1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle(1 voti, voto medio: 5,00)
Loading...

Musicoterapia: che cos’è, come funziona, a cosa serve, dove si pratica e controindicazioni

Musicoterapia: che cos’è, come funziona, a cosa serve, dove si pratica e controindicazioni

Per musicoterapia si intende una disciplina che prevede l’utilizzo della musica in quanto strumento educativo, riabilitativo e/o terapeutico. Si è osservato come ascoltare ed eseguire suoni e molecole possa operare sugli stati d’animo ed emozioni, viste le virtù rilassanti e stimolanti.

Gli scienziati hanno anche focalizzato il loro sguardo sulla probabilità di adoperare la disciplina in quanto terapia complementare in situazioni patologiche e/o parafisiologiche. La musicoterapia permette di migliorare il benessere dei soggetti su vari piani, così da raggiungere precisi obiettivi. La terapia può coinvolgere:

  • Funzioni cognitive
  • Capacità motorie
  • Sviluppo emozionale
  • Abilità sociali
  • Qualità di vita
  • Gravidanza
  • Insegnamento scolastico
  • Terapia in vari reparti medici, come:
    → oncologico
    → palliativo
    → geriatrico.

E’ possibile approcciarsi alla disciplina in svariati modi, la quale può prevedere ascolto di brani, esecuzione mediante strumenti, improvvisazione, canto, danza o movimento. All’interno delle scuole la musicoterapia va impiegata per differenti scopi psicopedagogici, e per favorire personalità più equilibrate e mature.

Che cos’è la musicoterapia?

La musicoterapia ha ottenuto importante prestigio partendo dagli anni ’60. La disciplina, come accennato, prevede l’utilizzo di musica, suoni, ritmo e movimento, così da raggiungere facilmente obiettivi vari, come insegnamento, riabilitazione o gestione di patologie.

Pubblicità
Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Si realizza la musicoterapia mediante musicoterapeuta, quale scopo è quello di risultare utile ad un singolo soggetto o a gruppi organizzati, e mantenendo così. o sviluppando, funzioni cognitive, emozionali, sociali ma anche fisiche, tipo la coordinazione motoria. Al fine di ottenere validi risultati, questi operatori devono possedere determinate competenze patologiche e mediche, oltre alla mera esperienza musicale.

E’ possibile approcciarsi alla musicoterapia in 2 differenti modi, quali:

  1. Musicoterapia attiva, e quindi suonare adoperando voce, strumenti musicali o semplici oggetti.
  2. Musicoterapia recettiva, e quindi l’ascolto di brani, dove il soggetto dovrà percepire, immaginare e poi elaborare i suoni proposti dal terapeuta.

Come funziona la Musicoterapia?

E’ importante specificare il fatto che i soggetti, prima ancora di nascere, memorizzano suoni vari che andranno poi a costituire il cosiddetto Io sonoro. 
La tradizionale musicoterapia è quella psicoterapica, ed adopera un codice differente dal verbale, e quindi basato sul principio dell’ISO, Identità Sonora Individuale, al fine di aprire mediante suono, musica e movimento, canali di comunicazione con l’individuo.

musicoterapeuti hanno il compito di sbloccare i canali mediante i suoni strumentali. Esistono però differenti approcci dal suddetto, i quali fanno del suono e della musica un mezzo terapeutico. Il più interessante è di sicuro il metodo che fa riferimento alle teorie psicoacustiche. 

Dove può essere applicata la musicoterapia?

La musicoterapia viene adoperata in quanto terapia e riabilitazione prevalentemente in neurologia psichiatria, con grande riferimento a:

  • Autismo
  • Sindrome di Tourette
  • Ritardo mentale
  • Disabilità motorie
  • Morbo di Alzheimer e demenze varie
  • Morbo di Parkinson
  • Ictus
  • Amnesie
  • Afasia e disturbi simili
  • Psicosi
  • Disturbi dell’umore
  • Depressioni
  • Disturbo bipolare
  • Disturbi somatoformi, tipo le sindromi dovute a dolore cronico
  • Disturbi alimentari, come l’anoressia nervosa.

I principali obiettivi prefissati dalla musicoterapia sono sicuramente:

  • Stimolazione della comunicazione par far aprire il soggetto alle proprie emozioni
  • Migliorare comportamenti difficili da controllare, tipo aggressività, isolamento o rabbia
  • Ridurre l’assunzione di psicofarmaci
  • Tenuta o stimolazione delle abilità residue, con susseguente migliorie nella qualità di vita.

Controindicazioni della musicoterapia

Alcune controindicazioni della musicoterapia possono riguardare i malati mentali. Infatti, un suono sbagliato potrebbe generare effetti diversi rispetto a quello optato; motivo per il quale deve essere il terapista competente ed attento nella valutazione del quadro clinico del soggetto.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.