1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voti, voto medio: 5,00)
Loading...

Ugola gonfia e mal di gola: quali sono le cause e come curarla

ugola gonfia e mal di gola quali sono le cause e come curarla

Capita spesso di avere l’ugola infiammata, gonfia e allungata. Il più delle volte si tratta di un’infiammazione che riguarda la gola o il palato. L’ugulite è appunto l’infiammazione dell’ugola. Parleremo di seguito del perchè avviene e quali sono i rimedi.

Che cos’è l’Ugola

L’ugola, detta anche campanella o campana è una specie di pendolo situato nella gola; essa svolge una funzione molto importante nel nostro corpo: funge da filtro per i batteri che entrano nel corpo tramite la cavità orale. La sua presenza quindi impedisce ai corpi estranei di spingersi oltre.

Quali sono le cause dell’Ugola gonfia

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Le cause dell’ugola gonfia possono essere svariate: infiammazione, irritazione, allergie, disidratazione e traumi. L’infezione avviene quando nel nostro cavo orale vi è la presenza di virus, batteri o funghi. Una possibile causa di irritazione invece, può essere l’emissione di succhi gastrici oppure l’eccessivo fumo se il soggetto è un fumatore. Per quanto riguarda i succhi gastrici, chi soffre di reflusso gastrico ha più probabilità di soffrire di ugulite. Un’altra causa può essere la disidratazione; questo avviene quando respiriamo con la bocca aperta, durante il sonno o in caso di raffreddore. Un’ulteriore causa potrebbe essere un trauma come l’endoscopia.

I motivi principali dell’ugola gonfia sono però infiammazione o irritazione, per lo più legati a raffreddore o allergie.

Rimedi naturali per curare l’Ugola gonfia

Per risolvere il problema dell’ugola gonfia esistono tanti rimedi naturali, i cosiddetti “rimedi della nonna“, che risulteranno più o meno efficienti a seconda della causa. Se il problema persiste, si consiglia di assumere un antinfiammatorio da banco che può essere acquistato in farmacia, come ad esempio l’ibuprofene. Quest’ultimo può essere assunto associato ad uno dei rimedi naturali per ottenere benefici più velocemente.

Come prima cosa si consiglia di effettuare, almeno due volte al giorno, garganismi con acqua e sale o bicarbonato. Il sale, così come il bicarbonato, ha proprietà antinfiammatorie naturali. Inoltre è consigliato bere tanto; spesso,come abbiamo già detto precedentemente, la disidratazione potrebbe essere una delle cause dell’ugola gonfia. Oltre all’acqua si può bere tisane o té con l’aggiunta di un cuchiaino di miele. Quest’ultimo ha proprietà antibiotiche naturali che contrastano l’infiammazione.

Vi sono anche rimedi omeopatici per alleviare i disturbi legati alla gola, come la Belladonna o l’Artemisia, consultando l’erborista per le dosi consigliate.

Se l’ugola è gonfia in seguito ad un’allergia, bisogna assumere un antistaminico sotto prescrizione del prioprio medico.

Si consiglia inoltre di non fumare, non alzare la voce e di tenere ben coperta la gola.

Solitamente l’ugola gonfia e infiammata è un disturbo che si risolve di per se senza bisogno dell’intervento di un medico. Nel caso in cui non dovesse passare dopo 3-4 giorni, se si ha difficoltà nella deglutizione o se vi sono placche bianche simili al pus, è bene rivolgersi al proprio medico curante. Se c’è un’infiammazione in corso potrebbe essere necessario l’assunzione di un antibiotico.

Ugola gonfia dopo la tonsillectomia

L’ugola gonfia può essere anche causata dalla tonsillectomia, ossia dall’asportazione chirurgica delle tonsille. Succede che le tonsille si infettano e nei soggetti impossibilitati a svolgere le usuali attività quotidine, è necessario appunto l’asportazione di queste; non vi sono cure in merito, l’asportazione è l’unica soluzione per risolvere il problema.

Dopo l’intervento di tonsillectomia, può accadere che:

  • l’ugola si infiammi e che si abbia difficoltà nel deglutire.
  • Se si manifesta mal di gola, ugola gonfia e mascella rigida, è assolutamente normale e non c’è da preoccuparsi. Questi sono sintomi post-operatori che durano qualche giorno. In tale situazione evitare (sopratutto nei primi giorni) di ingerire cibi solidi, peferire invece frullato, gelato e centrifuga che aiutano ad evitare infezioni, irritazioni o sanguinamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.