1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Esaurimento Nervoso: che cos’è, sintomi, cause e possibili cure

Esaurimento Nervoso: che cos'è, sintomi, cause e possibili cure

Per esaurimento nervoso, noto anche come nevrastenia (“stanchezza nervosa”), si intende uno stato mentale che genera turbamento a livello emotivo, e una certa spossatezza di carattere psico-fisico. Di condizione acuta, nasce in maniera improvvisa e dura solo in maniera temporanea.

Ad oggi è stato accertato che la causa portante che genera l’esaurimento nervoso è lo stress, a sua volta provocato da insostenibili situazioni, come ad esempio: problematiche di natura relazionare, salutari, economici, lavorativi e così via.

I sintomi principali dell’esaurimento nervoso possono essere:

  • ansia,
  • preoccupazione,
  • depressione,
  • mancanza di interesse alle gioie della vita,
  • fragilità emotiva.

Si suole in genere trattare l’esaurimento nervoso con la psicoterapia. Chi decide invece di affidarsi ai medicinali, vuol dire che avrà particolari sintomi o condizioni, sempre legate alla problematica. Vediamo nel dettaglio di cosa stiamo parlando.

Che cos’è l’Esaurimento nervoso?

La nevrastenia, come appena accennato, è uno stato mentale che apporta smarrimento emotivo che può essere di natura emotiva, fisica o psicologica.
In genere i pazienti che presentano esaurimento nervoso risultano giù di morale, emotivamente provati, al punto tale da intaccare anche la sfera fisica. Fortunatamente, lo stato è prettamente temporaneo, e la comparsa è priva di sintomatologia, per cui improvvisa.

Ad oggi l’esaurimento nervoso non è stato racchiuso in nessun libro che interessi le malattie mentali con rispettive diagnosi; lo stesso DSM, o Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, non fa cenno alcuno della cosa. La cosa è spiegata dal fatto che la comunità medico-scientifica non pensa all’esaurimento nervoso come disturbo mentale.
Gli esperti sogliono definire la problematica “crisi di salute mentale“.

Sintomi dell’esaurimento nervoso

Garcinia Cambogia

Come più volte accennato, all’esaurimento nervoso non sono legati particolari sintomi, ma si suole invece parlare di sensazioni, che possono, a chi più e a chi meno, compromettere la quotidiana qualità di vita di chi ne soffre.
Un esaurimento nervoso può evolversi in:

  • Sensazioni d’ansia con timori nei confronti di nulla di preciso;
  • Classici disturbi depressivi e pensieri mentali prettamente negativi verso la vita e tutti le cose che la caratterizzano;
  • Mancanza di interesse nei confronti di ciò che solitamente amiamo;
  • Sentirsi smarriti in casa propria, da ciò ne deriva la confinazione in casa evitando tutto ciò che si trova al di fuori;
  • Fragilità emotiva, che porta a pianto e tristezza;
  • Inattività nei confronti delle cose che succedono intorno, nonché assenza della padronanza della propria vita;
  • Insicurezza acuta;
  • Fragilità a livello fisico che porta ad affaticarsi anche dopo aver fatto minimi sforzi;
  • Disturbi durante il sonno;
  • Pensieri confusi;
  • Mancanza di interesse per quanto riguarda la propria persona.

Raramente, l’esaurimento nervoso può portare anche a:

  • sbalzi d’umore,
  • allucinazioni,
  • paranoia,
  • flashback, ovvero vengono riportati alla memoria cose passate.

Cause dell’esaurimento nervoso

Si è largamente capito che la causa portante dell’esaurimento nervoso è lo stress provocato da più eventi della vita quotidiana.
A seguito di numerosi studi e statistiche effettuate sulla problematica, è venuto fuori che le circostanze portanti che generano la nevrastenia sono:

  • Problematiche nella relazione intima. Da molteplici studi è venuto fuori che il 24% dei divorzi è dovuto ad esaurimento nervoso.
  • Problematiche lavorative e scolastiche. Dallo stesso studio è venuto fuori che circa il 17% di queste problematiche sono dovute all’esaurimento nervoso.
  • Problematiche economiche. Solo l’11% soffre di queste problematiche.
  • Problematiche familiari. 
  • Problematiche salutari. Da alcune ricerche è venuto fuori che questa problematica sta gradualmente diminuendo.
  • Vittima di relazioni abusive.
  • Morte prematura di familiari od amici.
  • Avere attacchi d’ansia o timori.
  • Soffrire di DOC o meglio disturbo ossessivo compulsivo.
  • Continui traumi fisici.
  • Esser vittima di calamità naturali.
  • Esser vittima di depressione o patologie analoghe.

Possibili cure e trattamenti per l’esaurimento nervoso

La terapia per eccellenza riservata a chi soffre di esaurimento nervoso è la psicoterapia, terapia psicologica. Con questa terapia, il soggetto con il disturbo può aprirsi liberamente al terapeuta, facendogli noti tutti i suoi disturbi o difficoltà; tramite questa conversazione si riesce a risalire alle cause della spossatezza psico-fisica arrivando così ad una soluzione.

La terapia psicologica racchiude in sé svariate tecniche per meglio trattare la psiche del paziente. Le tecniche più adoperate in questa fase sono:

  • la psicoanalisi,
  • la terapia cognitivo-comportamentale,
  • la psicoterapia psicodinamica,
  • la terapia espressiva.

Parente alla psicoterapia è il trattamento farmacologico.
Si suole scegliere la cura con i farmaci, in genere, per le seguenti cause:

  • L’esaurimento nervoso seguito da crisi ansiose può richiedere un approccio con gli ansiolitici.
  • L’esaurimento nervoso seguito da depressione acuta può richiedere un approccio con gli antidepressivi.
  • L’esaurimento nervoso seguito da schizofrenia può richiedere un approccio con gli antipsicotici.
  • L’esaurimento nervoso seguito da disturbo bipolare può richiedere un approccio con gli stabilizzanti dell’umore.

Ulteriori rimedi

Molto utili per rilassarsi, allontanando così lo stress e prevenendo future ricomparse della problematica, possono essere anche i seguenti metodi non di tipo medico:

Un consiglio dagli esperti

Molti esperti sconsigliano le terapie fai-da-te, ovvero di provvedere a risolvere la problematica in maniera indipendente, rifiutando qualsiasi aiuto esterno. Fondamentale risulta infatti l’aiuto da parte di un terapeuta preparato. 
Gli esperti consigliano infine, di lasciarsi aiutare e parlare con i propri familiari ed amici, invece di preferire l’isolamento.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.