1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Spazzole per la pulizia del viso: cosa sono, a cosa servono, come si usano e controindicazioni

Spazzole per la pulizia del viso: cosa sono, a cosa servono, come si usano e controindicazioni

Risultante essere uno strumento per la pulitura della pelle che risulta essere adoperato da molteplici soggetti, è la spazzola per la pulizia del viso. Sul mercato vi sono differenti tipologie con differenti funzionali. Quelle maggiormente proliferate risultano essere:

  • pelli normali e miste, adoperandola giornalmente causa della struttura composta da setole morbide che permettono di detergere la pelle che non necessita di caratteristici trattamenti
  • pelli sensibili e ultra sensibili, e dunque testine aventi setole molli e delicate che permettono di pulire la cute essiccata, sensibile e facilmente irritabile
  • pulitura a fondo, adoperando testine con caratteristiche setole ideate al fine di pulire a fondo i pori. Risulta difatti sconsigliata per la pulitura giornaliera sebbene raccomandata per l’uso in particolari occasioni
  • esfoliante, e dunque raccomandata da adoperare 1 volta a settimana oppure a seconda delle necessità data la funzione vigorosa al fine di eliminare le cellule morte e rinnovare la pelle
  • utilizzo di prodotti per la cosmesi, data la presenza di una spugna che agevola la distensione di creme e sieri a fondo

Vi sono inoltre delle testine particolari e dunque ideate al fine di svolgere particolari funzionalità che non fanno parte della pulitura del volto e che conferiscono alla spazzola versatilità, come:

  • testine epilatrici, e dunque ideate sotto forma di mini-epilatori per il volto
  • testine massaggianti, e dunque costituite da spazzola in plastica con molteplici sfere e micro-sfere rotenanti che operano massaggio della cute che istiga la circolazione e conferisce alla pelle luminosità e rilassamento
  • testina per rigonfiamento agli occhi, ottimale al fine di azionare il microcircolo nell’area del contorno occhi, al fine di eliminare il gonfiore alla zona e conferire allo sguardo riposo e distensione

A cosa servono le Spazzole per la pulizia del viso?

Pubblicità
Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Codesto dispositivo incentiva l’esemplificata assimilazione dei detergenti che si adoperano superficialmente al viso e incentivano la pulitura a fondo della cute. Non deve essere adoperata al fine di eliminare il make up, altresì risulta essere ottimale successivamente allo struccaggio, al fine di svolgere una pulitura a fondo della pelle del viso.

Ulteriore motivazione per il quale risulta possibile adoperare codesto strumento risulta essere la funzione alla base delle setole che permette di istigare il microcircolo e stendere la muscolatura della faccia.

Come si usano le Spazzole per la pulizia del viso?

L’utilizzo della spazzola per la pulitura del viso risulta alquanto esemplificata e non necessita di lunghe tempistiche. Pertanto, si raccomanda di seguire dei semplici passaggi, di cui:

  • umidificare il volto e la testina della spazzola, ponendo un ridotto quantitativo di acqua. Questo risulta essere essenziale in quanto si sconsiglia di adoperare la testina senza acqua superficialmente all’epidermide, poiché causa di irritazioni
  • porre un detergente, prediligendo l’utilizzo diretto sul volto o superficialmente alla spazzola
  • porre la testina e azionare il dispositivo, facendo scendere leggermente la testina verso le differenti aree della faccia, del collo e del décolleté svolgendo movimento circolare ed ovviando compressione
  • susseguentemente alla pulitura, risciacquare l’area curata con acqua tiepida e asciugare con un telo

La procedura pertanto risulta essere alquanto esemplificata sebbene vi sono determinate accortezze da sottolineare in relazione alla tempistica, dalla contiguità di utilizzo e dalla tempistica da riporre nelle differenti zone del viso. Per quanto concerne difatti la tempistica di ciascuna procedura, si sconsiglia di tenerla per più di 1 minuto.

Sul mercato vi sono ben 2 tipologie di spazzole per il volto. La prima tende a spegnersi volontariamente dopo 1 minuto contrariamente alla seconda, la quale necessita di attivazione e spegnimento manuale. Nel caso in cui si ha a disposizione una spazzola manuale, è bene tenere sotto osservazione la tempistica che passa in quanto adoperare codesto accessorio per lunghi lassi temporali causa irritazione alla pelle e arrossamenti.

In ambo i casi è bene tenere a mente di adoperato codesta tempistica su qualunque zona del viso, dunque 40 secondi per la zona T e 20 secondi per le guance. Nel caso in cui si voglia utilizzare il dispositivo sulla zona del collo e del seno, si raccomanda di non superare i 20 secondi. In tal caso, è opportuno affermare che sul mercato vi sono differenti tipologie di strumenti. Dispositivo con rapidità da sceglie e dispositivi che non permette di selezionare la velocità.

Con i dispositivi aventi differenti tassi di vigore risulta probabile scegliere la rapidità maggiormente idonea a seconda della tipologia di testina adoperata. Risulta possibile prediligere la rapidità a seconda della tipologia di pulitura da svolgere e della tipologia di pelle, sebbene solitamente, si raccomanda di avviare con rapidità bassa, sino ad accrescerla a seconda della reattività della cute.

Si raccomanda di adoperare la spazzola di sera. Naturalmente, la si può utilizzare in base ai propri obiettivi, adoperandola anche 2 volte al dì. Non si raccomanda un utilizzo maggiore. La spazzola per il viso presenta differenti tipologie di testine, ciascuna ideata per una tipologia di pelle e per un trattamento particolare. Codeste risulta acquistabili a parte, in maniera tale da incrementare il set o al fine di avvicendarle nel caso di rottura.

Controindicazioni sull’uso delle Spazzole per la pulizia del viso

Risulta opportuno tenere a mente che le spazzole elettriche devono essere adoperate susseguentemente alla rimozione del make-up. Nel caso in cui codesto processo non dovesse essere svolto in maniera giusta, il pericolo prevede l’assimilazione dannosa del make-up e non del detergente. La pelle pertanto subisce secchezza e il risultato avuto risulterà essere differente da quello richiesto.

Inoltre, bisogna prestare attenzione alle spazzole dalle ridotte dimensioni. L’utilizzo contiguo e compressivo comporta la mancata efficienza.

La raccomandazione prevede l’utilizzo del dispositivo corretto, eliminando accuratamente il trucco e ponendo una crema idratante successivamente all’uso. Alfine, risulta essenziale adoperare le setole corrette alla propria tipologia di pelle e fare ricorso al libretto di istruzioni al di là della semplicità dello svolgimento.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.