1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Vino Rosso: che cos’è, valori nutrizionali, proprietà, benefici e controindicazioni

Vino Rosso: che cos'è, valori nutrizionali, proprietà, benefici e controindicazioni

Generalmente noi individui assumiamo una serie di bevande di cui molto spesso non conosciamo le caratteristiche che queste ultime possono comportare.

Una tra queste è il vino rosso, una bevanda di tipo alcolico che viene generata dalla fermentazione dell’uva di colore nero.

Che cos’è il vino rosso?

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Si tratta di una produzione caratterizzata da una serie di fasi, prima di tutto vi è il momento clou, ovvero quel momento in cui gli acini e le bucce vengono tritati, questi sono caratterizzati dalle antocianine, ovvero una gamma di coloranti di tipo naturale che si unificano con il succo.

La produzione del vino rosso è caratterizzata inoltre da quello che è il contatto tra il mosto  e le bucce, questo contatto però non vi è nel momento in cui si va a produrre il vino bianco.

Con la fermentazione del mosto si ottiene un ricavato di vino che tende ad assumere un colore rossastro, questo colore in base all’invecchiamento del vino può variare dal viola al colore bordeaux.

Ce da sapere che sulla base delle diverse varietà di uva presenti, alle diverse lavorazioni con cui viene trattato il processo produttivo del vino, quest’ultimo può essere distinto in varie categorie.

Inoltre, un altro fattore che tende a distinguere le varie tipologie di vino esistenti sono quelle del contenuto alcolico che vanno dai 9 ai 14 gradi, il che significa che in 100 grammi di vino rosso vi è la presenza di una gradazione alcolica che va dagli 8,9 ai 12 grammi.

Per questo motivo, i vini rossi possono essere suddivisi in:

  • vini rossi leggeri, vengono frammentati in vitigni non ricchi di zucchero, per questo motivo la gradazione alcolica è molto bassa. Sempre sulla base del vitigno le bucce possono essere caratterizzate da sostanze con una colorazione più o meno ampia. Ricordiamo tra i vini rossi leggeri il nebbiolo e i lambruschi;
  • vini rossi strutturati, si differenziano dai vini rossi leggeri poiché le uve presenti in questi vitigni dove vengono prodotti questi vini sono ricche di tannini e di zuccheri. Ricordiamo tra i vini rossi strutturati quelli più importanti che sono i cabernet, il nero d’avola, il merlot. Questa tipologia di vini è caratterizzata da una forte astringenza generata dai tannini per questo motivo devono evolversi per anni all’interno delle botti o delle bottiglie.
  • vini rossi medi, questi vini si ottengono con le stesse uve che vengono utilizzate per la produzione dei vini strutturati, ma la caratteristica che li differenzia è quella della produzione. Ricordiamo tra questi vini il brunello di montalcino, il barolo, il barbaresco, i taurasi l’aglianico e tanti altri.

Valori nutrizionali del vino rosso

I vini hanno dei valori nutrizionali, che variano di vino in vino. Le caratteristiche di questi valori nutrizionali possono essere molteplici, ma ciò che influenza in modo particolare è il grado di alcool presente.

In Italia, secondo ciò che dice la normativa, i vini posso suddividersi in quattro categorie differenti:

  • vini da tavola o generico,  si tratta di una categoria di vini di alto consumo, si tratta di vini più economici e con una qualità più bassa rispetto alle altre categorie;
  • vini DOC, comprendono un’ampia varietà di vini che vengono frumentati con uve preseti in una specifica zona, e che rispettano un ordine di produzione;
  • vini DOCGsi tratta di una categoria di vini che per circa 10 anni è stata sotto controllo, inoltre rispettano una serie di requisiti di disciplina,
  • vini IGT,  categoria di vini prodotta con un 85% di uva raccolta in una determinata area geografica.

Proprietà, benefici e controindicazioni del vino rosso

Quando il vino rosso viene assunto con dosi specifiche, non fa male anzi può comportare anche una serie di benefici all’organismo di colui che lo assume.

Le proprietà del vino rosso sono caratterizzate dalla presenza all’interno della bevanda di quelli che sono i polifenoli. Proprio per questo motivo c’è da sapere che un bicchiere di vino rosso può comportare molti benefici all’organismo.

Inoltre i benefici che quest’ultimo può apportare sono:

  • abbassa il colesterolo, molti scienziati provenienti dall’Università della California hanno dimostrato che una giusta dose di vino può diminuire il colesterolo;
  • prevenire le patologie cardiovascolari, come abbiamo detto all’interno del vino vi è la presenza del resveratrolo questa sostanza permette di esplicare la prevenzione dell’ossidazione del colesterolo in circolo. Proprio per questo motivo il vino rosso, ha un effetto positivo nei confronti dell’organismo tendendo ad essere protettivo nei confronti di quelle che sono l’insorgenza di patologie cardiovascolari.
    Tra le altre prevenzioni che il vino rosso aiuta a prevenire ci sono: l’obesità, molte forme di cancro e infine quest’ultimo contrasta le patologie celebrale come l’Alzheimer.

C’è da sapere però che il vino rosso ma assunto in quantità limitate in quanto se vi è un abuso di quest’ultimo potrebbe succedere che si manifestino una serie di effetti collaterali, questi effetti collaterali potrebbero colpire il sistema nervoso centrale e periferico, il fegato, lo stomaco, la pressione, l’intestino o addirittura potrebbe creare dipendenza.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.