1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Orticaria da freddo: che cos’è, sintomi e possibili cure

Orticaria da freddo: che cos'è, sintomi e possibili cure

L’orticaria da freddo è un fastidio che si manifesta prevalentemente in inverno, e quindi a causa delle basse temperature, della neve o del ghiaccio.

Risulta quindi importante saperla riconoscere dai sintomi, per poi trovare una cura, meglio se naturale, e prevenirne magari l’insorgenza. Scopriamola insieme!

Che cos’è l’orticaria da freddo?

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Per orticaria da freddo si intende una reazione cutanea provocata dalle basse temperature, dalla neve e dal ghiaccio: da ciò si evince che il suo picco massimo avviene in inverno.

Nonostante ciò, non si può escludere la sua comparsa anche nei periodi estivi, semplicemente andando a toccare alimenti congelati, ingerendo bevande ghiacciate, stando eccessivamente esposti ad aria condizionata, o semplicemente lavando le mani con acqua fredda.

Chi soffre da orticaria da freddo, noterà i pomfi pruriginosi, o bolle, puntiformi, e nella loro fase iniziale, ciò avviene solo alla zona esposta alla temperatura bassa. Ulteriore peculiarità che contraddistingue l’orticaria da freddo, sono le persistenti manifestazioni, rispetto ad ulteriori reazioni orticarioidi, le quali hanno durata maggiore di 24 ore.

La diagnosi avviene in maniera molto semplice, anche stando comodamente in casa, effettuando un test, servendosi soltanto di un cubetto di ghiaccio: test di provocazione.

Sintomi dell’orticaria da freddo

Fra le reazioni principali legate all’orticaria da freddo abbiamo:

  • Prurito a collo, gambe, mani, braccia e/o schiena
  • Arrossamento alle aree esposte al freddo
  • Comparsa di eruzioni cutanee, e più specificamente di pomfi puntiformi e tondi.

I suddetti sintomi vanno generalmente combattuti mediante farmaci antistaminici, nonostante sia possibile trovare anche rimedi naturali molto utili per prevenirne la comparsa. E’ importante non sottovalutare il problema, visto che, le reazioni più forti, possono addirittura influire con le attività cardiache, provocando arresto cardiocircolatorio. 

Visto che l’orticaria da freddo può essere anche il via ad ulteriori patologie, risulta sempre bene chiedere un parere al dermatologo, così da approfondire al meglio riguardo la sua origine.

Possibili cure per l’orticaria da freddo

Se si soffre di orticaria da freddo si deve assolutamente evitare l’assunzione di alimenti o bevande ghiacciate, proteggendo al meglio la cute da freddo, acqua ed agenti atmosferici, mediante guanti, sciarpe, cappellini ed indumenti che tengano al caldo, prediligendo, almeno per quanto riguarda gli abiti a contatto con la pelle, tessuti leggeri e traspiranti.

Meglio evitare di bagnarsi al mare o al lago, soprattutto se l’acqua è fredda; la doccia meglio se calda.

rimedi naturali più scelti per il trattamento delle reazioni meno gravi sono:

  • impacchi oppure bagni con acqua tiepida con l’aggiunta di farina d’avena e bicarbonato
  • gel all’aloe vera
  • creme alla calendula, le quali vantano un’azione lenitiva, e che vanno massaggiate là dove si sente prurito
  • impacchi fatti con garze bagnate all’interno del latte; è un consiglio quello di porle prima in frigo, così da meglio attenuare il prurito.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.