1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Che cos’è il Coma etilico, quali sono i sintomi e come intervenire

che cos'è il coma etilico

Il coma etilico è molto frequente tra gli adolescenti e rappresenta una conseguenza dell’intossicazione da etanolo che nei casi più gravi può portare alla morte.

I sintomi che si manifestano in seguito ad esso sono vari tra cui arrossamento cutaneo, profondo stato d’incoscienza, alitosi, difficoltà respiratorie ed infine bradicardia e ipotermia, conseguenze più gravi di questo e qualora dovessero verificarsi, bisogna intervenire subito per evitare gravi danni.

Di seguito parleremo più nel dettaglio di cos’è il coma etilico e quali sono i sintomi che si manifestano nel nostro organismo.

Coma etilico: Che cos’è?

Il coma etilico è una delle più gravi conseguenze dell’intossicazione acuta da metanolo (alcol etilico), in seguito all’assunzione di una quantità tale che il nostro corpo non riesce a smaltire. L’organismo, ed in particolare il fegato, non riescono a metabolizzare l’alcol in quantità eccessive, quindi il nostro corpo reagisce bruscamente provocando un collasso dell’intero sistema che porta all’inattivazione progressiva di organi ed apparati. L’intossicazione determinata dall’alcol nel sangue viene raggiunta in tempi e modi che variano a seconda della corporatura e resistenza della persona.

Secondo alcuni parametri, il tasso alcolico che porta al coma etilico è uguale o superiore a 4 grammi per litro di sangue; c’è una differenza tra uomini, donne e ragazzi, per cui si calcola che il tasso limite è di 2,5 grammi/litro.

Sono da tener conto alcuni fattori come ad esempio l’assunzione di alcol a stomaco vuoto, che accelera il tempo di intossicazione, la resistenza di ciascun individuo e se questo è abituato o meno all’assunzione di alcol e all’assunzione di droghe associate ad esso.

Alcol etilico: Sintomi e conseguenze

Come già anticipato, i sintomi del coma etilico sono:

  • profondo stato d‘incoscienza della persona
  • arrossamento cutaneo
  • alitosi, dovuta alla massiccia eliminazione di alcol a livello alveolare

Nei casi più gravi si hanno problemi cardiaci e respiratori quali:

  • bradicardia, battito rallentato
  • respirazione irregolare e difficoltosa
  • ipotensione cioè abbassameto della pressione sanguigna, poichè l’alcol tende a dilatare arterie e vene che porta poi ad uno stato di ipotermia. Quest’ultima  è una condizione molto grave poichè quando si compromette il sistema di termoregolazione si incide anche sulle funzioni vitali determinando in alcuni casi la morte dell’individuo.

Cosa fare in caso di coma etilico

 Spesso il coma etilico viene sottovalutato perchè scambiato per una semplice ubriachezza, in realtà è una condizione grave e quando si verifica bisogna chiamare subito un’ambulanza. Il primo intervento da effettuare è provvedere a riscaldare la persona con una coperta o indumenti caldi per evitare l’ipotermia che è una conseguenza grave per l’individuo e talvolta può essere fatale; altra cosa da fare è reclinare la persona sul fianco nel caso avesse fuoriuscita di succhi gastrici o liquidi corporei, per evitare il soffocamento.

Coma etilico: Terapia di intervento

Di solito si interviene riducendo il pH del sangue e correggendo i livelli di glicemia. Come medicinale si utilizza l’acido piroglutammico per accelerare i processi metabolici ed il naloxone per risvegliare il paziente dal coma. Se il coma etilico è in stadio avanzato (ipotermia e difficoltà respiratorie) bisogna intervenire con respirazione artificiale e con l’utilizzo di coperte termiche o soluzioni saline calde.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.