1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Olio di germe di grano: che cos’è, proprietà e utilizzi

olio di germe di grano che cose proprieta e utilizzi

Ritenuto un vero e proprio antiossidante dei tessuti, perché contenente Vitamina E, l’olio di germe di grano tende a nutrite la pelle sino in profondità andando di conseguenza a combattere l’invecchiamento delle cellule.

Composizione dell’olio di germe di grano

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Olio vegetale è l’olio di germe di grano che viene prodotto mediante la spremitura a freddo senza l’aggiunta dei solventi di embrione della cariosside (ossia una ricca parte contenuta nel chicco) del grano morbido né del frumento. Quest’ultimo si presenta come una pianta che veniva coltivata già anticamente ai fini alimentari.

Ingrediente basico delle diete mediterranee, sebbene risulti essere considerato anche uno degli ingredienti causa di celiachia, ad oggi può essere usato per la panificazione nonché per produrre varietà di paste fresche e cereali. In aggiunta, può essere usato anche per produrre prodotti cosmetici naturali dato l’ampio contenuto di Vitamina E (un antiossidante molto importante), che tende a proteggere i lipidi presenti nelle membrane delle cellule (come LDL o lipoproteine basse), bersaglio maggiore dei radicali liberi.

Tale variante di olio vegetale, si presenta densamente liquido, di colore giallastro maggiormente tendente all’ocra ed avente un gusto piacevole. Viene utilizzato come fosse un integratore naturale ma anche come condimento di alimenti presenti nella dieta mediterranea quotidiana in aggiunta all’olio di oliva. Spesso viene utilizzato anche nella cosmesi.

Mediante un procedimento di lavorazione che prevede la spremitura a freddo di circa una tonnellata di grano, è possibile ottenere un chilo di olio.

Tale procedimento preserva di conseguenza tutti i principi attivi del prodotto dandone garanzia del livello maggiore di Vitamina E (ossia una vitamina liposolubile e termosensibile) che se aggiunta a solventi chimici nonché ad elevati gradi di calore, potrebbe andare a distruggersi.

Proprietà e Benefici dell’olio di germe di grano

Assumere l’olio di germe di grano a forma di perle o anche per condire a crudo gli alimenti, permette l’assunzione non solo di Vitamina E (fondamentale fonte naturale), ma anche di calcio, rame, magnesio, manganese, fosforo e Vitamina appartenenti al gruppo B.

L’azione combinata di tali nutrienti porta l’olio di germe di grano ad essere efficiente per quanto concerne il ridurre lo stress ossidativo cellulare nonchè favorire il controllo dei lipidi. Inoltre, è in grado di favorire un’ottima fonte energetica e funzione del metabolismo. D’altronde, l’azione antiossidante che quest’olio svolge è in grado di agevolare la resistenza riducendo la mancanza di ossigeno soprattutto durante lo svolgimento di attività fisica.

Studi scientifici recenti, hanno provato che la presenza di radicali liberi compromette patologie degenerative che comportano la causa di invecchiamento delle cellule. Pertanto, gli acidi grassi essenziali, presenti per il 55-60% da Omega 3 (ossia acido linoleico), permettono a quest’olio di avere proprietà ipocolesterolemizzate al fine di controllare colesterolo e trigliceridi.

Utilizzi dell’olio di germe di grano sul corpo

Applicazione sul Viso

É consigliabile applicare il prodotto su tutta la pelle (precedentemente pulita) ogni sera e come siero, specialmente intorno al contorno occhi e contorno labbra. Una volta a settimana è possibile applicarlo con quantità maggiori, facendo un impacco che favorisce un’azione antirughe facilmente eliminabile con salviette successivamente ai 15-20 minuti, se la pelle si presenta secca, opaca, spenta o presenta grani di miglio. In aggiunta, per favorire una maggior azione nutriente, è possibile aggiungere nelle creme da notte abitualmente usate qualche goccia di olio di germe di grano.

Studi recenti hanno dimostrato inoltre che, apportare vitamina E presente nell’olio di germe di grano nella pelle tende a prevenire la cataratta.

Applicazione sul Corpo

L’elevato contenuto di Vitamina E, permette all’olio di germe di grano di essere un favorevole nutrimento per la pelle secca poiché protegge quest’ultima da eventuali agenti esterni (quali vento, sole e freddo). Pertanto, si presenta come un elisir di giovinezza per le pelli più avanzate.

Tale olio tende inoltre a nutrire e ristrutturare di conseguenza i tessuti della pelle, rinforzando il film idrolipidico che se insufficiente può causare screpolature, desquamazioni ed irritazioni.

Aggiunto all’olio di mandorle dolci, il prodotto diviene maggiormente assorbibile. Se utilizzato, successivamente all’esposizione ai raggi solari o se la pelle si presenta particolarmente secca (ossia tende a squamarsi e a “tirare”),sulla pelle umida, è in grado di esercitare un’azione emolliente e restitutiva.

É ottimo per prevenire eventuale formazione di smagliature (durante la fase di gravidanza e/o allattamento). Può essere dunque usato nel corso e successivamente alle diete dimagranti al fine di rassodare e rinvigorire le pelli colpite da spossatezza e invecchiamento.

Applicazione sui Capelli

Ottimo per produrre impacchi da utilizzare precedentemente allo shampoo, nel caso in cui i capelli debbano essere inariditi, decolorati, sfibrati e fragili (in maniera particolare nel periodo estivo). Apporta di conseguenza benefici al cuoio arido e soggetto a secchezza che sono visibili sin da subito.

Come si presenta la pianta

grano

Appartenente alla famiglia delle Graminaceae, la pianta erbacea (nota col nome di Triticum Aestivum) è nativa dell’estesa pianura fertile dell’Asia sud-occidentale, nota maggiormente col denominativo di “Mezzaluna”. Tale zona pertanto si caratterizza per essere posta vicina ai fiumi Eufrate e Tigri. Ad oggi, la coltivazione di tale frumento è diffusa in qualsiasi continente, anche nelle zone nordiche data la sua resistenza ai climi freddi.

Si presenta con un apparato radicale legato dove fuoriesce un busto retto coperto da foglie dalla forma elittica e estermità appuntita. La ramificazione presenta una pannocchia meglio nota col nome di spiga.

Tale pannocchia a sua volta ha dei fiori privi di stelo e si presenta costituita da un asse formata da elementi detti “internodi” i quali a loro volta portano una spiga.

Il frutto di tale pianta ha la forma di un chicco avente forma ovale e contenente enzimi, vitamine e sostanze grasse. Il frumento e il suo rispettivo ciclo di riproduzione si differenzia per quanto concerne la germinazione, la crescita, la fioritura e la corrispettiva maturazione.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.