1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Olmaria: che cos’è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

Olmaria: che cos’è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

Conosciuta ugualmente col denominativo di aspirina vegetale, e dunque pianta officinale è l’Olmaria. Quest’ultima risulta ottimale specialmente sotto forma di trattamento curativo naturale per determinate tipologie d’infiammazione.

Che cos’è l’Olmaria?

Dal denominativo scientifico Spirea Ulmaria, e dunque pianta erbacea perenne conosciuta ugualmente col denominativo di ulmaria, regina dei prati oppure spirea è l’Olmaria. Rientrante nel complesso familiare delle Rosaceae, risulta provenire dal continente Europeo pur non essere particolarmente noto nei paesi del Mediterraneo. Si sviluppo specialmente nelle aree umide sino a 1500 mt. di altura.

Pubblicità
Piperina e Curcuma Plus Natural Fit

Per quanto concerne la proliferazione in Italia, tende ad essere particolarmente presente nel Trentino Alto Adige. Ha boccioli di tonalità biancastra e presenta un odore particolarmente percettibile durante l’estate. Risulta essere una pianta avente caratteristiche benefiche terapeutiche e scarse avvertenze. Date le caratteristiche benefiche terapeutiche, risulta ottimale al fine di curare dolenza ed infiammazioni.

Tende ad essere difatti vista similmente ad un’aspirina naturale di derivazione vegetale. Adoperata in svariati modi, la spirea risulta alquanto esemplificata da rintracciare presso gli erborai, le parafarmacie ed i siti internet. Il denominativo botanico di codesta pianta proviene dal greco speira, data la conformazione dei frutteti spiroidali. Ulmus, contrariamente, risulta essere un denominativo causa della similarità del fogliame di codesta pianta all’arbusto dell’olmo.

Proprietà dell’Olmaria

Per quanto concerne gli utilizzi terapeutici di codesta pianta, tendono ad essere utilizzate le estremità dei boccioli, colte durante l’estate. In codeste aree risulta compresenti sostanze come: flavonoidi, tannini, vitamina C, oli essenziali e mucillagini.

Vanta di caratteristiche benefiche favorenti la diuresi, antinfiammatorie e lassative. Ulteriori sono le caratteristiche benefiche antispasmodiche e antalgiche ottimali al fine di contrastare stati febbrili, influenza e cefalea. Tende ad essere adoperata al fine di curare dolenza alle articolazioni e reumatismi.

Codesti utilizzi nel campo terapeutico risultano causa specialmente della compresenza di sostanze denominate salicina oppure acido salicilico. Codesto principio attivo risulta essere il composto peculiare col quale tende ad essere riassunta sotto forma chimica l’aspirina.

Codesta pianta opera, in aggiunta, funzione prosciugante ottimale al fine di contrastare cellulite ed edemi. Difatti, permette di incentivare la rimozione dell’acido urico e di ulteriori sostanze accatastate all’interno del corpo.

Utilizzi dell’Olmaria

Al fine di avvantaggiare delle caratteristiche benefiche terapeutiche, l’olmaria tende ad essere assimilata in svariate metodologie. Molteplici soggetti tendono ad assimilarla sotto forma di infusi per utilizzi interni, oppure sotto forma di decotti per utilizzi esterni così come tintura madre.

Per quanto concerne gli usi esterni, risulta probabile produrre applicazioni con garze composte da estratti dell’arbusto. Codeste applicazioni devono susseguentemente essere poste sull’area affetta da reumatismi e dolenza alle articolazioni.

Al fine di curare febbre, contrariamente, risulta possibile produrre bibite sotto forma di infuso ponendo 1 cucchiaio di boccioli all’interno di una tazzina di tè a base di acqua rovente. Susseguentemente ai 10 minuti, risulta possibile abbeverarsi delle bibita previo filtraggio del composto. Codesta pianta tende ad essere assimilata anche come gocce. La dose raccomandata prevede la somministrazione di 30 gocce da congiungere all’interno dell’acqua per 3 volte al dì.

I benefici terapeutici di codesti estratti vegetali tendono ad essere ricavati mediante la somministrazione delle compresse. Le stesse risultano consigliate specialmente per curare inestetismi quali: cellulite e ritenzione idrica.

Controindicazione dell’Olmaria

Sporadicamente risulta possibile evidenziare arrossamenti alla mucosa gastroduodenale susseguentemente alla somministrazione. Tuttavia, si sconsiglia la somministrazione a soggetti affetti da fastidi quali gastrite.

Risulta controindicato l’utilizzo della pianta a soggetti affetti da ipersensibilità al prodotto oppure ad uno degli ingredienti di cui si compone. In aggiunta, l’utilizzo risulta sconsigliato a soggetti affetti da allergie ai salicilati, e dunque sostanze rintracciabili all’interno dell’aspirina. Spesso, però, la somministrazione causa effetti collaterali preponderanti. Gli stessi accrescono in caso di somministrazione congiunta ad ulteriori componenti, quali: bevande alcoliche, prodotti farmacologici calmanti e barbiturici, antidiabetici orali, antinfiammatori oppure prodotti farmacologici anticoagulanti e antiaggreganti.

Probabile accrescimento degli effetti collaterali risulta similare nel caso di somministrazione di FANS, metotrexate, ACE-inibitori e prodotti antidiabetici da somministrare per via orale. Tuttavia, risulta raccomandabile avviare la somministrazione del composto susseguentemente alla consultazione specialistica.

Susseguentemente alla somministrazione, risulta possibile anche se sporadicamente, vedere la comparsa di arrossamenti alla mucosa gastroduodenale. Si sconsiglia la somministrazione dell’olmaria a soggetti affetti da allergie ai salicitali (quali l’aspirina) oppure risulta particolarmente sensibili a codeste tipologie di componenti.

Le sostanze contenenti spirea risultano acquistabili presso erboristerie, parafarmacie, negozi specifici e siti internet. Ciò nonostante, risulta possibile acquistare codesti composti sotto forma di integratori alimentari aventi all’interno ulteriori sostanze, come: vitamine, minerali e estratti di ulteriori piante.

Ulteriori estratti vegetali contenenti spirea ulmaria, risultano acquistabile sotto forma di gocce. Le stesse tendono ad essere estratte susseguentemente a procedimenti di macinatura della pianta.

Il prezzo di un involucro contenente 50 ml di prodotto non supera gli 11€. Contrariamente, il prezzo di 50 compresse a base di estratti di spirea ulmaria si aggira attorno ai 9€.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.