1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Ligustro: che cos’è, proprietà, benefici e utilizzi in cucina

Ligustro: che cos'è, proprietà, benefici e utilizzi in cucina

Il Ligustro Ligustrum vulgare, chiamato anche “lacustro”, “vincastruzzo”, “inamore” e “canostrello”, altro non è che un arbusto che fa parte della famiglia delle Oleaceae. 
Il ligustro è facilmente reperibile nei boschi italiani ad un’altitudine di 1.000 metri circa.

Che cos’è il Ligustro?

Il ligustro è un arbusto boschivo, che può arrivare a toccare anche i 3 metri d’altezza.
La sua corteccia si presenta dal color grigiastro ed è molto malleabile: da questa viene estratto anche un colorante giallo.
Le sue foglie sono opposte e lanceolate, e il loro colore è verde scuro.
fiori, che sbocciano in primavera tra maggio e giugno, sono di colore bianco, e dalle piccole dimensioni, unite in pannocchie; emanano un gradevole odore, molto intenso, ed hanno un sapore leggermente amarognolo.

Aloe Ferox Bioness

frutti del ligustro altro non sono che delle bacche dal colore nero ed estremamente velenose; vista l’impossibilità di utilizzo sia in cucina che in fitoterapia, da queste viene estratto un colorante scuro e un inchiostro molto caratteristico.

Il legno estratto dal ligustro, è da sempre adoperato dai mastri artigiani per farne dei graziosi canestri: ciò dovuto al fatto che questi “legacci” risultano essere molto flessibili. A questo proprio si pensa sia dovuto il suo particolare nome: dal latino ligare. 

Proprietà e Benefici del Ligustro

All’interno dell’arbusto è possibile trovare:

  • tannini,
  • resina,
  • triterpeni glicosidi,
  • invertina,
  • olio grasso, 
  • olio essenziale,
  • vitamina C.

In fitoterapia, si utilizzano prevalentemente le sue foglie e i suoi fiori, i quali vengono essiccati lontano da fonti di luce. È assolutamente sconsigliato l’utilizzo della pianta fresca, così che le sue proprietà risultino efficaci e non pericolose per la nostra persona.

Al ligustro sono state riconosciute le seguenti proprietà:

  • astringenti,
  • cicatrizzanti,
  • detergenti,
  • toniche,
  • antinfiammatorie,
  • antisettiche,
  • stomachiche,
  • immunostimolanti.

Si suole fare dei preparati a base di ligustro per curare:

  • afte,
  • angina,
  • leucorrea,
  • diarrea,
  • reumatismi,
  • astenia,
  • stress,
  • infiammazioni di vario tipo.

Come precedentemente accennato, dal ligustro può essere ricavato anche un prezioso olio essenziale, le cui proprietà sono state largamente sfruttate anche dai nostri avi.
A tutti coloro che fumano si consiglia un infuso a base di foglie di ligustro: facendo dei gargarismi, si riescono a curare le infiammazioni del cavo orale.

Utilizzi del Ligustro

A livello curativo, ed in particolare contro afte dolorose e persistenti, viene consigliato un decotto fatto col ligustro. Qui di seguito vi spieghiamo come farlo:

INGREDIENTI: 10 g di foglie di ligustro, 10 g di fiori di ligustro essiccati, 100 ml d’acqua.

PROCEDIMENTO: Far bollire in acqua le foglie e i fiori di ligustro per almeno 10 minuti. Spegnere poi il fuoco e lasciare in infusione per almeno 5 minuti. Passato questo tempo, filtrare il composto e lasciarlo intiepidire. Procedere a fare poi dei quotidiani gargarismi.

Controindicazioni del Ligustro

Utilizzando il ligustro con una certa attenzione, non dovrebbe presentare particolari controindicazioni od effetti indesiderati.

Alle donne in gravidanza e/o allattamento, si consiglia di chiedere un parere medico prima di cominciare qualsiasi utilizzo.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.