1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Foruncolosi: che cos’è, sintomi, cause, diagnosi e possibili cure

Foruncolosi: che cos'è, sintomi, cause, diagnosi e possibili cure

Risultante essere una malattia costituita da molteplici brufoli e connessa ad una rilevante infiammazione è la foruncolosi. Specificamente, tende a subentrare a seguito di un’infezione che compromette molteplici follicoli piliferi e la corrispettiva struttura tessutale perifollicolare causando pertanto infiammazione nelle zone compromesse.

Che cos’è la foruncolosi?

Subentra e compromette qualunque area che presenti follicoli piliferi sebbene le zone particolarmente affette dalla foruncolosi risultino essere in gran parte il viso, il collo, gli arti superiori ed il sedere. Al fine di curare tale patologie risulta opportuno rifarsi ad una terapia curativa avente la capacità di rimuovere il movente base dell’infezione, avendo spesso necessità di operazioni specialistiche.

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Essendo una patologia cutanea, presenta la formazione di foruncoli spesso noti anche col denominativo di vespaio. Tale patologia compromette lo stato salutare di qualsiasi soggetto, specialmente nei soggetti in fase adolescenziale e nei soggetti immunodepressi ed aventi diabete. Spesso la foruncolosi risulta essere frequente in quanto la patologia subentra frequentemente durante l’anno.

Per tale motivazione risulta maggiormente rischiosa a differenza della foruncolosi classica in quanto l’infezione si aggrava ulteriormente nelle zone precedentemente affette. In tal caso, la stessa subentra per genetica, nei soggetti affetti da diabete mellito di tipo 2 ed in coloro che hanno ulteriori patologie che aggravano le difese immunitarie e la cute (per esempio coloro che sono affetti da dermatite atopica).

Cause della Foruncolosi

Tale patologia risulta connessa ad un’infezione da batterio. Ciò nonostante, spesso risulta connessa ad ulteriori infezioni per esempio gli streptococchi. Quest’ultimi subentrano sull’area cutanea, sebbene la propagazione risulta controllata dalle difese immunitarie. Spesso, tuttavia, subentrano nuovamente causando fastidi e malattie della cute (ad esempio la foruncolosi).

I moventi causa di tale patologia risultano essere:

  • compresenza di ulteriori malattie e fastidi della cute (ad esempio eczemi e dermatiti);
  • debilitazione delle difese immunitarie;
  • somministrazione di prodotti farmacologici aventi la capacità di affliggere le difese immunitarie;
  • poca igiene intima;
  • diabete;
  • obesità;
  • anemia;
  • ulcere;
  • genetica;

Sintomi della Foruncolosi

Tale patologia tende a causare la formazione di un elevato quantitativo di brufoli che risultano similari a dei rigonfiamenti rossi e dolenti.

La zona posta al centro presenta tessuto necrotico e batteri, i quali, con il passare dell’infezione accrescono la grandezza delle contratture e dunque portano alla foruncolosi accrescendosi ulteriormente e causando dolenza maggiore nonché fuoriuscita di pus specialmente nell’area sopra del brufolo.

Risulta connessa ad un’infiammazione che risulta differente in base alla natura e alla propagazione infettiva. Al fine, bisogna tenere a mente che tale patologia spesso si presenta congiuntamente a sintomatologie (ad esempio stati febbrili e linfonodi grossi).

Complicanze di tale patologia risultano connesse alla presenza di ferite che si presentano successivamente alla cura di tali contratture. In aggiunta, spesso causa un’eccessiva infezione causando sgonfiamento. Nei casi invece di aggravamento totale, può causare internamente al corpo la cosiddetta batteriemia.

Diagnosi della Foruncolosi

La foruncolosi necessita di una prognosi accurata alquanto esemplificata da svolgere. Prevede l’anamnesi ed un test visivo laddove lo specialista comprende il disturbo del soggetto affetto.

Successivamente a ciò, lo specialista può richiedere un tampone delle contratture al fine di evidenziare il batterio causa dell’infezione.

In tal caso, dunque, risulta facile comprendere la terapia curativa specifica al fine di risolvere la patologia. Ovviamente, al fine di svolgere una giusta prognosi, lo specialista deve svolgere vari test che ovvino la compresenza di ulteriori malattie causa di sintomatologie avverse e che hanno causato la foruncolosi.

Possibili cure della Foruncolosi

Essendo la foruncolosi una patologia connessa all’infezione causa batteri, spesso la cura della stessa risulta connessa all’uso di prodotti farmacologici antibiotici da somministrare topicamente (ad esempio la clindamicina). In caso di foruncolosi acuta oppure frequente, lo specialista studia la situazione al fine di capire se consigliare prodotti farmacologici antibiotici da somministrare oralmente (come le penicilline e le cefalosporine).

Laddove però la patologia risulti essere connessa alla MRSA (Staphylococcus aureus meticillino-resistenti), il trattamento curativo specifico risulta alquanto difficile da evidenziare e dunque si tende a prescrive l’utilizzo di prodotti farmaceutici antibiotici differenti dalla penicillina, come la vancomicina e lo linezolid.

Al fine dunque di combattere tale patologia, risulta prescritto dallo specialista spesso un’operazione che prevede l’intaglio dei noduli nonché drenaggi del pus presenti all’interno. Tuttavia, tale processo risulta maggiormente difficoltoso e dunque, affinché si ovvino complicanze, risulta opportuno svolgere il tutto in luoghi appositi con l’utilizzo di strumenti sterilizzati e la presenza di medici specializzati.

Cure naturali

Risultando essere un fastidio che compromette svariate zone cutanee causando elevata infiammazione, l’uso di cure naturali solitamente non risultano essere efficienti, in quanto, una cura non specifica potrebbe causare infezioni avverse ed infiammazioni gravi.

Per tale motivazione, affinché la cura naturale risulti essere efficiente bisogna che il soggetto abbia un solo brufolo, che solitamente tende a scomparire dopo poco.

Tuttavia, vi sono suggerimenti che permettono di salvaguardare il soggetto dal subentro di tale patologia infettiva, come:

  • svolgere una corretta igiene;
  • usare detergenti specifici a seconda della pelle;
  • ovviare l’utilizzo di prodotti solitamente utilizzati da soggetti affetti da foruncolosi;
  • ovviare il tatto con contratture da foruncolosi sciacquando ripetutamente le mani;
  • diminuire l’esaurimento curando le malattie ed i fastidi connessi causa della formazione infettiva;
  • ovviare la rimozione dei brufoli aspettando che vadano via senza l’aiuto di nessun prodotto;
  • evitare di grattarsi;
  • precedentemente all’uso di prodotti farmacologici, sciacquare bene le mani e successivamente all’utilizzo dello stesso risciacquare nuovamente;
Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.