1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Artiglio del Diavolo: che cos’è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

Artiglio del Diavolo: che cos'è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

L’Artiglio del diavolo Harpagophytum procumbens, appartenente alla famiglia delle Pedaliaceae, è una pianta perenne, che nasce nell’Africa meridionale ed orientale, soprattutto sull’altopiano sudafricano del Transvaal e nelle zone desertiche e di savana.
Presenta delle proprietà analgesiche ed antiinfiammatorie, ed è per questo che trova largo utilizzo nella cura di mal di testa e mal di schiena.

Che cos’è l’artiglio del diavolo?

L’artiglio del diavolo è una pianta erbacea perenne e rampicante, e i suoi germogli nascono dalla radice tuberosa attaccata al suolo. Le sue foglie si presentano erette, picciolate, carnose e lobate, e dalla zona fogliaria prendono vita anche dei fiori singoli dal colore porpora. I suoi frutti, infine, si presentano legnosi, dentellati e con delle spine ad uncino, che fanno pensare per l’appunto a degli artigli. 

Aloe Ferox Bioness

I popoli del sud Africa furono i primi a scovare le proprietà medicinali dell’artiglio del diavolo; facevano infatti dei decotti contro i problemi di digestione, reumatismi, artrite e per calare la febbre.

I suoi frutti, dalla forma ad uncino e muniti di spine, sono capaci di intrappolare gli animali più piccoli che, non potendo scappare, muoiono di fame e sete.
Coloro che casualmente calpestano la pianta, saltano di qua e di là come dei posseduti, visto che gli uncini aguzzi sono capaci di provocare grande dolore sia a piedi umani che a zampe animali.

Proprietà e Benefici dell’Artiglio del Diavolo

Come appena detto, i popoli del sud Africa furono i primi a sfruttare l’artiglio del diavolo in medicina tradizionale, soprattutto nella cura di disturbi osteo-articolari.
Nella radice dell’artiglio del diavolo è possibile trovare gli Harpagosidi, responsabili delle proprietà analgesiche ed antiinfiammatorie.

L’artiglio del diavolo è inoltre efficace contro dolori ed infiammazioni causa di:

  • Tendinite,
  • Osteoartrite,
  • Artrite reumatoide,
  • Mal di schiena,
  • Mal di testa dovuto ad artrosi cervicale,
  • Vari dolori cervicali,
  • Contusioni,
  • Sciatica,
  • Artrite,
  • Artrosi.

Le sue proprietà ipocolesterolemizzanti e ipouricemizzanti, efficaci contro la gotta, sono dovute ai principi amari, in grado di stimolare la riproduzione dei succhi gastrici e bile.

Questo fatto però fa in modo che i rimedi rintracciabili in erboristeria a base di artiglio del diavolo, siano controindicati contro gastrite, ulcere gastriche o duodenali, e nel periodo di assunzione di ulteriori antiinfiammatori di sintesi, poiché in grado di alterare gli effetti dei farmaci, nonché gli effetti indesiderati.

Utilizzi dell’Artiglio del Diavolo

Uso Interno

È possibile trovare sul mercato l’artiglio del diavolo in veste di tintura madre, capsule o pillole, la cui assunzione deve essere seguita da un medico, e non deve avere tempi troppo lunghi; si consiglia di non superare 1 o 2 settimane.

Uso Esterno

È possibile trovare sul mercato molte pomate o gel a base di artiglio del diavolo, molto utili in caso di infiammazioni alle articolazioni. Si consigliano i seguenti dosaggi:

  • Estratto secco, utilizzato per disturbi osteoarticolari o reumatici, in un dosaggio di 300/600 mg al giorno per 3 volte al giorno.
  • Tintura madre, in un dosaggio di 30 gocce versate in acqua per 3 volte al giorno.
  • Infuso, in un dosaggio di 5 g di tisana in almeno 500 ml di acqua, per 3 volte al giorno.

Controindicazioni dell’Artiglio del Diavolo

Prima di cominciare qualsiasi assunzione di artiglio del diavolo, è bene prestare massima attenzione, in quanto può essere causa di vari effetti collaterali e controindicazioni.

Visto l’effetto ipoglicemizzante, l’assunzione è altamente sconsigliata a pazienti con diabete e che fanno già uso di ulteriori farmaci appositi.

Vista la presenza di sostanze amare che ne danno importanti proprietà digestive, l’artiglio del diavolo è sconsigliato a coloro che presentano gastrite o ulcera duodenale; la pianta può infatti andare a stimolare la secrezione gastrica.

L’artiglio del diavolo è capace di interagire con i farmaci anticoagulanti, con effetto ipotensivo. E’ perciò controindicato per tutti quei soggetti sottoposti a queste tipologie di terapie. L’artiglio del diavolo è infine controindicato a donne in gravidanza, visto che potrebbe stimolare contrazioni uterine.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.