1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Parto eutocico: che cos’è e qual è il suo significato

Parto eutocico

È noto a tutti che esistono diversi tipi di parto: naturale, indotto o cesareo. Il parto naturale si divide in parto eutocico e distocico; la differenza tra i due è che il parto eutocico è un parto naturale spontaneo, nel quale il bambino viene espulso attraverso il canale vaginale senza l’aiuto di strumenti, come il forcipe o la ventosa, e senza dover indurre il travaglio con tecniche come la somministrazione di ossitocina. Il parto distocico o operativo è quello in cui il bambino viene espulso utilizzando strumenti come la ventosa o forcipe.

Come funziona il parto eutocico

Il parto eutocico si divide in quattro fasi:

  1. Fase prodromica o preparatoria: in questa fase si hanno contrazioni irregolari e poco dolorose, mentre i tessuti si preparano all’espulsione del bambino.
  2. Fase dilatante: in questa fase inizia il travaglio con contrazioni sempre più forti, frequenti e regolari e la dilatazione del collo dell’utero.
  3. Fase espulsiva: ultima fase del travaglio durante la quale avviene l’espulsione del bambino.
  4. Secondamento: fase nella quale viene espulsa la placenta.

Differenze tra: parto eutocico, parto indotto e parto cesareo

Garcinia Cambogia

Abbiamo accennato nella parte iniziale la differenza tra parto eutocico, parto indotto e parto cesareo, ma vediamoli più nel dettaglio:

  • Parto eutocico:  è il parto naturale (spontaneo), senza induzione del travaglio e senza utilizzo di strumenti per facilitare l’espulsione del bambino.
  • Parto distocico, detto anche parto operativo: si interviene con manovre manuali o con l’utilizzo di strumenti per facilitare l’espulsione del bambino. Gli strumenti utilizzati in questo tipo di parto sono la ventosa e il forcipe. Inoltre è possibile ricorrere alla manovra Kristeller che consiste nel dare una spinta sul pancione per far fuoriuscire il bambino.
  • Parto indotto: in questo tipo di parto il travaglio non comincia spontaneamente ma viene provocato  dalla somministrazione di farmaci (ossitocina, gel, fettuccia) oppure con una manovra manuale di scollamento delle membrane.
  • Parto cesareo: consiste in un intervento chirurgico, nel quale il bambino viene estratto dal ventre della madre effettuando un’incisione addominale.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.