1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Metrite: che cos’è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

Metrite: che cos'è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

La Metrite è una comune infiammazione dell’ utero che generalmente si manifesta in un lasso di tempo conseguente al momento del parto.

Generalmente si tratta di una patologia di origine infettiva batterica con molecole che possono anche essere trasmesse per via sessuale ed in base alla precisa localizzazione dell’ infezione e delle parti interessate possiamo fare numerose distinzioni che sono di fondamentale importanze ai fini del trattamento.

Fate attenzione quindi se avvertite dolori pelvici e notate perdite insolite che rappresentano alcuni dei numerosi sintomi di questa comune patologia.

Pubblicità
Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Non tutti però sanno che la pillola anticoncezionale oltre ad impedire gravidanze indesiderate determina un aumento della viscosità del muco cervicale che rende la vita dura a microbi e batteri che potrebbero risalire l’ utero ed infettarlo.

Leggendo questo breve articolo scoprirete tutto quello che c’è da sapere circa la Metrite, che cos’è, quali sono i sintomi e le cause, in che modo viene diagnosticata e in che cosa consiste il trattamento. Scopriamo ora qualcosa in più!

Che cos’è la Metrite?

Come accennato in precedenza la Metrite conosciuta meglio con il nome di Malattia infiammatoria pelvica consiste in un’ infiammazione di tipo batterico che interessa l’ utero e la zona pelvica e si manifesta generalmente nelle 2 settimane che seguono il parto o un aborto.

Possiamo distinguere in base alle zone interessate tra:

  • Ovarite: l’ infiammazione affligge le Ovaie
  • Cervicite: la zona interessata in questo caso è il collo dell’ utero ossia la Cervice
  • Perimetrite: la patologia interessa il perimetrio ossia la parte che riveste esternamente l’ utero
  • Miometrite: infiammata è la zona compresa tra endometrio e perimetrio
  • Endiometrite: la mucosa presente nella cavità interna uterina è aggredita dai batteri

Si è constatato che tale patologia affligge circa il 2% delle donne ogni anno e molto spesso i sintomi si presentano dopo un lungo lasso di tempo ed è legata soprattutto ai rapporti sessuali non protetti, all’utilizzo di droghe e ad una scarsa igiene intima.

Si stima inoltre che solo nel 2008 i casi accertati di clamidia e di gonorrea sono stati rispettivamente circa 106 milioni.

Sintomi e Cause della Metrite

L’ Infiammazione Pelvica presenta un quadro clinico veramente particolare in quanto può sia presentarsi in forma asintomatica oppure i sintomi più comuni sono:

  • febbre
  • dolore pelvico
  • perdite
  • perdite vaginali maleodoranti
  • inappetenza
  • lombalgia
  • vomito
  • ipermenorrea
  • mestruazioni irregolari
  • dolori post coito

Generalmente le cause devono essere ricercate in :

  • tossicodipendenza
  • malattie veneree
  • scarsa igiene intima
  • procedure chirurgiche sbagliate
  • inizio precoce dell’ attività sessuale

I batteri e virus coinvolti nella maggior parte dei casi sono:

  • Chlamydia trachomatis
  • Neisseria gonorrhoeae
  • Prevotella
  • Streptococcus pyogenes
  • Prevotella bivia
  • Prevotella disiens
  • Bacteroides
  • Peptostreptococcus asaccharolyticus
  • Peptostreptococcus anaerobius
  • Gardnerella vaginalis
  • Escherichia coli
  • Streptococco del gruppo B
  • Streptococco alfa-emolitico
  • Stafilococco coagulasi negativi
  • Atopobium vaginae
  • Acinetobacter 
  • Dialister
  • Fusobacterium gonidiaformans
  • Gemella
  • Leptotrichia
  • Mogibacterium
  • Porphyromonas
  • Propionibacterium acnes
  • Sphingomonas
  • Veillonella
  • Mycoplasma genitalium
  • Mycoplasma hominis
  • Ureaplasma spp.

Diagnosi e Trattamento della Metrite

La Diagnosi della Metrite verrà eseguita dal ginecologo nei casi più semplici mediante un semplice controllo ginecologico e se lo riterrà necessario potrà procedere con:

  • tampone vaginale
  • tampone uretrale del partner
  • ecografia pelvica
  • raschiamento
  • biopsia endometriale
  • esame del muco cervico-vaginale
  • ves e pcr

Il Trattamento nella maggior parte dei casi consiste nella prescrizione di antibiotici da assumere per via endovenosa contenenti macrolidi, tetracicline, chinoloni, lincosamidi e penicilline inoltre si prescriverà l’ astensione dai rapporti sessuali.

Al fine di prevenire l’ insorgere di tale infezione basta seguire alcuni semplici consigli:

  • adottate dei sistemi anticoncezionali al fine di evitare la trasmissione di malattie sessualmente trasmissibili ;
  • monogamia;
  • utilizzo della pillola anticoncezionale perchè comporta un inspessimento del muco vaginale che impedisce ai batteri di risalire verso l’ utero;
  • evitare rapporti sessuali nei periodi che seguono un parto o un aborto;
  • igiene intima costante con prodotti che rispettino il ph della pelle.
Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.