1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Massoterapia: che cos’è, come viene effettuata, benefici, controindicazioni e per chi è indicata

Massoterapia: che cos’è, come viene effettuata, benefici, controindicazioni e per chi è indicata

Risultante essere un massaggio terapeutico muscolare e dei tessuti connettivali è la massoterapia. Quest’ultima prevede differenti tecniche di stimolazione manuale il cui obiettivo è quello di salvaguardare la salute dei differenti apparati del corpo, come l’apparato muscolo-scheletrico.

Che cos’è la Massoterapia?

Solitamente, gli specialisti della massoterapia ritengono la stessa un trattamento riabilitativo e preventivante per quanto concerne determinate patologie inerenti alla muscolatura, ai vasi sanguigni, ai vasi linfatici ed alle terminazioni nervoso-motorie.

Pubblicità
Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Colui che svolge tale trattamento viene denominato massoterapista. Quest’ultimo vanta di studi anatomico umano, fisiologico, biologico, chimico, endocronologico, immunologico, farmacologico ed istologico. La terminologia massoterapia si ricava dalla coesione di un duplice termine di lingua greca, ossia: “masso” che significa impastare oppure modellare con le mani, e “therapeia” che significa cura oppure guarigione.

Dunque, il senso di massoterapia risulta essere il trattamento curativo con il modellamento delle mani. Anticamente, si dice che la massoterapia fosse nata 2.000-3.000 a.C. Nei paesi occidentali, la propagazione della massoterapia sotto forma di trattamento terapico si è propagato grazie ad un ginnasta e fisioterapista svedere, Pehr Henrik Ling.

Quest’ultimo risulta essere conosciuto in quanto padre della stimolazione manuale svedese, massaggio con mani basato su dei principi base della massoterapia moderna.

Benefici della massoterapia

Specialisti della massoterapia affermano che la stimolazione conferisce risultati benevoli alla muscolatura, ai tessuti connettivi ed al corpo umano, in quanto:

  • conferisce un perfezionamento del flusso circolatorio sanguigno all’interno dei vasi capillari. Ciò conferisce un agevolato conferimento di ossigeno e nutrimenti alle cellule dei tessuti affinchè le stesse possano funzionare nel migliore dei modi guarendo con maggiore velocità dagli aggravi e dalle contusioni;
  • incrementa il drenaggio linfatico, agevolando la rimozione delle tossine nei tessuti;
  • Incentiva l’essiccazione dell’endorfine, e dunque sostanze chimiche formate dal sistema nervoso ed aventi la funzione di fungere da calmanti e stimolanti;
  • Ferma le segnalazioni nervose che permettono di sentire la dolenza e le tensioni dei muscoli e dei tendini;

Per tale motivazione, coloro che svolgono la massoterapia sostengono che sia ottimale al fine di curare problemi di:

  • contrazioni muscolari;
  • dolenza muscolare;
  • contratture e tendini induriti;
  • esaurimento psicofisico;
  • ritenzione idrica;
  • cellulite;

Codesta stimolazione manuale, pertanto, risulta prescritta al fine di combattere la dolenza muscolare, al fine di distendere la muscolatura ed i tendini, incentivare il drenaggio linfatico e distendere il sistema nervoso.

Come viene effettuata la Massoterapia?

Gli specialisti della massoterapia tendono a prescrivere la stimolazione manuale a coloro che svolgono attività fisica ed agli atleti al fine di abbassare il defaticamento, velocizzare il rinvenimento ed incentivare la distensione muscolare successivamente all’uso.

Codesta terapia curativa non necessita di iniziazioni specifiche. Pertanto, il soggetto non deve seguire alcun regolamento precedentemente all’iniziazione della massoterapia. Codesta terapia si divide in ben 10 sessioni. La primaria risulta differente dalle successive, in quanto risulta iniatoria e prevede lo studio della salute del soggetto che si sottopone attraverso l’anamnesi medica.

Codesta inazione risulta di rivelante importanza, poiché conferisce allo specialista di redigere le zone laddove è migliore svolgere la terapia. Successivamente all’aver comprese i problemi da curare, vi sono le condizioni affinché si avvii la terapia.

Il soggetto rimuove il vestiario e si adagia sul lettino. Colui che svolge la terapia usa oli e pomate, poiché conferiscono un’elevata speditezza ed un’incentivante funzione modellatrice sul fisico del soggetto affetto. Fra le tecniche rientranti nella massoterapia vi sono:

  • Sfioramento, e dunque il far scivolare la mano superficialmente alla pelle ovviando la compressione;
  • Attrito, e dunque compressione elevata contrariamente a quella dello sfioramento;
  • Strofinamento, e dunque momento in cui le mani del masso-terapeuta restano a stretto contatto con la pelle del soggetto;
  • Impastatura, risulta essere una tecnica utilizzabile soltanto nel caso di compresenza di massa muscolare. Vi sono due differenti varietà di impastatura, quella superficiale e quella profonda;
  • Compressione, e dunque possibilità di incentivare l’assorbimento degli edemi e dunque della circolazione del sangue;
  • Percussione, tecnica che varia a seconda della problematicità del soggetto. Solitamente, l’obiettivo della percussione risulta essere, il miglioramento contrattile ed anabolico muscolare, incentivando la vascolarizzazione muscolare ed il sistema nervoso;
  • Fremito;

Controindicazioni della massoterapia

La massoterapia nel caso in cui viene svolta dal massoterapeuta risulta essere un trattamento curativo assicurato e senza alcuna complessità particolare. Difatti, sono ridotte le percentuali di subentro degli effetti collaterali. Fra quest’ultimo troviamo:

  • Dolenza momentanea;
  • Ringonfiamento;
  • Produzione di ematomi;
  • Allergie ai prodotti adoperati nel corso della massoterapia;

Codesto trattamento curativo tende a non essere consigliato a:

  • Soggetti femminili in fase di gestazione, poichè probabilmente dannoso per il feto. Ciò nonostante, in caso di precauzioni, risulta consigliato ovviare qualunque tipologia di stimolazione manuale;
  • Soggetti affetti da emofilia, lesioni cutanee, infezioni ed osteoporosi, in quanto la stimolazione deteriora ulteriormente le malattie. Ad esempio, l’emofilia causa emorragie ed il subentro di ematomi;
  • Soggetti che hanno subito un’operazione chirurgica recentemente;
  • Soggetti affetti da tumore;

Per chi è indicata la massoterapia

I benefici di codesto trattamento terapico risulta essere tutt’oggi alla base di ricerche scientifiche contrastanti. I risultati ottenuti hanno attestato che la stimolazione manuale risulti essere ottimale per il corpo umano sebbene vi siano opinioni contrastanti da parte dei massoterapeuti.

Difatti, codesto trattamento terapico vanta di funzioni calmanti ed ottimali specialmente per quanto concerne i fastidi riguardanti l’umore.

In aggiunta, risulta evidente che i soggetti, al fine di evidenziare i benefici, devono svolgere la stimolazione manuale senza interruzioni. Gli specialisti non consigliano la massoterapia a quelle terapia che sicuramente apporterebbero benefici, specialmente nel momento in cui la patologia risulta di estrema importanza.

Ciò nonostante, non ovvia la congiuntura della massoterapia ai trattamenti terapici antichi.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.