1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle(1 voti, voto medio: 5,00)
Loading...

Depressione: che cos’è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

Depressione: che cos'è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

La depressione è uno dei disturbi dell’umore maggiormente diffuso in tutto il mondo; si stima che almeno 15 persone su 100 ne soffrano. Per non parlare poi dei sintomi, i quali possono colpire soggetti aventi ogni età, nonostante siano maggiormente coinvolti quelli di età compresa fra i 25 e 44 anni.

Una giornata storta, un periodo in cui ci sentiamo tristi o giù di morale, o maggiormente irritabili è capitato a tutti; in questo caso però non siamo in presenza della depressione, ma soltanto di un calo dell’umore destinato a scomparire. La depressione clinica, maggiore, è invece una forma depressiva più lunga e dai sintomi differenti.

Che cos’è la depressione?

Pubblicità
Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

La depressione è vista in quanto patologia psichiatrica tra le più “comuni”, e può coinvolgere indistintamente sia adulti quanto giovani, bambini ed anziani. La patologia non colpisce soltanto sfera emotiva ed umore del soggetto, ma anche il corpo, con grande coinvolgimento dei comportamenti, portando così anche alla manifestazione di sintomi fisici. 

Lo stato depressivo può manifestarsi tanto in soggetti dal sesso maschile, quanto in soggetti dal sesso femminile, nonostante alcune ricerche abbiano dimostrato una maggiore affluenza nelle donne.

Cause della depressione

Alla depressione nono sono state ancora legate cause specifiche, che ne possano giustificare la manifestazione. In genere le si spiega basandosi sui modelli bio-psico-sociali, e le sue cause possono essere molte, e differenti da soggetto a soggetto, tra cui:

  • ereditarietà
  • ambiente sociale
  • relazioni affettive precoci
  • caregiver depresso
  • lutti familiari
  • lavoro…

Secondo alcune ricerche, però, le cause principali sono:

  1. Fattori biologici, e quindi una maggiore predisposizione genetica
  2. Fattori psicologici, dovuti alle esperienze, per lo più infantili, che possono rendere il soggetto più vulnerabile.

Quando la vulnerabilità biologica e psicologica si incontrano, non devono per forza sfociare nella depressione; una persona più debole potrà non soffrire mai del disturbo, se non incorrerà mai in eventi scatenanti o terrà buone relazioni.

All’origine può esserci sovente un evento stressante o particolari tensioni che possono turbare l’umore, facendo pensare alla propria vita come un qualcosa di non importante od accettabile. Risulta invece più semplice scovare la causa che ha generato il primo episodio depressivo, divenendo sempre più complicato se questi vanno ad aumentare.

Sintomi della depressione

sintomi associati alla depressione risultano essere variabili, ciò in base alla forma del disturbo e gravità, includendo poi il fatto che vi possano essere variabilità da soggetto a soggetto. Tra i principali sintomi che anticipano l’esordio della depressione possiamo avere:

  • Costante e marcato umore triste e basso
  • Frustrazione
  • Riduzione di interesse e pacere per qualsiasi attività
  • Bassa autostima
  • Scarsa concentrazione
  • Calo nel desiderio sessuale
  • Inappetenza
  • Insonnia
  • Astenia.

Alla depressione possono affiancarsi sovente stati d’ansia e addirittura pensieri suicidi e/o autolesionisti.

Diagnosi della depressione maggiore

In base al Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali, al fine di ottenere una buona diagnosi della depressione maggiore, è importante che vi sia la manifestazione di almeno 5 di questi sintomi:

  • Umore depresso, con tristezza, senso di vuoto e mancanza di speranza
  • Calo di interesse e piacere per qualsiasi attività
  • Forte calo di peso od aumento
  • Agitazione psicomotoria o rallentamento
  • Stanchezza cronica e scarse energie
  • Senso di indegnità e sensi di colpa marcati od inopportuni
  • Scarse capacità di concentrazione od indecisione patologica
  • Costanti pensieri suicidi o tentativi di compiere l’atto.

Possibili cure alla depressione

La terapia per la depressione è legata a molteplici fattori, partendo dalla sua forma e gravità. Il medico, una volta scelta la terapia, la potrà successivamente cambiare, basandosi anche sulla risposta che sta avendo sul paziente.

Le cure standard per la depressione, ad ogni modo, prevedono una terapia di combinazione, unendo poi un trattamento di farmaci con un trattamento psicoterapeutico. I farmaci che vengono maggiormente impiegati nella lotta del suddetto disturbo risultano essere i noti farmaci antidepressivi, tra i quali troviamo:

  • Antidepressivi triciclici, o TCA
  • Inibitori selettivi del reuptake di serotonina, o SSRI
  • Inibitori del reuptake di noradrenaline e serotonina, o NSRI
  • Inibitori selettivi del reuptake della noradrenalina, o NaRI
  • Modulatori della trasmissione serotoninergica, o SARI
  • Modulatori della trasmissione noradrenergica e serotoninergica, o NaSSA
  • Inibitori del reuptake di dopamina e noradrenalina, o DNRI
  • Inibitori delle monoammino ossidasi, o IMAO non selettivi e MAO-A selettivi.
Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.