1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Bagno Turco: che cos’è, a cosa serve, benefici e controindicazioni

Bagno Turco: che cos'è, a cosa serve, benefici e controindicazioni

Il bagno turco è uno dei trattamenti particolari presenti nei centri benessere e nelle Spa. Ha una storia antichissima connessa alla tradizione araba, infatti gli arabi presero questa tradizione con dei bagni, chiamati Hammam, che vuol dire scaldare.

A cosa serve il Bagno Turco?

Il bagno turco, è un trattamento che si esegue in un ambiente in cui l’umidità relativa è del 100%, che origina una nebbia dalla temperatura stratificata, da 20-25°C al livello del pavimento sino a 40/48°C a livello della testa.

Aloe Ferox Bioness

Questo significa che sedendosi più in basso, si potrà usufruire di una temperatura minore. La quantità di vapore è superiore alla quantità d’acqua vigente nella pelle e questo conduce calore al corpo. Tuttavia, a differenza della sauna, nel bagno turco la sudorazione è meno forte. Solitamente la seduta di bagno turco avviene in due tempi: dapprima ci si sottopone ad un bagno di vapore per 15 minuti, e successivamente occorre immergersi in acqua fredda per circa 30 secondi.

Entrambe fasi possono essere ripetute più volte, a cui seguirà una fase di ulteriore rilassamento di circa 20 minuti e per concludere un massaggio finale. Il bagno turco è un vero e proprio toccasana per il benessere e la rigenerazione dell’organismo e della mente. Non è soltanto un bagno di vapore dai vari effetti positivi, bensì può essere anche un’occasione di ritrovo sociale, ed associato ai massaggi rappresenta uno speciale momento di riposo e benessere.

Consigli per eseguire un bagno turco

  1. Entrare e scegliere una posizione rilassante e comoda;  per favorire la circolazione all’interno del bagno turco è più opportuno rimanere sdraiati oppure mantenere le gambe più elevate rispetto al busto.
  2. La durata del trattamento non deve superare i 20 minuti. È importante fare attenzione al tempo massimo di tolleranza al calore, che varia ovviamente da individuo a individuo. Qualora si avvertisse il “pulsare alle tempie”, occorre andar via subito dal bagno turco e fare una doccia fresca, in quanto è un segnale che il corpo trasmette per l’eccessivo calore.
  3. Una volta finito, asciugare con calma il corpo per riabituarlo alla temperatura ambiente.
  4. Distendersi e coprirsi con una coperta, rilassandovi per circa 20 minuti.
  5. È importantissimo reintegrare i liquidi persi con la sudorazione, quindi bere.

Effetti benefici del bagno turco

Il bagno turco comporta numerosissimi benefici sia sulla psiche che sul corpo. In particolare:

  • esso permette, innanzitutto di combattere lo stress e diminuire la tensione naturalmente.
  • Favorisce la circolazione, mediante la dilatazione dei vasi sanguigni.
  • Ancora attiva la circolazione, regola la pressione e produce effetti benefici a carico dell’apparato respiratorio.
  • Il bagno turco ha un effetto tonificante, drenante e rilassante.
  • Inoltre aiuta a combattere l’insonnia, le tensioni muscolari e i dolori reumatici.
  • Efficiente per il regolare funzionamento delle vie respiratorie, difatti il caldo e l’umidità dell’ambiente permettono di alleggerire un comune raffreddore.
  • Il bagno turco porta giovamento alla pelle, poiché il vapore dilata i pori, permettendo l’eliminazione delle impurità in eccesso.

Controindicazioni del Bagno Turco

Il bagno turco come tutti i trattamenti ha delle controindicazioni. Coloro che soffrono di pressione bassa o alta deve effettuare una visita medica prima di inoltrarsi con questi trattamenti. Allo stesso tempo dovrebbe evitare tale terapia se si è affetti da patologie sessualmente trasmissibili, oppure da disturbi cardiovascolari.

È anche sconsigliato dopo un’intensa attività fisica, durante il ciclo mestruale e in caso di candida. Nelle donne in gravidanza si potrebbero verificare problemi fetali e svenimenti, mentre per chi è affetto da alcune patologie possono sperimentarsi degli effetti sull’epidermide. Quindi è fondamentale, prima di prenotare questo tipo di trattamento, consultare il proprio medico.

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.