1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Erisipela: che cos’è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

Erisipela: che cos'è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

L’erisipela è un’infezione acuta, causata dallo, interessa gli strati meno superficiali della cute, in particolare le ghiandole linfatiche.

L’infezione generalmente si presenta come un arrossamento ed un ingrossamento dei linfonodi.

Cause dell’erisipela

Pubblicità
Aloe Ferox Bioness

La principale causa dell’erisipela è l’attacco all’organismo da parte dello Streptococco β emolitico di gruppo A. Tuttavia questo non è l’unico batterio in grado di causare l’erisipela, ci sono anche gli stagilococchi, l’Haemophilus influenzae e l’Acinobacter.

E’ molto frequente, infatti, che tutti questi microorganismi raggiungano il nostro organismo penetrando attraverso la nostra pelle, ed in particolare grazie a: ferite, traumi, punture di insetti o altri tipi di infezioni che causano una lacerazione della cute (soprattutto quelle fungine).

Altri possibili fattori di rischio per l’insorgenza dell’erisipela sono:

  • una cattiva circolazione della linfa nei vasi appositi
  • la sottoposizione a interventi chirurgici, come asportazione della vena safena (in caso di insufficienza venosa)
  • il diabete

Contagio e trasmissione

Di per se’ l’erisipela non è contagiosa.
Ciò è avvalorato anche dal fatto che è un’infezione che colpisce gli astrati più profondi dell’epidermide, rendendo il contagio in ogni modo molto difficile.

Sintomi dell’erisipela

I sintomi di tale patologia si presentano al termine del periodo di incubazione, che generalmente dura 48 ore.
I principali sintomi che ci permetto di sospettare un’erisipela sono:

  • febbre alta (fino a 40°)
  • brividi diffusi in tutto il corpo
  • malessere generale
  • comparsa di chiazze, rigonfiamento di una zona della cute, la quale alla vista appare lucida ed al tatto molto liscia. Inoltre, questa zona lesa è ben delimitata
  • è possibile che sulla chiazza si formino delle bolle di sangue (erisipela bollosa)
  • è possibile che il tessuto colpito vada in necrosi (erisipela gangrenosa). Questa condizione si verifica principalmente negli individui con difese immunitarie basse
  • se l’erisipela colpisce gli arti inferiori, uno dei sintomi può essere anche il rigonfiamento della zona posteriore al ginocchio (cavo popliteo)
  • se l’erisipela colpisce il volto, uno dei sintomi può essere anche il rigonfiamento dei linfonodi posteriori alle orecchie
  • E’ possibile che l’erisipela guarisca in una zona del corpo e compaia in un’altra. (erisipela migrante)

L’erisipela si può diffondere in qualsiasi zona del corpo, sebbene gli arti inferiori e superiori siano quelli maggiormente colpiti.

Diagnosi dell’erisipela

Il principale metodo di diagnosi dell’erisipela, condotto dal medico, è l’analisi a livello clinico delle alterazioni cutanee e dei sintomi.

Possono esser predisposti anche degli esami di laboratorio, ma essi sono in realtà poco utilizzati in quanto vengono considerati una perdita di tempo: non vanno altro che confermare quanto è già stato osservato con l’esame clinico.

Tuttavia, l’esame di laboratorio può tornare utile per distinguere l’erisipela da altre due patologie che presentano sintomi simili ad essa:

  • l’eritema nodoso, che interessa l’ipoderma, infiammandolo; esso tuttavia non prevede la febbre come sintomo
  • la tromboflebite, ossia un’infiammazione delle vene che blocca i flussi sanguigni. Ciò ha come conseguenze rossori, eritemi e gonfiori

Complicazioni dell’erisipela

Se viene prontamente individuata e curata l’erisipela non comporta alcuna controindicazione, avendo anche un processo di guarigione molto veloce.

Se, invece, non viene repentinamente e adeguatamente curata l’infezione si può estendere fino alla fascia muscolare sottocutanea e provocare la necrosi dei tessuti.
Queste complicazioni sono particolarmente pericolose per i neonati, gli anziani e i soggetti con basse difese immunitarie.

Possibili cure dell’erisipela

La principale terapia per l’erisipela è l’assunzione di antibiotici per combattere il batterio che ne è la causa (penicilline, cefalosporine).
Se la zona infetta dovesse risultare dolorante è possibile associare agli antibiotici anche degli antidolorifici.

I tempi di guarigione sono molto brevi: un giorno o due. Tuttavia risulta essere anche molto recidiva, e quindi è possibili che si ripresenti periodicamente.
Per evitare la recidiva si consiglia di avere un’attenta igiene locale della zona colpita e controllare i fattori a rischio.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.