1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Condilomi acuminati: che cos’è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

Condilomi acuminati: che cos'è, cause, sintomi, diagnosi e possibili cure

Condilomi Acuminati sono l’espressione di una malattia a trasmissione sessuale dovute al virus HPV e si caratterizzano per la crescita di formazioni verrucose nella zona pelvica colpendo sia l’uomo che la donna.

E’ una malattia altamente contagiosa che può essere trasmessa attraverso qualsiasi forma di rapporto sessuale a rischio e il sintomo più comune è la comparsa di piccole verruche nella zona ano-vaginale.

Soggetti particolarmente a rischio sono coloro che risultano essere immunodepressi e tali verruche possono causare l’ insorgere di forme tumorali e di cancro anale.

Garcinia Cambogia

Il virus HPV ha un’incidenza pari circa al 60% nei soggetti sessualmente attivi, percentuale che arriva al 75-80%nei soggetti di età compresa tra i 15-20 anni.

La cura e il benessere della propria vita sessuale avviene anche attraverso l’ informazione e soprattutto attraverso la prevenzione, infatti fare sesso sicuro è fondamentale per evitare di contrarre infezioni malattie trasmissibili sessualmente.

Leggendo questo breve articolo scopriremo tutto quello che c’è da sapere sui Condilomi Acuti, che cosa sono, quali sono le cause ed i sintomi, in che modo vengono diagnosticati e in che cosa consiste il trattamento. Scopriamo ora qualcosa in più!

Che cosa sono i Condilomi Acuminati?

Come accennato in precedenza i Condilomi Acuminati sono delle verruche genitali che sorgono nella zona pelvica e indicano che l’organismo ha contratto una malattia a trasmissione sessuale.

Esse sono dovute alla presenza nell’organismo del virus HPV il quale può rimanere nell’ organismo latente per anni senza dare segni e senza manifestarsi.

Le verruche generalmente si presentano in forma di grappolo e aggrediscono le zone esterne del pene, della vagina o dell’ ano e sono altamente infettive e possono essere trasmesse mediante il semplice contatto, ma generalmente i rapporti non protetti sono la forma più comune di trasmissione.

I tipi 6 e 11 dell’ HPV sono responsabili di circa il 90-95 % dei casi di tale infezione.

Definiti “acuminati” perchè crescendo assumono la forma della cresta di un gallo o di un cavolfiore e il loro periodo di incubazione oscilla tra i 6 e i 12 mesi prima di fuoriuscire.

Essi provocano una sensazione di prurito dolore inoltre possono provocare danni all’ autostima e creare ansie e paure anche se in alcuni casi essi possono progredire naturalmente.

I tipi 16 18 dell’ HPV sono pericolosi in quanto possono favorire la formazione di masse tumorali maligne, situazione ancora più critica nel caso di soggetti sieropositivi.

Sintomi e Cause dei Condilomi Acuminati

Sintomi dei Condilomi Acuminati non sono molti e sono facilmente riconoscibili, infatti la sensazione di prurito e la fuoriuscita di verruche nella zona genitale denotano la presenza di una malattia sessuale.

Le Cause sono:

  • scarsa igiene personale
  • rapporti sessuali a rischio
  • HPV
  • immunodepressione

Esistono delle modalità di prevenzione, una delle principali è l’utilizzo del profilattico o della spirale vaginale.

Inoltre esistono dei vaccini che proteggono l’ organismo dal Papilloma Virus, ma ha natura solo preventiva e non terapeutica e può essere richiesto solo se non si è contratto il virus.

Diagnosi e possibili cure dei Condilomi Acuminati

La diagnosi avviene mediante un semplice controllo dal ginecologo o dall’urologo che mediante un semplice esame visivo potrà constatare la presenza delle verruche.

In altri casi, soprattutto per le donne, sarà necessario il pap test e sempre utili possono essere l’ecografia pelvica e transvaginale; in più il vostro medico potrà prescrivervi gli esami del sangue e delle urine così da avere un quadro completo della situazione.

La terapia invece può essere diversificata:

  • trattamento farmacologico a base di podofillina
  • criochirurgia: i condilomi vengono asportati dopo che sono stati congelati mediante un tampone ad azoto liquido;
  • laserterapia: attraverso un laser e un’ anestesia vengono eliminate le verruche;
  • elettrocoagulazione 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.