1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Poligala: che cos’è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

Poligala: che cos'è, proprietà, benefici, utilizzi e controindicazioni

La Poligala Polygala vulgaris, è una pianta officinale facente parte della famiglia delle Polygalacee. Vanta azioni emollienti, espettoranti e lassative, e risulta molto importante per trattare la diuresi, vari problemi all’intestino, tosse, asma e bronchiti.

Che cos’è la Poligala?

La poligala oltre ad essere una pianta officinale, è soprattutto una pianta erbacea e perenne, dalla forma alquanto caratteristica. Il suo fusto è infatti ruvido e privo di rami, piegato verso il suolo e risale nel periodo in cui fiorisce, e con questo si intende nei mesi che vanno da maggio ad agosto.

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Le foglie della pianta hanno un colore verde chiaro, hanno forma arrotondata e risultano morbide al tatto, i suoi fiori, infine, sono piccoli e molto carini, e possono essere sia viola, ma anche rosa o bianchi. La sua altezza non supera i 15 centimetri, presenta un sapore prettamente amaro e il profumo a malapena si sente.
La peculiarità della poligala risiede nel fatto che i suoi semi germogliano soltanto quando vi è luce.

La poligala per la sua proliferazione sceglie zone erbose e con molto sole, tipo prati, pianure e fascia montana. In Italia settentrionale è molto comune, prevalentemente nelle Alpi e su terreni argillosi e calcarei.

Alcuni cenni storici

La poligala veniva largamente adoperata nella Virginia del ‘700, dove i popoli del posto la impiegavano per combattere i veleni e i morsi dei serpenti. Nella fascia Europea, invece, con la suddetta solevano curare il catarro.

La parola poligala viene dal greco e vuol dire “molto latte”. In seguito a questo nome si è cominciato a pensare al fatto che potesse permettere la produzione del latte, anche se la cosa non è ancora del tutto certa.

Proprietà e Benefici della Poligala

Le proprietà principali legate alla pianta della poligala sono:

  • lassativa
  • espettorante
  • emolliente
  • stomachiche, per permettere la diuresi
  • utile per reumatismi
  • toniche.

Le proprietà terapeutiche gli sono conferite dai sui importanti principi attivi, ovvero:

  • poligalina,
  • gaulterina,
  • poligalamarina,
  • saponine,
  • tannini,
  • mucillagini
  • eteroside gualterina.

La sua proprietà espettorante fa sì che venga largamente adoperata per combattere la tossepertosse, raffreddore, asma, bronchite e affezioni alle vie respiratorie. La pianta permette anche di stimolare la diuresi e la sudorazione in caso di febbre. L’azione lassativa, infine, rende la poligala molto utile contro problematiche a livello intestinale, permettendo così di eliminare tutte le scorie pericolose per il corpo.

Utilizzi della Poligala

La poligala viene utilizzata per intero, radici incluse. Risulta infatti molto utile l’infuso dalla proprietà lassativa e per combattere le infiammazioni, e l’estratto fluido o in polvere dall’azione espettorante e per combattere la bronchite.

Il decotto di poligala funge da espettorante per rimuovere il catarro, e si ottiene mettendo a bollire 30 grammi di radice di poligala in 1 litro di acqua. Setacciare il tutto e poi assumerlo freddo ogni 2 ore, dosandolo con un cucchiaio.

Controindicazioni della Poligala

La poligala è altamente sconsigliata in presenza di gastrite, ulcera peptica ed ipersensibilità accertata o presunta alla stessa.

Dosi elevate possono portare a nausea e vomito, ed è infine controindicata in caso di gravidanza ed allattamento. 

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.