1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Olio essenziale di Carvi: che cos’è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

Olio essenziale di Carvi: che cos'è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

L’olio essenziale di carvi è ricavato dalla pianta Carum carvi. Tale pianta è conosciuta sin dall’antichità, tant’è che se ne parla addirittura in alcuni testi greci, come nel De materia Medica di Dioscoride, che ne celebrava le proprietà digestive e carminative.

Tale pianta poi è sopravvissuta nel tempo ed è arrivata fino ai giorni nostri. Ovviamente, nel corso dei secoli si sono scoperte numerose ed ulteriori proprietà benefiche di tale pianta, tra cui quelle che descriveremo qui di seguito.

Proprietà è benefici dell’Olio essenziale di Carvi

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

Sicuramente l’olio di carvi può apportare numerosi benefici al nostro organismo.

Una delle sue azioni principali è quella della stimolazione dell’appetito, accompagnate anche dall’accelerazione dei processi digestivi, grazie alla stimolazione delle secrezioni di succhi gastrici.
Stimola anche la peristalsi, regolarizzandola attraverso il rilassamento dei muscoli lisci dell’intestino.

Questo olio, inoltre, possiede delle proprietà antibatteriche ed antimicotiche, alleato perfetto contro funghi (come la Candida) e i batteri.

Sicuramente tale olio va ricordato anche per la sua azione carminativa: facilita l’espulsione dei gas intestinale e ne previene la formazione.

Infine, altra azione è quella di regolarizzare il ciclo mestruale, comportando anche una riduzione dei sintomi e dei dolori legati ad esso.

Utilizzi dell’olio essenziale di carvi

Grazie alle numerose proprietà ed azioni benefiche che possiede, l’olio di carvi può essere davvero considerato multifunzionale.

Può essere destinato, ad esempio, ad uso interno.
In questo caso di consiglia di assumerne 1 goccia mescolata con del miele o dello zucchero per risolvere problemi di digestione, alitosi o di flatulenza.

Oppure, potrebbe essere adottato per uso esterno come olio per massaggi. Aiuterà a contrastare spasmi e dolori muscolari. Può essere mescolato (nella quantità di circa due gocce) anche ad altri oli, come ad esempio quello di mandorle.

Infine, si potrebbe aggiungere qualche goccia alla vasca da bagno piena, primi di immergersi dentro. Vi si rilasseranno i muscoli ed i nervi, e sarà un ottimo antidoto per lo stress.

Controindicazioni dell’olio essenziale di Carvi

Per quanti benefici possa avere l’olio di carvi è anche portatore di molte controindicazioni.
Sicuramente ne è sconsigliata l’assunzione in caso di disturbi al fegato.
I principali effetti collaterali sono: vertigini, stati confusionali.
Inoltre si consiglia sempre di fare attenzione ad eventuali allergie ad uno dei suoi componenti, in tal caso potrebbero presentarsi degli effetti collaterali anche gravi.

Proprio per questo si consiglia sempre di rispettare le indicazioni del foglio illustrativo, e di consultare il medico per dosi e modi di somministrazione.

Descrizione della pianta

La pianta Carum carvi appartiene alla famiglia delle Apiaceae; è una pianta erbacea perenne. L’altezza massima che può raggiungere è un metro.
Le sue foglie si alternano a fiori di colore rosa o bianco. I frutti sono costituiti da semi dalla forma allungata. L’habitat naturale di questa pianta sono i luoghi di montagna e incolti (principalmente in Russia, USA e zona mediterranea).

Generalmente la pianta viene raccolta prima delle sua completa maturazione, in modo tale da poterne estrarre il miglior olio essenziale possibile.

L’olio viene ricavato attraverso la distillazione in corrente di vapore dei semi. Il suo profumo è aromatico e dolce.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.