1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Massaggio Svedese: che cos’è, benefici, dove viene praticato e controindicazioni

Massaggio Svedese: che cos'è, benefici, dove viene praticato e controindicazioni

Codesto massaggio nacque grazie al medico e fisioterapista svedere Pehr Henrik Ling.

Successivamente agli studi all’Università di Uppsala, lo stesso iniziò a svolgere viaggi vari per ben 7 anni, nel corso del quale raggiunge la Cina ed imparò le arti marziali e le corrispettive tecniche legate al massaggio cinese Tui Na.

Che cos’è il Massaggio Svedese?

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Di ritorno in Svezia, creò un sistema di ginnastica all’interno del quale congiungeva il campo medico tradizionale occidentale alle tecniche di massaggio imparate in Cina. Codesto sistema ottenne svariati meriti, tanto da portare lo stesso ad essere proclamato il dirigente dell’Istituto reale di ginnastica.

Ad oggi è ritenuto il padre del massaggio svedese in quanto è stato il primario ad avere messo in atto le tecniche di stimolazione manuale usate nella metodologia con corrispettivi effetti collaterali e fattori deontologici. Tuttavia, molti contraddicono la nascita del massaggio grazie a Ling, in quanto si sostiene che le stesse siano poi state precisate dal medico olandese Johann Georg Mezger e dall’ortopedico tedesco Albert Hoffa.

Risultante essere una tipologia di stimolazione manuale occidentale ideata nei paesi Europei al fine di svolgere diversificati massaggi energizzanti vari è il massaggio svedese. Solitamente, tende ad essere praticato su tutto il corpo, sebbene, in base alle necessità del soggetto che si sottopone allo stesso, risulti possibile svolgere il massaggio su di una singolare zona.

Tende ad essere svolto al fine di conferire benefici al soggetto che si sottopone allo stesso sia dal punto di vista psicologico che fisico. Tuttavia, non soltanto incentiva la distensione bensì permette di eliminare fastidi al corpo affievolendoli inizialmente sino alla totale rimozione. I soggetti che difatti si sottopongono a codesto massaggio, consigliano lo stesso nel caso in cui vi siano:

  • Stati d’ansia e depressivi;
  • Malessere alla testa;
  • Insonnia;
  • Fastidi gastrointestinali;
  • Artrosi;
  • Sciatalgie;
  • Fastidi della circolazione;

Risulta pertanto opportuno tenere a mente che laddove il soggetto sia affetto da patologie gravi, lo stesso non prevede la possibilità di eliminazione delle patologie, bensì permette di supportare il problema congiungendo allo stesso trattamenti curativi convenzionali, a seguito del consulto specialistico.

Tuttavia, laddove vi siano malesseri salutari, i benefici di codesto massaggio per quanto concerne il combattimento delle sintomatologie non risultano essere assicurati.

Benefici del Massaggio Svedese

Codesta tipologia di massaggio tende ad essere svolto al fine di conferire benefici psico-fisici.

Tuttavia, codesta tipologia di massaggio permette di:

  • Incentivare la distensione, abbassando l’esaurimento, il nervoso e l’ansia;
  • Rassodare la muscolatura;
  • Svolgere funzione rassodante della muscolatura;
  • Abbassare la dolenza muscolare e delle articolazioni;
  • Incentivare il micro-circolo e il decorso della linfa;
  • Incentivare la rimozione delle sostanze tossiche presenti all’interno del corpo;
  • Incentivare la rimozione dei liquidi in abbondanza;

Inoltre, ulteriore beneficio annesso allo stesso, riguarda la prevenzione e l’eliminazione delle adiposità cellulari. Ciò nonostante, risulta opportuno tenere a mente che, non vi sono terapie curative aventi la funzione di rimuovere codesto disturbo totalmente. In aggiunta, molti affermano che lo stesso abbia la funzione di affinare l’esteriorità dell’epidermide, conferendo allo stesso luminosità e morbidezza.

Dove viene praticato

Precedentemente allo svolgimento del massaggio svedese, risulta oppotuno tenere a mente che lo stesso deve essere svolto soltanto da persone competenti e specializzate, al fine di ottenere i benefici ad esso annessi.

Successivamente all’aver analizzato le avvertenze e dunque aver capito le problematicità, il massaggio svedese può essere avviato. Deve essere svolto su di un letto classico per massaggi e necessita dell’utilizzo di ungenti al fine di incentivare ulteriormente le stimolazioni manuali dello specialista.

Lo stesso deve infatti praticare il massaggio su qualsiasi zona del corpo, eliminando le zone intime. Ciò nonostante, in base alle necessità, risulta possibile curare zone limitrofe e specifiche. Codesta tipologia consiste nello svolgimento di diversificati e specializzate varietà di stimolazione manuale:

  • Scrematura lieve ed avvallata, spesso svolta inizialmente al massaggio oppure alla conclusione dello stesso, al fine di incentivare la distensione del soggetto ed azione un processo di iniziazione legato al massaggio svedese. Solitamente, risultano essere delle stimolazione manuali di media densità;
  • Attrito, e dunque stimolazione manuale con maggiore vigore che tende ad essere svolta a livello del flusso venoso e permettono di avvantaggiare il decorso liquido;
  • Impastatura avvallata oppure alla superficie, al fine di incentivare il microcircolo del sangue ed i processi ossigenativi tessutali;
  • Strofinamento, al fine di incentivare positivamente il quantitativo sanguigno;
  • Percussione, e dunque colpi veloci svolti al fine di rassodare l’epidermide ed i corrispettivi tessuti così come la muscolatura;

In aggiunta, codesta stimolazione manuale presenta una tempistica di svolgimento pari ad 1 ora, successivamente al quale si ha la sensazione di distensione psico-fisica.

Efficienza

Sebbene codesto massaggio non risulti essere un trattamento avente la funzione di combattere fastidi e patologie. Difatti, essendo un massaggio risulta capace di incentivare la distensione del corpo e della mente e dunque affievolire i fastidi lievi ed il micro-circolo della linfa e del sangue.

Ciò nonostante, risulta possibile ottenere i risultati diversi in base al soggetto. Dunque, la corrispettiva efficienza non risulta essere assicurata per qualunque soggetto e qualunque problematicità. Differenti ricerche hanno studiato l’efficienza di codesto massaggio ottenendo esiti vantaggiosi oppure fattori benevoli connessi a codesta stimolazione manuale.

Una ricerca difatti svolta su 48 soggetti aventi stati d’ansia ha previsto che lo svolgimento del massaggio abbia conferito a ciascun soggetto la riduzione delle sintomatologie ansiolitiche successivamente alla mezz’ora susseguente il trattamento. Ulteriori ricerche, contrariamente, evidenziano che lo stesso sia eccellente per quanto concerne la riduzione della dolenza lombosacrale e della lombalgia.

Controindicazioni

Così come qualunque massaggio, lo stesso ha avvertenze ed effetti collaterali. Difatti si sconsiglia lo svolgimento dello stesso su soggetti affetti da:

  • Infezioni della cute;
  • Traumi, bruciature e contratture della cute;
  • Stati febbrili ed infezioni sistemiche;
  • Problemi cardiaci e malattie cardiovascolari;
  • Infiammazioni;
  • Contusioni;
  • Fratture;
  • Fase di gestazione;

Ciò nonostante, risulta opportuno tenere a mente che laddove il soggetto abbia fastidi e patologie varie e maggiormente gravose, risulta assolutamente essenziale il consulto specialistico precedentemente allo svolgimento del massaggio.

Al fine, l’utilizzo di ungenti risulta sconsigliato a soggetti affetti da allergie agli ingredienti di cui si compone ed al prodotto stesso.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.