1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle(1 voti, voto medio: 5,00)
Loading...

Crab Fitness: che cos’è, a cosa serve, come si effettua, benefici e controindicazioni

Crab Fitness: che cos'è, a cosa serve, come si effettua, benefici e controindicazioni

Quando si parla di crab fitness si vuole intendere un attrezzo pesante, o meglio, un sovraccarico, quale scopo è quello di effettuare variazioni nello svolgimento di una tecnica, ed ottimizzare quindi lo stimolo all’allenamento di differenti esercizi funzionali tabelle miste.

Che cos’è il Crab Fitness?

Il crab fitness trova grande utilità nel total body full workout, dando maggiore resistenza alle mosse naturali e balistiche multi-asse.

Pubblicità
Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

In inglese lo si traduce con “granchio”, e si è optato proprio per crab visto il design che riporta proprio al suddetto crostaceo.

Caratteristiche del crab fitness

Le peculiarità del crab fitness risultano essere molto particolari, nonostante vi siano certi aspetti che riportino proprio all’allenamento contemporaneo.
Fra le principali caratteristiche morfologiche del crab fitness troviamo:

  • Corpo centrale dalla forma tonda, allungata e poco appiattita.
  • Due maniglie ai lati, poste ai vertici più lontani, e per certi versi somiglianti al kettlebell, che si estendono nel corpo, generando una sola barra che funge da impugnatura centrale.
  • Totalmente cavo, con un foro largo su uno dei lati più lunghi, all’occorrenza inciso sul lato opposto.
  • Si presenta di un materiale ferroso verniciato, per cui molto rigido e quindi resistente.
  • Il suo peso è di 4,6 o 10 chili.
  • Il suo colore può variare.

A cosa serve il crab fitness?

Il crab fitness è quindi uno strumento complesso ma al contempo semplice ma efficace, vediamo perché:

  • E’ complesso per l’alta versatilità
  • E’ semplice vista la forma essenziale
  • E’ efficace per il suo stimolo dinamico delle sue mosse naturali e balistiche multi-asse.

Con il crab fitness si vuole perfezionare le capacità funzionali, e quindi la tecnica e la biomeccanica delle mosse naturali-fisiologiche, o meglio balistiche multi-asse. Il crab fitness risulta essere molto efficace per il complemento dei calisthenics, non entrando in opposizione ad alcuna disciplina; è invece molto utile nel workout del functional training, nel crossfit, nell’allenamento callistenico e così via. E’ possibile sfruttarlo anche nel full body o nel total body workout in multifrequenza.

Come si effettua il crab fitness?

Non è facile spiegare per iscritto l’uso del crab fitness in quanto questo, vista l’alta versatilità, può essere impiegato in molteplici combinazioni di pose e movimenti. Ci vogliamo quindi concentrare sulla sua impugnatura, così da usarlo in quanto sovraccarico o appoggio.

Il crab fitness può esser quindi utilizzato nei seguenti modi:

  • Impugnandolo ai lati con 2 mani, ponendolo orizzontalmente
  • Impugnandolo ai lati con una sola mano, e ponendolo verticalmente
  • Impugnandolo al centro con una sola mano, passandolo dal foro su un lato del corpo
  • In quanto base di appoggio, ponendolo con la parte del foro in basso, e salendo con i piedi ai lati, e quindi sulle impugnature, così da lasciarli in posizione orizzontale.

Benefici del crab fitness

Al crab fitness sono legati molteplici benefici, differenziabili in generali specifici. 
I benefici specifici vanno ad interessare la versatilità dell’attrezzo, e quindi alla sua adattabilità a differenti tipi di esecuzione motoria. I benefici generali sono invece legati all’intensità prescelta.

Benefici generali del crab fitness

Tra i benefici generali abbiamo:

  • Elevato consumo di energia con ottimizzazione della perdita di peso. Con il crab fitness si perdono infatti molte calorie, ed in combinazione ad un’adeguata dieta, si può ottimizzare proprio il dimagrimento.
  • Miglioramento nei parametri del metabolismo, tipo:
    → pressione arteriosa
    → colesterolemia
    → trigliceridemia
    glicemia
    → uricemia, soprattutto se si è in sovrappeso, si dimagrisce notevolmente.
  • Migliorie nel fitness cardiovascolare e respiratorio. E’ il frequente allenarsi che porta a cambi funzionali per quanto riguarda l’apparato respiratorio, prevalentemente di bronchi e muscoli correlati, ma anche per quanto riguarda il sistema cardiovascolare, per efficienza cardiaca, portata coronarica, ritorno venoso e così via.
  • Migliorie di forza, forza resistente, forza elastica, forza esplosiva ma anche forza veloce. 
  • Moderato stimolo ipertrofico funzionale.
  • Migliorie del metabolismo aerobico ed anaerobico lattacido.
  • Probabile instaurazione di EPOC, o meglio, “Excess Post exercise Oxygen Consumption“, che si può tradurre come “Consumo di ossigeno in eccesso post-allenamento”. Risulta essere l’indice di misurazione dell’incremento del consumo in ossigeno, dopo un allenamento che vuole soddisfare la carenza d’ossigeno dell’organismo. L’EPOC è fortemente correlato al carico di lavoro, o meglio intensità e volume, quindi, l’elevata intensità del crab fitness, in associazione al volume adeguato, può aumentare il suddetto parametro.

Controindicazioni del crab fitness

Le principali controindicazioni dell’uso del crab fitness, sono associate alle esistenti condizioni e/o patologie, ma anche a casistiche determinate. E’ quindi sconsigliato il crab fitness per:

  • Obesi eccessivi
  • Elevato sottopeso, prevalentemente con DCA, comune dell’anoressia nervosa, o AN.
  • Soggetti con rischio di ischemia cardiovascolare e cerebrale; è comunque il medico ad effettuare una valutazione della fattibilità dell’attività motoria.
  • BPCO, o broncopneumopatie croniche ostruttive, che non si possono controllare facilmente.
  • Gravi patologie del rachide ed ulteriori patologie articolari a spalla, gomito, polso, mano, anca, ginocchio, caviglia e piede. I suddetti sono esempi di discopatie, lombalgia, artrite reumatoide, artrosi in acuzie, instabilità articolare, lassità dei legamenti, piede piatto, sofferenza al tunnel carpale, epicondilite ed epitrocleite, pubalgie varie, sciatalgie e così via.
  • Scompensi sia posturali funzionali che anatomici, e quindi iperlordosi complicata, scoliosi e così via.
  • Malattie ai tendini croniche od acute, le quali possono limitare l’esecuzione del crab fitness, ma anche disagi alla spalla.
  • Fratture alle ossa di arti inferiori che si stanno rimarginando.
Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.