di nutrienti dalle caratteristiche benefiche per il corpo e che risultano essere note col denominativo di sementa della salute, sono i semi di melone.

Cosa sono i semi di melone?

Risultante essere una pianta annua che si arrampica rientrante nel complesso familiare delle Cucurbitaceae, similmente alla zucca e al cocomero, sviluppato e prodotto per i frutteti mangiabili, è il melone, noto ugualmente col denominativo di cucumis melo.

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Il frutteto del melone risulta essere un peponide avente succo solitamente dolciastro e, internamente, avente un elevato quantitativo di sementa mangiabile, solitamente rimossa poiché considerata un rifiuto, sebbene vanti di un elevato quantitativo di nutrienti e proprietà benefiche.

La sementa del melone ha al suo interno difatti un’eccellente quantitativo proteico, composto soprattutto da acido glutammico, arginina e triptofano, nonché differenti ulteriori componenti bioattivi.

Fra codesti risultano essere visibili acidi fenolici, flavonoidi, tocoferolo, fitoestrogeni, componenti volatili ed ulteriori molecole essenziali per la salute dell’organismo.

Proprietà benefiche dei semi di melone

La sementa del melone ha al suo interno un elevato quantitativo proteico, che va dal 15 al 27% a seconda della tipologia, e risulta essere un eccellente sorgente variabile di aminoacidi essenziali.

Le proteine difatti hanno all’interno amminoacidi e le sostanze proteiche presenti all’interno della sementa di melone risultano essere abbondanti di amminoacidi essenziali come il triptofano, la leucina e la fenilalanina nonché gli amminoacidi non essenziali quali l’acido glutammico, l’arginina e l’acido aspartico.

L’acido glutammico ha la capacità di agevolare positivamente le funzioni dell’intestino e delle difese immunitarie, contrariamente all’assimilazione dell’arginina, la quale favorisce l’abbassamento del grasso nel corpo e l’accrescimento della massa muscolare.

L’acido aspartico risulta essere contrariamente pioniere degli amminoacidi essenziali, quali la metionina e la lisina.

Proprietà antiossidanti e antinfiammatorie della sementa di melone

La sementa di melone vanta di un elevato quantitativo di acidi fenolici e flavonoidi. Fra gli acidi fenolici rintracciabili all’interno della sementa di melone vi sono l’acido gallico e l’acido vanillico, sostanze che beneficiano delle caratteristiche benefiche antinfiammatorie, antimutagene e antitumorali.

Operante funzione antibatterica, è l’acido vanillico, a differenza dell’acido idrossibenzoico, il quale opera funzione antifungine e antimicrobiche. I flavonoidi quali l’apigenina e ulteriori sostanze quali il resveratrolo, risultano essere movente della funzione antiossidante, ottimale al fine di contrastare l’esaurimento ossidativo.

Alfine, la sementa di melone presenta internamente differenti sostanze volatili, quali esteri e terpeni, causa della sapidità fruttata e dolce. La somministrazione di codeste sostanze svolge funzione antiossidante e risulta essere vantaggiosa al fine di salvaguardare eventuale subentro di patologie cardiovascolari e di differenti tipologie di tumore.

Utilizzi dei Semi di Melone

Al fine di cibarsi della sementa del melone risulta essenziale sciacquarli con accuratezza rimuovendo i fili all’interno del quale sono aggomitolati e sciacquandolo con abbondante acqua corrente.

Successivamente a questo, la sementa richiede essiccazione ai raggi solari oppure internamente al macchinario di essiccazione, dove dovrà essere posizionato per differenti giorni, successivamente al quale bisogna riporli internamente ad un contenitore con chiusura ermetica.

Contrariamente, risulta probabile abbrustolire la sementa del melone a fuoco ridotto per pochi minuti, successivamente al riscaldare un cucchiaio di olio all’interno di una pentola. La sementa abbrustolita risulta avere un gusto ancor più piacevole e spesso tendono ad essere cotti con annessi filamenti attorniati ad esso.

Susseguentemente all’aver abbrustoliti, bisogna agglomerare un po’ di sale e riporre i sementi all’interno di un contenitore con chiusura ermetica al fine di custodirli nel migliore dei modi.

La sementa di melone tende ad essere mangiato sotto forma di snack ottimale al fine di preservare lo stato salutare dell’organismo fra una pietanza e l’altra o adoperandolo al fine di incrementare il gusto di insalate, panini, toast ed ulteriori pietanze.

In mancanza di salatura, la sementa tende ad essere agglomerata ulteriormente allo yogurt, alle macedonie di frutta oppure ai frullati.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.