1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Catuaba: che cos’è, proprietà, benefici e controindicazioni

Catuaba: che cos'è, proprietà, benefici e controindicazioni

Risultante essere un afrodisiaco alquanto preponderante ricavato dalla pianta tropicale proveniente dall’America del Sud e specialmente dal Brasile, è la catuaba.

Rientrante nel complesso familiare avente all’incirca 200 varietà differenti, di cui determinate presentano internamente cocaina ed ulteriori sorgenti di rifornimento per falene e farfalle.

Che cos’è la catuaba?

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

La varietà dal quale tende ad essere estrapolata presenta internamente un principio attivo che tutt’oggi tende ad essere analizzato per le caratteristiche, ottimali al fine di agevolare il miglioramento delle problematicità di impotenza dell’uomo.

Risultante essere una pianta che si sviluppa nei luoghi del Brasile del nord e dell’Amazzonia, facente parte del complesso conosciuto per le caratteristiche afrodisiache, per tale motivazione nota col denominativo di viagra del Brasile, è la catuaba.

Tende ad essere adoperata al fine di agevolare il combattimento di spossatezza, insonnia, impotenza maschile e sciatica, poiché avente la capacità di accrescere le funzioni di concentramento, appoggiare le difese immunitarie e conferire vigore al fisico.

Non ha sostanze tossiche all’interno del tegumento, sebbene i frutteti di tonalità aranciata bruna e dalla conformazione ovoidale, risultano dannosi per l’essere umano.

Tende ad essere comperata sotto forma di integratore o di polveri al fine di venire deglutita sotto forma di decotto e tisane. Ciò nonostante, si raccomanda di prestare riguardo ai dosaggi al fine di ovviare il subentro di effetti collaterali.

Proprietà del catuaba

Avente molteplici caratteristiche operanti funzione calmante, espellendo effetti benevoli al corpo, è la catuaba. Le zone adoperate risultano essere il fogliame, il tegumento e la radica, difatti nel Brasile risulta essere comune preparare tè contenenti catuaba al fine di agevolare l’umore e accrescere la libido.

Le tisane, contrariamente, prodotte mediante utilizzo del tegumento, agevolano la funzione benefica in relazione alle problematicità coese alle funzioni mnemoniche e all’impotenza maschile.

Per tale motivazione, tende ad essere adoperata per produrre sostanze naturali, poiché pare risulti essere un eccellente coadiuvante ai trattamenti curativi a base di prodotti farmacologici per determinate problematiche. Specialmente:

  • coopera per quanto concerne il rinforzamento delle arterie
  • agevola il miglioramento del microcircolo sanguigno
  • agevola la stimolazione del sistema nervoso
  • supporta le cure farmacologiche al fine di ovviare ipocondria e stati di ansia
  • risulta vantaggioso al fine di combattere insonnia nervosa
  • agevola il miglioramento della convalescenza
  • agevola il miglioramento di astenia e spossatezza
  • agevola il miglioramento di prostatiti
  • risulta essere un vantaggioso coadiuvante alle cure farmacologiche al fine di combattere nevralgie e reumatismo cronico
  • agevola il miglioramento mnemonico

Benefici del catuaba

Codesta pianta afrodisiaca tende ad essere adoperata sotto forma di coadiuvante alle cure farmacologiche consigliate al fine di combattere l’impotenza maschile, l’affaticamento sessuale, il nervosismo, l’agitazione così come ulteriori patologie.

Al fine di apportare benefici vantaggioso risulta possibile miscelare la catuaba col liquore internamente ad una boccetta in vetro. In Brasile risulta solito utilizzare la catuaba al fine di preparare infusi e decotti, prelevando la sostanza presente all’interno del tegumento oppure triturata all’interno dell’alcool.

Codesta consuetudine di adoperata la pianta risulta presente ulteriormente in Europa, sebbene soltanto a base di polverine di tonalità rossastra oppure sotto forma di integratore. Anticamente tendeva ad essere adoperata nel campo fitoterapico sotto forma di afrodisiaco sia per i soggetti femminili che maschili e il qualitativo tendeva ad essere rappresentato all’interno dei canti indiani, che vennero a conoscenza delle caratteristiche benefiche. Il popolo autoctone adoperò la catuaba sotto forma di afrodisiaco.

Sorgenti  affermano che codesto principio attivo veniva adoperato nel campo medico tradizionale brasiliano, poichè favoriva il contrasto dell’impotenza sessuale. L’estratto di codesta pianta afrodisiaca tendeva ad essere adoperato vantaggiosamente al fine di agevolare il combattimento di problematicità coese alla sfera sessuale al fine di ovviare l’utilizzo di viagra, sebbene la funzione non risulti essere ad oggi limpida.

Dunque, la catuaba, opera funzione di vasodilatazione e ciò comporterebbe l’azione afrodisiaca. Di ulteriori piante risultano note le funzioni vasodilatatrici, sebbene contrariamente alle stesse, la catuaba pare abbia la capacità di favorire un elevato accrescimento del sangue all’interno dei vasi dell’organo sessuale maschile.

In aggiunta, pare abbia ulteriori benefici in quanto presenta all’interno la catuabina A, B e C che agevolano il miglioramento della libido espellendo eventuali proprietà benefiche al sistema nervoso centrale.

Utilizzi del catuaba

Solitamente codesta pianta tende ad essere adoperata sotto forma di agevolatore per contrastare prostatiti e risulta essere alla base degli studi per gli effetti di salvaguardia in compresenza di infezioni quali AIDS e escherichia coli.

La yohimbina risulta essere presente internamente alla catuaba, e si presenta come un istigatore del cervello che agevola il passaggio del flusso sanguigno fino ai genitali, causando erezione nei soggetti maschili e l’essiccazione vaginale nei soggetti femminili.

Fra i principi attivi presenti al suo interno, vi sono la cinconina, adoperata nel campo medico sotto forma di antimalarico, oli essenziali minerali (quali il magnesio, potassio e calcio), antiossidanti e fitosteroli che tendono ad essere adoperati al fine di agevolare la riduzione dei quantitativi di colesterolo.

La catuabina, contrariamente, agevola l’allargamento delle arterie. La dose quotidiana raccomandata risulta essere di 1-2 g. sino a 5 volte al dì, sebbene risulti essere vantaggioso prestare attenzione a quanto riportato e consigliato dall’erborista.

La catuaba risulta essere ritenuta un eccellente afrodisiaco non soltanto per i maschi altresì ugualmente per i soggetti femminili, poiché avente la capacità di accrescere il piacere e il vigore sessuale. Tende ad operare vantaggiosamente sul cervello, agevolandone il discioglimento delle interdizioni su ambo i sessi.

Al fine di avvantaggiare delle proprietà benefiche di codesto afrodisiaco, tende ad essere somministrata sotto forma di tintura all’interno di un bicchiere di acqua al quale viene agglomerato 1 cucchiaio di succo di limone.

Controindicazioni del catuaba

Sebbene non risulti essere dannosa, la catuaba vanta di effetti collaterali legati all’elevato consumo di dosaggi raccomandati.

Le sintomatologie risultano essere: assenza di equilibrio, giramenti di testa, emicrania e sintomatologie non conosciute, sebbene risulti raccomandabile ovviarne il consumo nel caso di subentro delle sintomatologie di intollerabilità.

Si sconsiglia la somministrazione in caso di:

  • patologie caratteristiche
  • quadro clinico contratto
  • gestazione
  • ipertensione arteriosa
  • nutrimento del neonato
  • somministrazione di ulteriori prodotti farmacologici

Si raccomanda di consultare uno specialista antecedentemente al consumo della pianta. Quest’ultima risulta comperabile a base di integratore in compresse, capsule oppure tintura madre presso erboristerie, para-farmacie e siti internet.

Il prezzo risulta differente in base al tipo, sebbene non superi i 20€.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.