1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Cera Carnauba: che cos’è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

Cera Carnauba: che cos'è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

La cera carnauba è una sostanza di origine naturale estratta direttamente dalle foglie di determinate palme, quale genere è quello della Copernicia, e al quale appartengono anche le specie Copernicia cerifera Copernicia prunifera (Mueller), una tipologia di palma originaria di Argentina, Sud America e regioni nord-orientali del Brasile, luogo dove vanta ancora un’odierna coltivazione.

Non sarà quindi un caso se il termine carnauba nasca proprio dal nome di un popolo indigeno proveniente dal Brasile.

Per carnauba si intende una pregiatissima cera di origine vegetale, quale notorietà le ha fatto guadagnare il nome di “regina delle cere”. Vanta una moltitudine di utilizzi che spaziano dal campo cosmetico a quello dell’industria alimentare.

Che cos’è la cera carnauba

La cera carnauba è lo strato superficiale di foglie e germogli della palma, ed il suo compito è quello di difenderli da sole ed acqua nel periodo delle piogge. Le foglie vengono raccolte nella stagione più arida, per poi esser poste ad essiccare al sole, e dopodiché le si vanno a raschiare e battere, così da staccarne tutta le cera.

Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

La lavorazione dipende strettamente dall’utilizzo che si dovrà fare della cera, infatti questa potrà essere raffinata, sbiancata, fusa oppure ammassata in piani ed ulteriori formati.
La cera carnauba viene purificata andandola a filtrare, centrifugare e poi sbiancare. A seconda del suo grado di purezza, questa la si va a suddividere in gruppi con sigle, quali: T1, T3 e T4.

La composizione della cera carnauba è fatta prevalentemente da esteri di acidi grassi idrossilati, tipo l’acido carnaubico e l’acido cerotico, ai quali si vanno poi ad unire alcoli grassi ed acidi idrossicarbossilici.

Ad occhio, la cera carnauba ha un colorito che può andare dal grigio-verdastro al giallo pallido, ma anche biancastro, in seguito al processo di decolorazione. La sostanza è insolubile in acqua, ma diventa solubile in determinati solventi, come ad esempio l’etilacetato. Il suo punto di fusione è molto alto, per cui risulta essere decisamente più consistenze rispetto ad altre cere, perciò la si va ad aggiungere così da incrementarne fusione, durezza e resistenza.

Proprietà della cera carnauba

Considerando le peculiarità, prima fra tutte il punto di fusione, e la strana composizione della cera carnauba, questa è in grado di regalare molteplici proprietà che la rendono utilizzabile in più ambiti.
La cera carnauba vanta infatti:

  • Proprietà emollienti per la cute;
  • Proprietà lucidanti;
  • Proprietà idrorepellenti, così da proteggere il prodotto su cui viene applicata dall’acqua;
  • Proprietà addensanti ed indurenti, ciò dovuto all’alto punto di fusione e resistenza al calore;
  • Proprietà conservanti.

Utilizzi della cera carnauba

Le importanti proprietà legate alla cera carnauba, fanno sì che questa venga utilizzata in differenti ambiti. Scopriamo insieme quali.

Uso alimentare

L’industria alimentare utilizza la cera carnauba, classificata con la sigla E903, per rivestire confetti, come i Tic Tac, prodotti da forno ricoperti, snacks tipo gli M&M’s, la frutta a guscio, caffè in grani e molteplici integratori.

Uso cosmetico

L’industria cosmetica utilizza la cera carnauba per produrre rossetti, visto l’effetto addensante e lucidante. Ma non solo! Viene infatti utilizzata anche per produrre creme, balsamo per labbra, mascara, ombretto in crema, deodorante, fondotinta, mascara ed eyeliner: viene sovente inserita anche all’interno di saponi solidi.

Uso farmaceutico

L’industria farmaceutica utilizza la cera carnauba in quanto agente di rivestimento per le compresse. Infatti questa fa sì che i principi attivi del medicinale vengano protetti da umidità ed ossidazione, comprendo inoltre odori e sapore sgradevole, andandone infine a migliorare l’aspetto estetico.

Ulteriori utilizzi

La cera carnauba vanta ulteriori utilizzi, come nel restauro delle pipe o dei pavimenti antichi. Infatti questa genera un film rigido in grado di donare lucentezza e resistenza alle usure, difendendole a lungo da sporco ed acqua. Per il medesimo scopo, viene utilizzata per produrre candele e cere per lucidare auto, tavole da surf e scarpe. Viene inoltre usata per rivestire carta e fabbricare matite e pastelli.

Controindicazioni della cera carnauba

La cera carnauba, ad oggi non ha riportato particolari controindicazioni, o studi i quali dimostrino la sua tossicità e pericolosità nell’uomo.

La sostanza risulta essere assolutamente ipoallergenica, per cui non portatrice di reazioni allergiche in seguito ad assunzione od utilizzo.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.