1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota
Loading...

Okitask: Bustine contro il Mal di Testa, funzionano davvero? Recensioni, opinioni e prezzo

Okitask, prodotto dell’azienda Dompé farmaceutici S.p.A, è un antinfiammatorio ed antireumatico, indicato per dolori di diversa natura, soprattutto come mal di testa e mal di denti. Grazie al suo principio attivo al Ketoprofene (ketoprofene sale di lisina), va ad agire direttamente sulla fonte del problema.

Okitask è venduto in confezione da 40mg sotto forma di granulato e per uso strettamente orale. Inoltre è possibile trovare Okitask sia nella confezione da 10 bustine, sia nella confezione da 20 bustine, sia nella confezione da 30 bustine.

Che cos’è e come funziona Okitask?

Okitask è un antinfiammatorio ed un antireumatico, indicato soprattutto per combattere mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori mestruali, muscolari e osteoarticolari, grazie al suo principio attivo al ketoprofene sale di lisina.

Prima di cominciare una terapia con Okitask, è consigliabile dapprima il parere del medico curante. In alcuni casi è preferibile diminuire la somministrazione di difenilidantoina o di sulfamidici che dovrebbero essere dosati simultaneamente.
Nel caso in cui si stesse effettuando una terapia a base di litio, il simultaneo dosaggio di antinfiammatori non steroidei, potrebbe generare innalzamento dei livelli plasmatici del litio.

Gli antinfiammatori non steroidei in qualche caso provocano aumento degli effetti degli anticoagulanti (come warfarin o eparina), andando a diminuire gli effetti di diuretici e di altri antipertensivi. Unione tra ACE inibitori o antagonisti dell’angiotensina II deve essere effettuata in maniera molto cauta, soprattutto dopo consultazione medica in particolar modo per gli anziani.

Sono probabili le interazioni con medicinali come ipoglicemizzanti orali (sulfaniluree), antinfiammatori e metotressato.

Ingredienti e composizione di Okitask

All’interno di Okitask, è possibile trovare il ketoprofene sale di lisina quale principio attivo fondamentale.

Tra gli ulteriori componenti possiamo distinguere eccipienti quali: povidone, silice colloidale, idrossipropilmetilcellulosa, eudragit EPO, sodio dodecil solfato, acido stearico, magnesio stearato, aspartame, mannitolo, xilitolo, talco, aroma lime, aroma limone, aroma frescofort.

Avvertenze sull’utilizzo di Okitask

Si consiglia di non utilizzare Okitask per periodi troppo duraturi; in caso non vi sia risultato dopo il suo utilizzo è opportuno rivolgersi al medico curante.
Sconsigliato a soggetti che soffrono di porfiria epatica, poichè il farmaco potrebbe generare un attacco.

Si consiglia un utilizzo dell’antinfiammatorio molto moderato soprattutto da parte degli anziani, poiché molto più predisposti a reazioni contrarie come disfunzione renale, cardiovascolare od epatica.

Si possono verificare in alcuni soggetti che vanno ad utilizzare gli antinfiammatori, emorragie gastrointestinali, ulcerazioni e perforazioni talvolta anche fatali; in questi casi la terapia deve essere sospesa in maniera immediata.
Il contenuto di ketoprofene sale di lisina può risultare più grave rispetto ad altri antinfiammatori, poichè in grado di generare tossicità gastrointestinale.

Sovradosaggio di Okitask

Si sono studiati alcuni casi in cui il lieve sovradosaggio di Okitask ha generato dei sintomi non eccessivamente gravi. Tra questi riconosciamo: letargia, sonnolenza, mal di testa, vertigini, confusione e perdita di coscienza, dolore, nausea, vomito, dolore epigastrico, emorragia gastrointestinale, ipertensione, depressione respiratoria e cianosi.

Un sovradosaggio più elevato di Okitask, può essere tamponato con lavanda gastrica, oppure si consiglia un trattamento al fine di compensare la disidratazione.
Nel caso in cui vi sia insufficienza renale, si raccomanda un’emodialisi.
In caso di assunzione involontaria si consiglia di ricorrere al medico curante o all’ospedale al più presto. Nel caso si avverta sonnolenza o vertigini e convulsioni, si sconsiglia di guidare o svolgere attività simili.
Il suo contenuto di aspartame quale fonte di fenilalanina lo rende inadatto a pazienti con fenilchetonuria.

Gravidanza e Allattamento

In caso di presente o futura gravidanze e/o allattamento, si consiglia di rivolgersi al medico curante prima di cominciare qualsiasi terapia. In questi casi l’uso di Okitask è altamente sconsigliato, in quanto si potrebbe andare incontro a rischio di aborto e malformazioni cardiache e gastriche.

Da evitare assolutamente l’utilizzo nel primo trimestre della gravidanza e il dosaggio deve essere molto limitato. L’uso di Okitask nel primo trimestre della gravidanza, può generare nel feto:

  • tossicità cardiopolmonare;
  • disfunzione renale, che può svilupparsi in insufficienza renale con oligo-idroamnios;

L’uso di Okitask alla fine della gravidanza, puù generare nella mamma e nel bambino:

  • probabile prolungamento del tempo di sanguinamento, ed effetto antiaggregante in dosi molto basse;
  • blocco delle contrazioni uterine sfocianti in ritardo o prolungamento del travaglio.

Assolutamente vietato in fase di allattamento.

Come si assume Okitask bustine granulato per mal di testa

L’utilizzo di Okitask deve strettamente attenersi a ciò che viene consigliato dal medico o farmacista, o da come viene riferito sul foglietto illustrativo.

Agli adulti e bambini di età non inferiore ai 15 anni si consiglia 1 bustina, una o 2-3 volte al giorno. Indicata l’assunzione soprattutto dopo i pasti. Nel caso sia presente asma, pregressa ulcera peptica, cardiopatia, epatopatia o nefropatia è bene rivolgersi al medico curante.

Okitask 40 mg granulato, può essere appoggiato direttamente sulla lingua. Si scioglie grazie alla saliva, per questo motivo non c’è necessità di acqua. Si consiglia di attenersi alle dosi consigliate.

Opinioni e controindicazioni sull’uso di Okitask

 Okitask è controindicato nel caso in cui vi sia:

  • Ipersensibilità al ketoprofene o altri eccipienti in esso contenuti;
  • Eruzioni cutanee, rinite, asma determinate dall’uso di altri farmaci antinfiammatori non steroidei;
  • Ulcera gastrica o duodenale, gastrite e disturbi digestivi cronici, emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione;
  • Leucopenia (diminuzione dei globuli bianchi), piastrinopenia (diminuzione delle piastrine), emorragie in atto o diatesi emorragica (predisposizione alle emorragie);
  • Trattamenti anticoagulanti in corso;
  • Forte insufficienza renale, epatica o cardiaca;
  • Uso simultaneo di altri antinfiammatori e acido acetilsalicilico;
  • gravidanza e allattamento;
  • ragazzi al di sotto dei 15 anni;
  • Significativi interventi chirurgici.

Da conservare in un luogo fresco e asciutto a 30° lontano da fonti di luce e di calore. Conservare il foglietto illustrativo.
Attenzione: tenere lontano dalla portata dei bambini inferiori a 15 anni, non superare il dosaggio consigliato. Si prega di non utilizzare la confezione se risulta danneggiata o manomessa, rispettare la data di scadenza che vale per il prodotto conservato correttamente.

Effetti Indesiderati

Un uso eccessivo del medicinale, può dare vita ad effetti indesiderati, anche se non tutti i soggetti li mostrano. Tra quelli più noti ricordiamo le ulcere peptiche, perforazione o emorragia gastrointestinale, talvolta fatale, soprattutto negli anziani.

Si consiglia di leggere attentamente il foglietto illustrativo, e di contattare preventivamente il medico in caso di effetti indesiderati di qualsiasi natura.

Recensioni di chi ha utilizzato Okitask granulato

Di seguito riportiamo alcune recensioni raccolte sui forum di persone che hanno utilizzato l’antinfiammatorio ed un antireumatico Okitask, e hanno lasciato una loro testimonianza:

Angelo Benfenati, 35 anni: ogni qualvolta torno dal lavoro porto con me anche un fastidiosissimo mal di testa. Ho chiesto al medico e mi ha consigliato Okitask. Ora lo porto sempre con me, anche perchè è molto pratico e maneggevole.

Margherita Ranieri, 25 anni: io l’ho usato per il mio mal di denti, ma subito dopo l’utilizzo mi veniva un fortissimo mal di pancia e non potevo fare altro che correre in bagno. Ho provato con altro. Questo è troppo forte per me.

Viviana Casillo, 40 anni: io lo uso di tanto in tanto perchè è un medicinale molto forte e devo dire che così facendo mi trovo molto bene. Vado avanti così.

Dove acquistare e quanto costa Okitask

L’antinfiammatorio ed un antireumatico Okitask appartiene alla categoria C e quindi non necessita di una prescrizione medica. È facilmente reperibile in farmacie, parafarmacia, in rete e sul sito ufficiale del rivenditore.

Troverete il prodotto al prezzo di listino di:

  • 6,00€ nella confezione da 10 bustine;
  • 10,00€ nella confezione da 20 bustine;
  • 13,00€ nella confezione da 30 bustine.

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.